15/11/2022, 12.32
SRI LANKA
Invia ad un amico

Colombo: i bambini si sacrificano per sfamare le madri

di Arundathie Abeysinghe

Un imprenditore che ha avviato un programma filantropico nelle scuole insieme al governo ha raccontato che gli studenti portano a casa parte del pranzo per i genitori che soffrono la fame. La malnutrizione nelle aree rurali rischia di diventare un problema gravissimo senza un'azione immediata. Gli esperti presenteranno un piano per la stabilità economica.

Colombo (AsiaNews) - La crisi economica in Sri Lanka ha portato alla luce storie drammatiche di malnutrizione e insicurezza alimentare, soprattutto tra le famiglie a basso reddito nelle aree rurali. Un noto esponente del mondo imprenditoriale, che sta attuando un progetto di responsabilità sociale d’impresa nelle scuole rurali, ha raccontato ad AsiaNews in forma anonima una storia straziante: "Un preside di una scuola mi ha chiesto se potevamo aumentare il contenuto del pacco alimentare che gli forniamo dicendomi che molti bambini mangiano solo metà del pacco e portano il resto a casa per nutrire le madri che soffrono la fame. In effetti in molte parti dello Sri Lanka tante madri muoiono di fame per sfamare i figli, però ora lo scenario si è invertito".

L’attuale governo guidato dal presidente Ranil Wickremesinghe ha di recente lanciato alcune iniziative per fare in modo che i bambini in età scolare riescano ad avere almeno il pranzo assicurato. Se fino a poco tempo fa gli alunni stavano abbandonando la scuola a causa della precarietà in cui versavano le loro famiglie, ora stanno tornando a lezione grazie allo sviluppo di questi programmi.

“Oltre 600mila lavoratori del settore edile hanno perso il lavoro. A causa della recessione, le piccole e medie imprese sono state chiuse. Di conseguenza la malnutrizione si è diffusa nelle aree rurali a livelli quasi incurabili”, ha spiegato un esperto economico. “È quindi necessario trovare soluzioni all'insicurezza alimentare e fornire cibo ai bambini in età scolare e prescolare provenienti da famiglie a basso reddito, poiché la malnutrizione infantile non è un problema da trascurare, ma una tragedia devastante".

Si prevede che il prodotto interno lordo dello Sri Lanka subirà una contrazione del 9,2% nel 2022 e di un ulteriore 4,2% nel 2023, mentre si stima che finora la contrazione nella prima metà del 2022 sia stata del 4,8% su base annua, in base ai dati del Dipartimento di censimento e statistica.

Nel frattempo nelle prossime settimane alcuni esperti presenteranno una tabella di marcia e un piano di lavoro per una nuova strategia a breve, medio e lungo termine per ritornare sulla strada della stabilità economica. All’iniziativa sta lavorando un gruppo di funzionari governativi e  analisti economici di alto livello.

"Il Segretariato presidenziale introdurrà anche un nuovo sistema economico sociale di mercato con una forte rete di sicurezza per i poveri e i gruppi svantaggiati e vulnerabili, rafforzando al contempo la piccola e media imprenditoria, formulato secondo la visione di Wickremesinghe e con l'approvazione del parlamento affinché resti invariato nei prossimi 25 anni", hanno spiegato ad AsiaNews alcuni funzionari governativi.

"L'obiettivo principale di questa politica è di creare un avanzo di bilancio entro il 2025 e di portare il tasso di crescita economica a un livello stabile per ridurre il debito pubblico a un livello inferiore al 100% rispetto al Pil entro il 2032. Ora vale quasi il 140%”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Colombo: l'insicurezza alimentare colpisce il 36% delle famiglie
03/01/2023 11:38
Colombo: lanciato piano internazionale contro l'insicurezza alimentare
25/05/2022 11:06
Colombo: il premier uscente Wickremesinghe è il nuovo presidente
20/07/2022 12:10
Colombo: l'opposizione propone governo di unità nazionale
11/07/2022 11:25
Fao, fame nel mondo: i passi indietro dell'Asia
07/07/2022 13:20


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”