13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/11/2017, 11.15

    MYANMAR-VATICANO

    Yangon, i giovani cattolici ‘rinvigoriti’ dall’incontro con papa Francesco

    Paolo Fossati

    Si chiude il viaggio apostolico del pontefice in Myanmar. Più di 6mila persone alla messa con i giovani. La gioia dei ragazzi appartenenti ai gruppi etnici. Dall'inviato.

    Yangon (AsiaNews) – Dall’incontro con papa Francesco i giovani birmani escono “rinvigoriti, più forti nella fede”. È quanto dichiara ad AsiaNews Jiosep Porlwin (foto), 29 anni, a capo di un gruppo di ragazzi di Taunggyi, capitale dello Stato orientale dello Shan, che ha preso parte alla messa con i giovani che questa mattina ha chiuso lo storico viaggio del pontefice in Myanmar. “L’annuncio di questa visita è stato per tutti noi una meravigliosa sorpresa. Appena ne siamo venuti a conoscenza, abbiamo iniziato a prepararci per l’arrivo del papa. Per quattro mesi noi ragazzi della diocesi ci siamo riuniti ogni domenica per pregare insieme a cantare inni di ringraziamento”, racconta Jiosep. “La presenza di papa Francesco nel Paese, ci ha regalato momenti fantastici, che non dimenticheremo mai. La messa di ieri al Kyaikkasan Ground ha riunito tutti i gruppi etnici, per noi è stato un momento molto significativo. Sono molto felice che il papa abbia trovato il tempo da dedicare anche a noi giovani. Ancora non ci credo!”.

    Alla funzione celebrata questa mattina presso la cattedrale di St. Mary erano presenti più di 6mila persone. Tuttavia, l’ingresso all’interno della chiesa è stato consentito solo a circa 1.200 ragazzi, che da giorni sapevano anche quale fosse il posto loro assegnato. All’esterno, altri più di 2mila giovani hanno trovato posto nel giardino del complesso ed hanno seguito la messa grazie ai maxischermi allestiti dalla Conferenza episcopale (Cbcm). Al di là delle mura della cattedrale, migliaia di persone hanno sostato lungo la strada pur di partecipare alla celebrazione. Al momento della comunione, alcuni sacerdoti sono usciti per distribuire l’eucarestia tra i fedeli, sotto gli occhi delle forze di sicurezza che cercavano a fatica di gestire il traffico.

    Al termine della messa, usciti dalla cattedrale di St. Mary, i giovani hanno dato vita ad una colorata sfilata di vestiti tradizionali. Tutti indossavano con orgoglio gli indumenti caratteristici della propria regione di appartenenza, a testimonianza della varietà dei gruppi etnici che compongono la società birmana. Vestita in abiti Kachin, la 17enne Ja Seng Ra (foto), da Monsi (diocesi di Bhamo), condivide la sua gioia per l’incontro con papa Francesco: “La sua vicinanza ci incoraggia a superare le difficoltà che affliggono la nostra terra”. Avversità lei ne ha già superate, pur di partecipare agli eventi di Yangon: “Io provengo da una famiglia molto povera, siamo quattro fratelli. Per pagare il viaggio di tutti, ho lavorato duramente per settimane”, dichiara la giovane, che scoppia in un pianto di commozione quando racconta di aver stretto la mano al pontefice. Al fianco della ragazza vi è La Htaw zau Doi Aung, capo del villaggio che ha accompagnato i ragazzi di Bhamo a Yangon. “Questi ragazzi sono testimoni di un evento che cambierà il Paese. La benedizione del papa porterà benefici”, afferma.

    “Aria di cambiamento” è quella che respira anche Tin Aung Myint, a capo della delegazione dei giovani della diocesi di Mandalay (foto). Egli dichiara: “L’impegno che come cattolici abbiamo mostrato per organizzare un evento così importante, in così poco tempo, lo dimostra. Il papa ci ha responsabilizzati, noi giovani siamo pronti a darci da fare per il bene del Paese”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/10/2017 12:03:00 MYANMAR - VATICANO
    Papa Francesco in Myanmar, ‘una benedizione’ anche per i giovani protestanti

    Le speranze e le aspettative  per il viaggio apostolico del pontefice. Patrick Loo Tone, presidente del Consiglio delle Chiese del Myanmar (Mcc): “La visita del pontefice aprirà una finestra sui cristiani del Paese”. I cattolici in Myanmar sono 700mila, distribuiti in 14 diocesi.



    11/10/2017 15:58:00 MYANMAR
    L’impegno dei giovani, ‘colonna portante’ della diocesi di Taungngu

    Le celebrazioni per i 150 anni dell’evangelizzazione. Turismo e prevenzione del traffico di esseri umani al centro dell’ultimo incontro dei ragazzi. I preparativi per la visita del papa. L’omaggio ai missionari del Pime nella storia della Chiesa birmana.



    27/11/2017 10:34:00 MYANMAR-VATICANO
    L’arrivo di papa Francesco a Yangon: l’accoglienza dei cattolici in festa (Video)

    I pellegrini hanno atteso per ore il passaggio del pontefice. Il gruppo più numeroso e rumoroso è stato quello rappresentato dai gruppi etnici. Numerosi gli stranieri, tra la folla anche una bandiera cinese.

    Dall'inviato



    27/11/2017 08:01:00 MYANMAR-VATICANO
    Yangon, i cattolici in strada per accogliere il papa (Video)

    Ad attendere il pontefice migliaia di birmani, ma anche thailandesi, vietnamiti, cambogiani, filippini e australiani. Imponenti le misure di sicurezza adottate dalle forze armate.

    Dall'inviato



    21/11/2017 13:04:00 MYANMAR-VATICANO
    Yangon, i cattolici: ‘Pronti ad accogliere il Santo Padre’

    Culmine della visita papale sarà la solenne messa al Kyaikkasan Ground di Yangon. Attese 200mila persone da tutto il Paese, circa un terzo dei cattolici birmani. La Chiesa provvede ad alloggi e trasporti. I tribali Kachin hanno realizzato il pastorale in legno che papa Francesco utilizzerà durante la funzione. L’attesa e le preghiere dei giovani.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®