09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/03/2016, 12.47

    YEMEN

    Vicario dell'Arabia: Uccise per motivi religiosi le suore di Madre Teresa in Yemen



    Ad AsiaNews mons. Paul Hinder parla di “segnale chiaro” e di attacco che “ha a che fare con la religione”. Sequestrato il sacerdote che viveva nella struttura, la superiora è riuscita a salvarsi riparandosi in un nascondiglio. Nel raid morte quattro religiose e dieci civili. Per il Vicario "hanno sacrificato la loro vita seguendo il proprio carisma".

    Sanaa (AsiaNews) - Stamattina alle 8.30 "persone in uniforme hanno fatto irruzione nel compound dove vivono le missionarie della Carità e hanno ucciso il guardiano e tutti gli impiegati che si sono frapposti sul loro cammino. Poi hanno raggiunto le suore e hanno aperto il fuoco, quattro sono morte e una di loro è riuscita a nascondersi e si è salvata. Ora è in un posto sicuro”. È un racconto drammatico quello che fa AsiaNews mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale, sull’assalto “per motivi religiosi” di questa mattina al convento delle Suore Missionarie della Carità ad Aden, città nel sud dello Yemen.

    Le vittime sono suor Anselm, dell’India, suor Marguerite del Rwanda, suor Judit del Kenya e suore Reginette originaria del Rwanda. Si è invece salvata la superiora, che è riuscita a rifugiarsi in un nascondiglio. Gli assalitori avrebbero inoltre sequestrato padre Tom Uzhunnalil, un sacerdote salesiano che viveva nella struttura, il quale al momento dell’assalto “era nella cappella a pregare”. Le vittime totali sono 14: quattro religiose e dieci laici, impiegati della comunità che accoglieva anziani e disabili. 

    Per mons. Hinder il “segnale è chiaro: si tratta di un qualcosa che ha a che fare con la religione”. 

    “Noi sapevamo che la situazione era difficile - prosegue il prelato - e che le suore [già in passato oggetto di attacchi mirati] correvano un certo rischio”. Tuttavia, aggiunge, “avevano deciso di rimanere qualsiasi cosa capitasse, perché questo fa parte della loro spiritualità. Del resto era chiaro che “la zona non era sicura”, anche se non vi erano state particolari avvisaglie ed “è difficile avere notizie”. 

    Nel luglio del 1998 altre tre suore dell'ordine delle Missionarie della Carità fondato da Madre Teresa di Calcutta vennero uccise sempre in Yemen da un uomo armato mentre uscivano dall'ospedale della città di Hodeida. Le autorità di Sana'a dissero all'epoca che l'aggressore era uno ''squilibrato saudita''. Due delle missionarie uccise, suor Lilia e suor Anneta, erano di nazionalità indiana, mentre la terza, suor Michelle, era originaria delle Filippine.

    Dal gennaio dello scorso anno la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita, sostenuta dall’Arabia Saudita, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel mese di marzo, i sauditi a capo di una coalizione hanno lanciato raid aerei contro i ribelli nel tentativo di liberare la capitale Sana’a e riconsegnare il Paese al presidente (prima in esilio, poi rientrato) Abdu Rabu Mansour Hadi. 

    Per l’Arabia Saudita gli Houthi, alleati alle forze fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh, sono sostenute sul piano militare dall’Iran; un’accusa che Teheran respinge al mittente con sdegno. Nel Paese sono inoltre attivi gruppi estremisti legati ad al Qaeda e milizie jihadiste legate allo Stato islamico, che hanno contribuito ad aumentare la spirale di violenza e terrore.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/03/2016 12:51:00 YEMEN
    Vicario dell’Arabia: Suor Sally, scampata al massacro di Aden, sta bene ma è sotto shock

    Mons. Hinder ha incontrato la superiora delle Missionarie della Carità dello Yemen, ora al sicuro all’estero. È “provata”, ma in condizioni generali “accettabili”. Ora ha bisogno “di pace e tranquillità”. Ancora incerta la sorte del sacerdote. Aperti i canali, ma è necessaria cautela e prudenza. In Yemen situazione umanitaria “precaria”, condizioni difficili per milioni di persone. 



    07/03/2016 11:14:00 YEMEN
    Vicario dell'Arabia: Nessuna notizia del sacerdote rapito. Al sicuro la suora scampata al massacro di Aden

    Ad AsiaNews mons. Hinder conferma che sono stati aperti i “canali governativi” per verificare la sorte di p. Tom. Ma al momento non si sa nemmeno “se è ancora vivo”. La superiora, unica sopravvissuta al massacro, trasferita oggi “fuori dal Paese”. Yemeniti sotto shock condannano l’attacco. Mons. Ballin col Papa: "Troppa indifferenza attorno a questa vicenda brutale". 



    29/03/2016 11:15:00 YEMEN
    Vicario d’Arabia: p. Tom è ancora vivo, false le voci di una sua crocifissione

    Ad AsiaNews mons. Hinder parla di segnali “forti” in base ai quali il salesiano sequestrato dai jihadisti è “nelle mani dei suoi rapitori”. Il presule respinge le notizie di una sua uccisione e definisce un “processo difficile” il lavoro in atto per il suo rilascio. Nel fine settimana blog e media hanno rilanciato la notizia (falsa) della crocifissione del sacerdote indiano. 



    18/03/2016 11:48:00 YEMEN
    Il martirio delle suore in Yemen nel racconto di suor Sally, unica sopravvissuta

    La superiora della comunità di Aden ha affidato a una consorella le drammatiche fasi dell’assalto alla casa di cura per anziani e disabili. Le suore sono morte per la “fedeltà” alla loro missione, facendosi trovare pronte “ad accogliere lo sposo”. Un sacrificio di sangue nella speranza che sia “germoglio di pace per il Medio oriente e perché serva a fermare l’Isis”. La lettera autografa (Pdf).



    18/05/2016 10:57:00 YEMEN - INDIA
    Delhi: p. Tom "sta bene", ultimi sforzi per il rilascio. Il vicario d’Arabia chiede prudenza

    Fonti del governo indiano riferiscono che il salesiano rapito in Yemen è vivo, sta bene e sono in atto gli passaggi per assicurarne la liberazione. Egli non sarebbe nelle mani dello Stato islamico, ma di “forze anti-governative”. Mons. Hinder invita alla cautela perché “non vi sono elementi nuovi”. Resta l’ottimismo, ma serve prudenza. 





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®