11/02/2023, 08.58
STATI UNITI-OCEANIA-CINA
Invia ad un amico

Accordo con Micronesia altro tassello del contenimento Usa di Pechino

Firmato memorandum d’intesa per la futura assistenza economica statunitense. Washington ha firmato patti dello stesso tipo con Isole Marshall e Palau. Amministrazione Biden rafforza rapporti con la regione per contrastare l’attivismo cinese.

Washington (AsiaNews) – Il memorandum d’intesa che l’amministrazione Biden ha rivelato ieri di aver firmato con gli Stati Federati della Micronesia è un altro tassello degli sforzi Usa di contenere l’avanzata cinese nell’Indo-Pacifico. Si aggiunge alle recenti intese di rafforzamento della cooperazione militare con Giappone e Filippine, concentrandosi sul fronte del Pacifico meridionale, dove Pechino è sempre più attiva.

L’accordo con la Micronesia copre aspetti per la futura assistenza economica di Washington alla Micronesia: lo scorso mese le autorità statunitensi avevano siglato patti dello stesso tipo con altri due Stati della regione, le Isole Marshall e Palau.

Dai primi anni Ottanta del secolo scorso gli Usa hanno intese di libera associazione con le tre nazioni insulari. In base ai loro termini, Washington ha il diritto a occuparsi della loro difesa militare in cambio di assistenza economica. Tra quest’anno e il prossimo i tre accordi scadranno e il timore è che Pechino potrebbe approfittare del loro mancato rinnovo.

Il sud Pacifico è una regione dall’alto valore strategico nel confronto geopolitico tra Cina e Stati Uniti. A maggio i cinesi avevano siglato un patto di sicurezza con le Isole Salomone, i cui termini sono segreti. L’accordo assicurerebbe alle navi da guerra di Pechino il diritto di effettuare scali e operazioni di rifornimento nei porti dell’arcipelago, eventualità che il premier delle Salomone, Manasseh Sogavare, ha negato però più volte.

A differenza delle Salomone, gli altri Stati della regione hanno respinto  l’offerta cinese di un grande patto regionale su commercio e sicurezza. Gli Stati Federati della Micronesia sono tra coloro che hanno manifestato una aperta opposizione all’iniziativa della Cina.

Nell’area anche il neo governo delle Figi, guidato da Sitiveni Rabuka, ha iniziato a prendere le distanze da Pechino, allontanandosi dalla linea del suo predecessore: lo scorso mese Suva ha messo fine a un accordo per l’addestramento e gli scambi di attività con la polizia cinese.

TAGs
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nazioni del sud Pacifico dicono no a grande accordo con Pechino
30/05/2022 12:40
Honduras, Micronesia: è ‘guerra diplomatica’ tra Pechino e Taiwan
15/03/2023 12:09
Vanuatu al voto nello scontro Cina-Usa sul Pacifico
12/10/2022 13:56
Lisbona: primo incontro di leader cattolici in difesa degli oceani
30/06/2022 10:54
Washington: No all’indipendenza di Taipei. Pechino e gli Usa in guerra per i microchip
08/07/2021 12:11


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”