21/01/2011, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Confermato l'ergastolo per Dara Singh, assassino del pastore Graham Staines

Nel 1999, in Orissa, l’estremista indù bruciò vivo il missionario australiano e i suoi due figli. La sposa di Staines aveva perdonato i responsabili dell’orrendo crimine, condannato a morte nel 2003. Sajan K. George: “Siamo contro la pena di morte, ma ci auguriamo che Dara Singh sconti la sua pena in prigione, fino alla fine dei suoi giorni”.

Mumbai (AsiaNews) – La Suprema corte ha confermato la prigione a vita per Dara Singh, responsabile dell’assassinio del missionario australiano Graham Staines e dei suoi due figli nell’Orissa nel 1999. Anche un complice di Singh, Mahendra Hembram, è stato condannato all'ergastolo.

Il presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), Sajan K. George, ha detto ad AsiaNews che il Gcic accoglie favorevolmente il verdetto della Suprema corte di conferma della sentenza nei confronti di Dara Singh. Il Gcic è sempre stato contrario alla pena di morte, ma ci auguriamo che Dara Singh sconti la sua pena in prigione, fino alla fine dei suoi giorni”.

L’Ufficio centrale di indagini  (Central Bureau of Investigation, Cbi) voleva la condanna a morte per Singh, che era legato al gruppo di estrema destra indù Bajrang Dal. Il Gcic si è opposto alla richiesta di condanna a morte. La moglie del pastore ucciso, Gladys Staines, aveva già perdonato Dara e i suoi complici, coinvolti nel brutale assassinio del marito e dei figli. (20/01/2009 La vedova di Graham Staines: “Non perdere la speranza, pregare per l’India”).

Dodici anni fa Graham Staines fu bruciato vivo insieme ai suoi figli di otto e dieci anni nel piccolo villaggio di Manoharpur, nella zona tribale dell’Orissa. Graham Staines ha lavorato per trent’anni con i malati di lebbra nell’Orissa, Stava dormendo con i suoi figli in un’auto, in una tappa del viaggio verso casa, in una fredda notte di dicembre. Un gruppo di aggressori versò benzina sulla macchina, e le diede fuoco.

Gli Staines cercarono di fuggire, ma gli assalitori, una cinquantina, lo impedirono. Un testimone disse che gli attaccanti gridavano slogan inneggianti a Dara Singh, al movimento indù e al dio Hanuman.

Nel 2003 un tribunale a Khurda ritenne responsabili tutti e 13 gli accusati. Ergastolo per tutti gli altri, condanna a morte per Dara Singh. Nel 2005 l’Alta corte dell’Orissa commutò la pena di morte in ergastolo, ritenne responsabile Hembran e scagionò gli altri. (N.C.)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Chiede il rilascio l’assassino del missionario cristiano Graham Staines
16/02/2007
Leader cristiani: Pericolosi i commenti della Suprema corte sull’omicidio di Graham Staines
24/01/2011
Corte Suprema indiana accoglie ricorsi sul "caso Staines"
20/10/2005
Orissa, in prigione un pastore pentecostale per false accuse di conversioni forzate
06/07/2015
Orissa: si candida alle elezioni l’assassino del missionario Graham Staines
06/04/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”