03/02/2006, 00.00
islam
Invia ad un amico

Assalti e bombe per le caricature su Maometto

Assalto all'ambasciata danese a Jakarta, una bomba a Gaza contro il centro culturale francese, manifestazioni in tutti i Paesi islamici. Un ministro saudita chiede l'intervento del Vaticano.

Beirut (AsiaNews) - Una "giornata internazionale dell'ira", le minacce verso gli occidentali che si allargano, una bomba contro il centro culturale francese di Gaza, una imprevedibile richiesta saudita di intervento del Vaticano, la decisione del tabloid giordano Shihane di pubblicare tre delle 12 vignette che ironizzano su Maometto, un periodico indonesiano le mette sul suo sito, ma è costretto a toglierle, contrastanti prese di posizione di leader occidentali.

Non accenna a spegnersi l'incendio provocato dalle caricature pubblicate a settembre dal quotidiano danese Jyllands-Posten, che anzi oggi ha visto un moltiplicarsi di manifestazioni, coincise con il giorno della preghiera, e a volte istigate dai mullah. Così è stato in Palestina, dove Hamas ha chiamato alla protesta, ma ha chiesto di non colpire gli europei: a Gerusalemme, dove l'imam Mohammad Hussein, durante la preghiera del mattino, ha detto che "coloro che sono dietro a questi atti hanno cercato di propagandare un razzismo odioso, lanciando una guerra contro i valori dell'Islam e del Profeta". Al termine della preghiera, alcune migliaia di fedeli hanno manifestato sulla Spianata delle moschee, al grido "le condanne non sono sufficienti, bisogna rispondere con il fuoco".

A Gaza e nei territori gruppi armati di palestinesi hanno minacciato di attaccare cittadini di Danimarca, Francia e Norvegia: una vera caccia all'occidentale, fortunatamente senza vittime, mentre a Jakarta, militanti dell' Islamic Defenders' Front (FPI) hanno preso d'assalto il palazzo dove ha sede l'ambasciata di Danimarca, hanno devastato il salone, bruciato una bandiera ed hanno lasciato l'edificio solo dopo aver avuto l'impegno dell'ambasciatore di pubblicare un messaggio di scuse sui media locali. Un gesto opposto a quello del primo ministro del suo Paese, Anders Fogh Rasmussen che, pur dicendosi "personalmente addolorato dal fatto che molti mussulmani abbiano preso quelle vignette come un insulto al profeta Maometto", ha dichiarato di non volersi scusare. "Un governo danese non potrà mai scusarsi a nome di un quotidiano libero e indipendente", ha detto, al termine di un incontro con 76 diplomatici stranieri dedicato alla crisi delle vignette. Pur senza scusarsi, il ministro degli Esteri britannico Jack Straw ha invece criticato la decisione di diversi giornali occidentali di pubblicare le caricature di Maometto, definendola "offensiva, insensibile, irriguardosa e sbagliata". Ma Miklos Haraszti, rappresentante dell'Organizzazione e la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), ha affermato che "l'Osce sostiene il giornalismo responsabile ma pensa che i governi non debbano intervenire in questa questione".

"Un crimine non giustificabile con la libertà di espressione", l'ha definito dal canto suo il re giordano Abdallah II nello stigmatizzare la scelta di una rivista del suo Paese di pubblicare tre vignette. La protesta ormai ha coinvolto tutti i Paesi islamici, dall'Iran alle Maldive, compresi quelli che hanno problemi interni con il fondamentalismo, come Egitto e Pakistan.

In Arabia saudita, il ministro degli interni, principe Nayef, ha espresso la speranza che "centri religiosi come il Vaticano vogliano chiarire la loro opinione", mentre nel vicino Iraq il grande ayatollah Al Sistani ha invitato a manifestare, ma senza violenza.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ancora morti per le vignette, ma c'è chi invita a non coinvolgere "i cristiani"
07/02/2006
Per la reciprocità con l'islam servono tempi lunghi, ma bisogna cominciare
09/03/2006
Il mondo islamico tra pretese di scuse e richieste di chiarimenti per le parole di Benedetto XVI
15/09/2006
Indonesia, musulmani in piazza contro le vignette blasfeme
06/02/2006
Sondaggio: la maggioranza dei palestinesi vuole la pace con Israele
28/02/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”