28/01/2013, 00.00
EGITTO
Invia ad un amico

Egitto nel caos, Morsi proclama lo stato di emergenza

Il coprifuoco inizierà questa sera alle 21,00 a Suez, Port Said e Ismalia e durerà 30 giorni. Manifestazioni per la primavera araba si mescolano alle proteste degli ultras di calcio. Il bilancio totale delle vittime è di 50 morti e quasi 500 feriti.

Il Cairo (AsiaNews/ Agenzie) - Il presidente egiziano Mohamed Morsi proclama il coprifuoco nei distretti di Port Said, Suez e Ismalia, dopo quattro giorni di violenza costati la vita a 50 persone. Il provvedimento inizierà questa sera alle 21,00 (ora locale) e durerà circa 30 giorni. "Prima della mia elezione - ha affermato il presidente - ho detto che ero contrario a ricorrere a misure straordinarie, ma la sicurezza della nazione è in pericolo ed è tempo di agire".  "Gli atti di violenza dei giorni scorsi  - ha continuato - non hanno nulla a che fare con la rivoluzione. Essi sono invece la 'brutta faccia' di una contro-rivoluzione".

Dallo scorso 25 gennaio, secondo anniversario della Rivoluzione dei gelsomini, l'Egitto è in preda a forti tensioni. Per tre giorni centinaia di migliaia di persone hanno protestato nelle principali città egiziane - Cairo,  Alessandria, Assuit, Port Said, Suez, Sharqiya, Kafr al-Sheikh - chiedendo la fine dell'establishment islamista e una vera democrazia. Gli scontri più gravi sono avvenuti a Suez, dove otto persone sono rimaste uccise. Alle proteste dei giovani dei movimenti democratici si sono sovrapposte le azioni violente degli ultras di calcio legato alla condanna a morte di 21 persone per il massacro di Port Said avvenuto il 2 febbraio 2012. Lo scorso 26 gennaio i familiari dei condannati e i sostenitori dell'Al-Masri - la squadra locale responsabile della morte di 73 tifosi dell'avversaria al-Ahly (team del Cairo) - hanno tentato di assaltare le caserme di polizia. Negli scontri sono morte 32 persone. Ieri, ai funerali delle vittime, ultras e polizia si sono di nuovo affrontati per le strade di Port Said, aggiungendo al bilancio altri sette morti e ben 450 feriti. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giornalista egiziano: I Fratelli Musulmani sono in un vicolo cieco
29/01/2013
Scade l'ultimatum dell'esercito. Milioni di egiziani affollano piazze e strade
03/07/2013
Al Azhar appoggia i giovani di Piazza Tahrir e invita a difendere i cristiani
25/11/2011
Egitto, gli studenti islamisti manifestano in tutto il Paese contro al-Azhar
22/11/2013
Giovane musulmano: Solo con i cristiani riscostruiremo l'Egitto
21/08/2013