18/06/2022, 08.00
COREA DEL NORD
Invia ad un amico

Cambio al vertice della diplomazia di Pyongyang: possibili aperture agli Usa

Choe Son-hui, esperta di Stati Uniti, sostituisce il falco Ri Son-gwon. In difficoltà per il Covid-19 e la cronica crisi economica, Kim Jong-un potrebbe rigiocarsi la carta del dialogo. Prima di compiere azioni concrete sul programma nucleare, Kim vuole però da Washington l’allentamento delle sanzioni e compensazioni economiche.

Seoul (AsiaNews) – Il cambio di guardia al vertice della diplomazia nordcoreana segnala possibili aperture di dialogo con gli Usa. È quanto rivela Daily NK citando fonti di alto livello del regime di Kim Jong-un.

A una recente seduta plenaria del Comitato centrale del Partito dei lavoratori, al potere dalla fine della Seconda guerra mondiale, Kim ha promosso Choe Son-hui alla guida del ministero degli Esteri. Prima della nomina, Choe era la vice del titolare del dicastero, Ri Son-gwon.

La nuova responsabile della diplomazia nordcoreana è un esperta di Stati Uniti. Nel 2018-2019 ha guidato i negoziati – poi arenatisi – con l’amministrazione Trump. Come riporta Daily NK, che ha sede a Seoul ed è legato al ministero per l'Unificazione del Sud, Choe è una dei pochi quadri del regime che può parlare faccia a faccia con Kim.

Caduta in disgrazia nel 2020 per dissapori con Ri, Choe è chiamata con ogni probabilità a rivedere la politica oltranzista del suo predecessore nei confronti di Washington. La Corea del Nord è isolata dalla comunità internazionale (tranne che dalla Cina e in parte dalla Russia), sottoposta da anni a sanzioni internazionali per il suo programma atomico e missilistico. Dopo i tre vertici e gli apparenti buoni rapporti con Donald Trump, i negoziati con Washington sul nucleare sono in stallo da tempo.

Il Paese è alle prese con una cronica crisi economica, aggravata da una recente ondata di infezioni da Covid-19: dallo scoppio della pandemia, per due anni, il regime ha negato l’esistenza del contagio. In questo quadro Pyongyang ha bisogno di un allentamento della pressione internazionale, tornata forte dopo gli ultimi test missilistici.

Sotto la direzione di Choe, in un eventuale nuovo dialogo con Washington, la diplomazia nordcoreana punterà a far riconoscere il suo punto di vista negoziale: gli Usa devono prima allentare  le sanzioni e offrire compensazioni economiche, poi Pyongyang si adopererà per sospendere gli esperimenti nucleari e congelare il suo programma atomico. Gli Usa ragionano in termini diametralmente opposti, senza contare che c’è da stabilire il destino delle bombe atomiche che i nordcoreani già possiedono (tra 40 e 50, secondo il Sipri).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
La sorella di Kim Jong-un chiude (per il momento) al dialogo con gli Usa
22/06/2021 09:00
Kim alza il tiro contro Biden: testati due missili balistici
25/03/2021 09:02
Pyongyang lancia due missili: un test per Joe Biden
24/03/2021 09:04
Kim Jong-un apre a Biden: prove di dialogo
11/05/2021 09:00


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”