26/10/2010, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Celebrato il 125° anniversario dell’Istituto per sordomuti di Mumbai

di Nirmala Carvalho
La fondazione, nata nel 1885, è il più antico istituto per diversamente abili di tutta l’Asia. La scuola accoglie studenti di ogni casta o credo religioso, e cerca di fornire loro gli strumenti necessari per imparare un mestiere. Le lingue parlate sono l’inglese, l’hindi e il marathi.

Mumbai (AsiaNews) – L’Istituto per sordomuti di Mumbai, la più antica organizzazione asiatica per diversamente abili, ha festeggiato il suo 125° anniversario. Per l’occasione, l’arcivescovo di Mumbai Oswald Gracious ha celebrato lo scorso 23 ottobre un’eucarestia di ringraziamento. L’istituto è stato fondato nel 1885 dal vicario apostolico Leo Meurin Sj, per aiutare i diversamente abili a condurre una vita nell’autostima, nel rispetto e nell’indipendenza.

Il cardinale parlando con AsiaNews ha dichiarato: “Sono molto orgoglioso che la diocesi di Mumbai abbia questo centro, che come sappiamo è il più antico di tutta l’Asia. Prego davvero per i miei predecessori, pionieri in quest’attività. All’epoca c’erano senz’altro meno possibilità e meno aiuti professionali, ma loro hanno avuto il coraggio di andare avanti e fondare questo istituto. La scuola [della Chiesa cattolica] presta i suoi servizi a tutti i componenti della società, senza alcuna discriminazione di casta o credo religioso”.

Jennifer Alexander è stata docente per l'istituto di scienze sociali, lingua inglese e religione dal 1972, preside dal 1996 al 2007. L’ex insegnante ha dichiarato ad AsiaNews che insegnare a questi bambini speciali è un dono immenso: “Durante i miei 36 anni d’insegnamento, mi sono divertita a insegnare e comunicare con centinaia di studenti; sono bambini e ragazzi intelligenti, che dovrebbero avere diritto a un loro posto nella società, in termini di opportunità d’impiego [lavorativo]. Con le nostre lezioni li equipaggiamo ad affrontare le difficoltà della vita e diventare economicamente indipendenti. Anche se, purtroppo, le opportunità lavorative sono scarse”.

L’istituto è stato fondato per identificare e sviluppare le potenzialità dei singoli studenti in numerosi settori, permettendo loro di raggiungere le migliori qualifiche possibili. L’istituzione incoraggia i suoi studenti a impegnarsi in attività come programmi di sensibilizzazione e corsi di formazione professionale per imparare un mestiere: legatoria, serigrafia e ricamo. Inoltre, l’ente fornisce programmi di consulenza e sensibilizzazione per i genitori, educando il nucleo familiare del bambino sui bisogni e le aspirazioni di un piccolo diversamente abile.

La scuola dispone di tre lingue: inglese, hindi e marathi. Gli studenti sono in tutto 145, di cui 65 musulmani, 77 indù e solo 3 cristiani.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Vangelo oltre le parole
12/03/2007
Religioso indiano: "Anche i sordi possono sentire la Buona Novella”
10/09/2009
Ho Chi Minh City: cattolici e buddisti festeggiano il Natale con i bambini disabili
22/12/2015
Seoul, due sacerdoti sordi insieme per presentare “l’handicap, dono di Dio”
24/06/2013
Thailandia: il linguaggio dei segni per annunciare il Vangelo
07/03/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”