22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/11/2017, 15.35

    CINA

    Yang Tongyan, attivista di piazza Tiananmen, muore di cancro appena uscito dalla prigione



    Ad agosto, la diagnosi di tumore al cervello e l’operazione. Gruppi per i diritti umani denunciano: Pechino rilascia gli attivisti a poche settimane dalla morte. 

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Yang Tongyan, scrittore dissidente di 56 anni, è morto due giorni fa per un tumore al cervello. La malattia gli era stata diagnosticata ad agosto, quando è stato rilasciato dalla prigione di Nanchino, in libertà condizionata per motivi di salute. Il 23 agosto, lo scrittore si è sottoposto a un’operazione per rimuovere il tumore “aggressivo”.

    Yang aveva quasi finito di scontare la condanna a 12 anni di prigione per “sovversione”. Vincitore nel 2008 del premio “Pen’s Freedom to Write” e membro del centro cinese indipendente “Pen”, Yang è stato condannato nel 2006 per aver pubblicato alcuni articoli critici del governo. Su di lui pesavano già 10 anni spesi in prigione con l’accusa di crimini “contro-rivoluzionari” dovuti alla sua partecipazione al movimento di Piazza Tienanmen nel 1989.

    Né l’ospedale Huashan a Shanghai, che si pensa lo avesse in cura, né gli ufficiali della prigione di Nanchino hanno rilasciato dichiarazioni. La portavoce del ministero degli esteri ha commentato di non essere informata riguardo eventuali richieste di cure all’estero avanzate da Yang.

    Gruppi per i diritti umani denunciano il comportamento di Pechino che rilascia gli attivisti in condizioni di salute critiche solo poche settimane prima della loro morte. L’esempio più noto di questo schema è il vincitore del premio nobel Liu Xiaobo, morto quest’estate. Liu non è il primo: nel 2013, Cao Shunli era stata arrestata mentre si dirigeva a Ginevra per un incontro Onu sui diritti umani in Cina. L’attivista è poi morta in custodia, dopo che le erano state rifiutate le cure mediche.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/06/2016 08:46:00 CINA
    Dopo 40 giorni di sciopero della fame, peggiora la situazione del dissidente Guo Feixiong

    L’attivista cinese è stato condannato nel dicembre 2015 a sei anni di carcere per aver “turbato l’ordine sociale”. Ha già passato diverso tempo in galera per il suo impegno all’interno del movimento democratico. Lo sciopero dagli alimenti è stato lanciato per protestare contro le torture e il trattamento umiliante destinato ai prigionieri politici nelle carceri cinesi. Ha perso un terzo del suo peso.



    21/09/2006 CINA
    In carcere altri tre dissidenti cinesi

    La polizia ha fermato Yang Maodong, Zhang Jianhong e Chen Shuqing con l'accusa di aver pubblicato su Internet degli articoli "sovversivi" e di aver condotto "affari illegali". I tre erano tutti noti alle autorità per il loro impegno pro-democrazia.



    12/10/2009 CINA
    Attivista detenuto per ore: scritta “anti-rivoluzionaria” sulla maglietta
    La scritta ritenuta “pericolosa” criticava “la dittatura del partito unico” ed era di Liu Xiaoqi. La campagna contro gli slogan sulle magliette dura dalle Olimpiadi dello scorso anno. Vittime anche alcuni membri di Carta 08.

    09/11/2010 CINA
    A un mese dal Nobel a Liu Xiaobo, nuovi arresti fra i dissidenti cinesi
    Pechino “festeggia” la ricorrenza arrestando altri membri della dissidenza. Fermato alla dogana Mo Shaoping, che ha difeso in tribunale quasi tutte le personalità contrarie al regime.

    30/10/2010 CINA
    Dissidenti cinesi internati a forza in ospedali psichiatrici
    Una campagna denuncia casi eclatanti. Dissidenti sottoposti a ricoveri forzati di anni, elettroshock sistematici e incatenati. Human Rights Watch: così il Partito comunista cinese ha fatto da quando prese il potere. Nobel a Liu Xiaobo: decine di suoi amici in arresto, proibito andare a ritirare il premio.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®