23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/01/2017, 08.52

    YEMEN - ARABIA SAUDITA

    Yemen, raid aereo saudita colpisce nei pressi di una scuola: morti cinque civili, due i bambini



    L’attacco è avvenuto nel distretto settentrionale di Nihm, sotto il controllo dei ribelli Houthi. Contrastante il bilancio delle vittime: fonti locali parlano di otto morti e 15 feriti gravi. Nessun commento da Riyadh sull’incidente. In Yemen 1600 scuole fuori uso a causa della guerra, istruzione negata per due milioni di bambini.

     

    Sana’a (AsiaNews/Agenzie) - Un raid aereo sferrato dalla coalizione araba a guida saudita in Yemen ha ucciso cinque persone nei pressi di una scuola elementare, nel nord del Paese. L’attacco è avvenuto ieri nel distretto di Nihm, sotto il controllo dei ribelli Houthi; fonti ospedaliere riferiscono inoltre che il bombardamento ha causato la morte anche di due bambini.

    In un primo momento l’agenzia Saba, vicino al movimento sciita, aveva fissato il numero delle vittime a otto e aveva riferito che la scuola “era stata rasa al suolo”.

    La coalizione a guida saudita non ha voluto sinora commentare l’incidente. In passato i vertici hanno affermato che non intendono colpire obiettivi civili; tuttavia, attivisti locali e organizzazioni internazionali, fra cui le Nazioni Unite, hanno più volte denunciato raid contro case, scuole, ospedali che hanno provocato migliaia di morti e feriti.

    Gli abitanti della città di Saba e i soccorritori confermano i danni alla scuola elementare di al-Falah, circa 53 km a nord-ovest di Sana’a, capitale dello Yemen, sotto il controllo degli Houthi. Incerto il bilancio delle vittime: otto morti e 15 feriti in modo grave secondo fonti ribelli, che non escludono altre vittime nascoste sotto le macerie. I sanitari parlano invece di cinque morti, fra cui due bambini.

    Le bombe della coalizione saudita avrebbero colpito un mercato, che si trova nei pressi della scuola.

    Esperti Onu affermano che una delle prime vittime della guerra in Yemen è proprio il diritto all’istruzione per i più piccoli. Ad oggi almeno 1600 scuole sono fuori uso perché danneggiate, occupate da sfollati interni a causa del conflitto e occupate dai combattenti. Fino a due milioni di bambini si vedono negata la possibilità di frequentare scuole.

    Ad agosto un raid della coalizione saudita aveva centrato una scuola coranica nella provincia settentrionale di Saada, uccidendo 10 bambini. Riyadh in un secondo momento aveva negato ogni coinvolgimento nell’incidente.

    Dal gennaio 2015 la nazione del Golfo è teatro di un sanguinoso conflitto interno che vede opposte la leadership sunnita dell’ex presidente Hadi, sostenuta da Riyadh, e i ribelli sciiti Houthi, vicini all’Iran. Nel marzo 2015 una coalizione araba a guida saudita ha promosso raid contro i ribelli, finiti nel mirino delle Nazioni Unite per le vittime che hanno provocato, anche bambini. Ad oggi sono morte oltre 7mila persone, più di 37mila i feriti e tre milioni gli sfollati.

    Per l’Arabia Saudita gli Houthi, alleati alle forze fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh, sono sostenuti sul piano militare dall’Iran; un’accusa che Teheran respinge. Nel Paese sono inoltre attivi gruppi estremisti legati ad al Qaeda e milizie jihadiste legate allo Stato islamico, che hanno contribuito ad aumentare la spirale di violenza e terrore.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/01/2017 08:54:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Conflitto in Yemen, morti 1400 bambini e distrutte fino a 2mila scuole

    È il drammatico bilancio del conflitto, cui si uniscono “più di 2140” minori feriti. L’Unicef ricorda che gli istituti scolastici devono essere “zone di pace” e non obiettivi di attacchi. E rinnova l’appello per la tutela dei più piccoli. Ente yemenita per l’infanzia contro i raid aerei sauditi, responsabili di “crimini di guerra”.

     



    10/10/2016 09:58:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA 

    Sana’a, migliaia di cittadini in piazza contro Riyadh per la strage al funerale

    Una folla si è radunata davanti al quartier generale Onu nella capitale yemenita. I manifestanti hanno accusato la coalizione araba a guida saudita per l’attacco alla veglia funebre dell’8 ottobre. Nel raid sono morte oltre 140 persone, più di 500 i feriti. Leader Houthi: Washington ha autorizzato l’attacco, usate armi americane. 

     



    08/10/2016 09:03:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    Conflitto in Yemen: Un terzo dei raid aerei sauditi colpisce obiettivi civili

    È quanto emerge da un’inchiesta di Yemen Data Project, gruppo formato da accademici, esperti e attivisti per i diritti umani. Su 8600 attacchi della coalizione araba, quasi 3200 hanno centrato scuole, moschee, ospedali, mercati, aree residenziali. Un mercato del governatorato di Marib colpito 24 volte. Riyadh parla di “danni collaterali” minimi.



    06/10/2016 11:23:00 YEMEN - ARABIA SAUDITA
    I sauditi tagliano finanziamenti agli alleati in Yemen

    Tolti i fondi destinati all’ex presidente Hadi e alle milizie armate in lotta contro gli Houthi. Abbandonati o arrestati i membri della “Conferenza di Riyadh”. I signori della guerra sottraggono alla Banca centrale (trasferita ad Aden) i proventi della vendita di gas e petrolio. La situazione favorisce i ribelli sciiti, in vantaggio sui vari fronti di guerra. 

     



    21/10/2016 08:58:00 YEMEN - A. SAUDITA
    Riyadh accusa gli Houthi di violazioni al cessate il fuoco in Yemen

    I ribelli sciiti avrebbero compiuto “almeno 43” violazioni alla tregua in vigore da ieri. Replica Houthi: un raid aereo saudita a Saada ha ucciso tre civili. Nonostante le violenze la diplomazia Onu spera in un prolungamento del cessate il fuoco. L’80% della popolazione necessita di aiuti umanitari. 

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®