23/12/2011, 00.00
COREA
Invia ad un amico

Corea, il terrore è la norma anche nella famiglia regnante

A Pyongyang si preparano le esequie del dittatore defunto e Kim Jong-un, “grande successore”, prepara la lista degli invitati e i posti in cui siederanno. L’attenzione è puntata sui suoi numerosi fratelli, distrutti dalla follia della famiglia e dalla competizione sfrenata per un ruolo che forse nessuno di loro ha mai davvero voluto.
Seoul (AsiaNews) – Kim Jong-un, “grande successore” del trono di Pyongyang, sta preparando la lista dei partecipanti alle esequie del padre. E se è un buon segno l’ammissione di delegazioni sudcoreane ai funerali (un passo in avanti rispetto alle prime dichiarazioni, secondo cui nessuno straniero sarebbe stato invitato), preoccupa invece la disposizione dei posti accanto al feretro. In una nazione in cui ogni segnale è un codice per la transizione, delle armi o del potere, capire chi si siederà in determinati posti potrebbe chiarire meglio la situazione del governo futuro.

L’attenzione è puntata soprattutto sulla famiglia: la Corea del Nord è infatti l’unica dittatura stalinista della storia ad essersi improntata sulla successione dinastica del potere. Al momento, è tra l’altro la famiglia più longeva della storia per quanto riguarda la guida di una nazione. Questo quadro è complicato dai numerosi matrimoni – almeno quattro – in cui il dittatore defunto si è impegnato nel corso degli anni: le testimonianze della sua vita familiare raccontano inoltre di un clima di terrore, anche interno, che ha segnato in maniera profonda i figli.

All’inizio la moglie ufficiale e compagna del “caro leader” era Song Hye-rim (classe 1937): sguardo aperto, sorriso felice, foulard in testa. Una delle poche foto in cui si vede con chiarezza la mostrano simile a un manifesto della propaganda stalinista: una brava donna lavoratrice. Secondo la leggenda popolare, sarebbe stata scelta dal “presidente eterno” Kim Il-sung per il suo erede Kim Jong-il: da questa unione nasce Kim Jong-nam (1971), primogenito del dittatore e per molti anni destinato a prenderne il posto.

Kenji Fujimoto, nome fittizio dietro cui si nasconde un cuoco nipponico, è stato per molti anni il cuoco personale della famiglia. Di Jong-nam racconta: “Il padre, mentre il figlio cresceva, non riusciva a guardarlo. Diceva che era brutto, che non assomigliava a lui o a suo padre Il-sung. Non lo ha mai accettato, lo costringeva a compiere atti crudeli contro gli animali o i servitori anche se lui non voleva. Lo ha spezzato nell’animo”.

Il ragazzo è stato scoperto mentre viaggiava in incognito verso il Giappone: voleva andare, con un passaporto falso, a Disneyland Tokyo. Subito dopo il suo arresto si è scoperta la sua dipendenza dalla droga e dall’alcool: queste ammissioni hanno convinto il padre a condannarlo all’esilio a Macao. È molto improbabile che vada ai funerali. La madre è morta nel 2002 in povertà, esiliata anche lei in un campo di lavoro dall’odio delle concubine e delle successive mogli di Jong-il.

Il “grande successore” è nato invece dall’unione fra Kim Jong-il e Ko Yong-hui (l terza moglie), nata nel 1953 e morta nel 2004. Insieme a Kim Jong-un, questo matrimonio ha dato vita a Kim Jong-chol (1981) e Kim Yeo-jong (1987). Secondo alcune fonti, dopo le delusioni avute dal primogenito, le attenzioni del padre si sono rivolte a Jong-chol che, però, si è rivelato “troppo effeminato” per il ruolo che veniva chiamato a svolgere. Una ex guardia del corpo sostiene che il nuovo leader teme il fratello diretto: “Una volta mi ha detto che era un eunuco e mi ha chiesto di ucciderlo. Poi mi disse che scherzava, ma secondo me lo odia davvero”. Questi due saranno vicini al “grande successore” durante le esequie del padre.

Kim Sol-song (1973) e Kim Chun-song (1975) sono invece figli di Kim Yong-suk (1947), seconda moglie del dittatore di cui non si conosce la sorte. I due erano i prediletti del nonno, che ammirava anche la madre. Purtroppo, raccontava nel 2003 una fonte interna alla famiglia, “Il-sung praticava una forma di educazione simile a quella di Sparta. Ha trattato i nipoti come schiavi, costringendoli a esercizi fisici nella neve e sottoponendoli a umiliazioni destinate (secondo la sua perversa mentalità) a rafforzarne l’animo. Dopo la morte del “presidente eterno” sono scomparsi e, secondo alcuni, sono in pratica due fantasmi che camminano”. Andranno ai funerali, ma dovrebbero sedere nei posti dietro.

Kim Ok (1964) – ex segretaria personale, quarta e ultima moglie del “caro leader” – avrebbe infine dato alla luce due gemelli nei primi anni Novanta. Ma l’inchino a terra con cui ha accolto Jong-un nella camera ardente del defunto marito (vedi foto) dimostra che, almeno per ora, lei e i suoi eredi non hanno intenzione di combattere per il potere. Forse, data anche la giovane età dei ragazzi, saranno indicati come possibili candidati al ruolo di “quarto Kim”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
I soldati nordcoreani rubano il cibo al popolo: tutti temono il peggio
21/12/2011
Kim Jong-un sarebbe in coma: la sorella alla guida del Paese
24/08/2020 08:59
Pyongyang apre a due delegazioni sudcoreane: “Un incontro di studio”
27/12/2011
Pyongyang, la gente piange per la fame. Non tanto per Kim
20/12/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”