22/10/2010, 00.00
NEPAL – BHUTAN
Invia ad un amico

Cristiano condannato in Bhutan: il sostegno del vescovo protestante

di Kalpit Parajuli
Per gli esuli la condanna del cristiano protestante di etnia nepalese, è l’ennesimo atto del governo contro le minoranze e le religioni diverse da quella buddista. Vescovo protestante: “Il Paese dovrebbe promuovere i valori della democrazia e dei diritti umani”.

Kathmandu (AsiaNews/Agenzie) - “Questa è un’immagine della soppressione della libertà religiosa da parte del governo bhutanese. Tutti noi dobbiamo condannare questi atti contro la democrazia ovunque avvengano.” È quanto afferma Narayan Sharma, capo della chiesa protestante nepalese, in merito alla condanna a tre anni di  Prem Singh Gurung, il cristiano bhutanese di etnia nepali, in carcere per aver proiettato un film sul cristianesimo. "Il Paese – aggiunge il vescovo Sharma - dovrebbe promuovere i valori della democrazia e dei diritti umani”.

Dal 2006 il governo del Bhutan ha iniziato a promuovere la democrazia, dopo secoli di monarchia assoluta che proibiva la pratica di religioni diverse dal buddismo e di qualsiasi etnia diversa da quella bhutanese. La nuova costituzione varata nel 2008 prevede la libertà di fede per tutti i bhutanesi, previa la segnalazione alle autorità competenti. Tuttavia è vietato il proselitismo, la pubblicazione di bibbie, la costruzione di scuole cristiane e l’ingresso ai religiosi. Il nuovo corso democratico non ha cambiato nemmeno le sorti degli oltre 100mila profughi di etnia nepalese, tra cui oltre 10mila cristiani, che tra il ’77 e il ’91 sono stati oggetto di una vera e propria pulizia etnica.   

La notizia della condanna di Gurung ha suscitato critiche tra la popolazione dei campi profughi, che vedono nella sentenza l’ennesimo atto di repressione da parte di Timphu contro la  popolazione di etnia nepalese e di religione non buddista.

Rijen Lama, profuga cristiana afferma:Dobbiamo unirci tutti a prescindere delle religioni per lottare contro la soppressione delle minoranze in Bhutan”.    

Tek Nath Rijal, leader dei rifugiati bhutanesi sottolinea che da anni il governo espelle tutti coloro che vogliono la libertà nel Paese, siano essi stranieri o cittadini. “Questa – afferma – è la ragione che ci ha portati a vivere come profughi”. “La comunità internazionale – aggiunge – deve fermare queste atrocità”.  

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Bhutan pronto a negoziare il rimpatrio dei 50mila profughi dal Nepal
18/04/2011
Kathmandu, il premier bhutanese affronta il problema dei 50mila profughi in esilio
15/04/2011
Il Premier bhutanese visita il Nepal, ma è sordo agli appelli di oltre 50mila rifugiati
14/04/2011
L’arcivescovo di Singapore visita i profughi bhutanesi in Nepal
20/12/2010
Il governo del Bhutan non riconosce nessuna missione cristiana
31/01/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”