16/07/2007, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Continua la mediazione per la liberazione di padre Bossi

I contatti stanno andando avanti e si spera in “sviluppi positivi”. Dalla comunità dei missionari del Pime di Zamboanga trapela un cauto ottimismo.
Zamboanga (AsiaNews) – Continua la mediazione per la liberazione di padre Giancarlo Bossi: i contatti stanno andando avanti e dalla comunità dei missionari del Pime nelle Filippine trapela un cauto ottimismo. “Siamo in attesa di sviluppi positivi”, conferma ad AsiaNews p. Luciano Benedetti, missionario Pime a Zambonaga.
 
A quasi 40 giorni dal rapimento del missionario – sequestrato il 10 giugno da un gruppo di uomini armati, al termine della messa celebrata a Payao, cittadina della zona di cui p. Bossi è parroco, vicino a Zamboanga (Mindanao) – continua la preghiera con la quale si chiede a Dio di liberarlo insieme ai suoi rapitori ed a chi cerca di sfruttare questa vicenda per motivi politici o ideologici.
 
“In tanti – continua padre Benedetti - stanno cercando di aiutare. In questi giorni - conclude - abbiamo avuto la possibilità di sentire la simpatia della gente, e questo fa ben sperare per un aiuto nell’opera di persuasione per il rilascio di padre Bossi”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
P. Benedetti: per padre Bossi “attendiamo sviluppi positivi”
17/07/2007
PIME: 10 luglio, giornata internazionale di preghiera per p. Bossi
05/07/2007
Ad un anno dal rapimento di p. Bossi, Payao è cambiata
11/06/2008
P. Bossi assegnato a Manila, non tornerà a Payao
22/04/2008
Il 12 agosto conferenza stampa di p. Bossi a Roma
02/08/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”