21/11/2012, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Faisalabad, appello di cristiani e musulmani contro terrorismo e violenza

di Shafique Khokhar
Iniziativa comune per la pace nel mese sacro islamico di Muharram. Gli attivisti invitano a valorizzare le “affinità” e a lavorare “nella stessa direzione”. Leader musulmano: non solo parole, ma “azioni di pace concrete”. L’esempio di Ali Jinnah per un Pakistan multiculturale.

Faisalabad (AsiaNews) - Il governo deve prendere "provvedimenti decisi" nei confronti dei terroristi e degli estremisti, che seminano divisioni, conflitto, odio e panico nella società. È questo l'appello congiunto lanciato da cristiani e musulmani, nel corso di un seminario intitolato "Imparare a vivere insieme, tra diversità e differenze" organizzato a Faisalabad in concomitanza con il mese sacro islamico di Muharram-ul-Haram. Scopo dell'iniziativa comune, in concomitanza con la festività musulmana, è  promuovere la tolleranza, il rispetto, il dialogo e la cooperazione fra comunità pakistane, trascurando i punti che dividono per rafforzare gli elementi in comune.

In previsione della festività della Ashura (10° giorno del mese di Muharram, che cade il 24 novembre) nella quale i musulmani - con sfumature diverse fra sciiti e sunniti - celebrano il lutto e il digiuno, La Peace and Human Development (Phd Foundation) e il Christian Study Center (Csc) hanno promosso un incontro interreligioso. Esso si è svolto il 18 novembre scorso presso la Tma Hall di Tandlinawala, un sotto-distretto di Faisalabad e ha visto la partecipazione di attivisti, leader religiosi ed esponenti delle due comunità.

L'attivista cristiana Fahmida Saleem sottolinea le "affinità" fra cristiani e musulmani, che sono tali da permettere una "coesistenza pacifica" e per questo le due comunità devono "lavorare insieme nella stessa direzione", piuttosto che restare separate. La donna lancia anche un appello a "combattere gli elementi violenti e intolleranti, che mirano solo a distruggere la cultura della pace in Pakistan". Le fa eco il leader musulmano Molana Syed Jaffar Hussain Naqvi, secondo cui pace e armonia vanno promosse "non solo a parole, ma vanno accompagnate da azioni di pace concrete".

Per la promozione di un modello di pace, l'assistente sociale musulmano Tahir Iqbal cita due esempi: il discorso finale del profeta Maometto e il primo intervento di Muhammad Ali Jinnah, padre fondatore del moderno Pakistan, l'11 agosto 1947 all'atto di costituzione del nuovo Stato. "Sono fra i migliori documenti - afferma - per la promozione dell'armonia interconfessionale". Il collega cristiano Yousaf Adnan, ricordando il periodo di festa islamico, aggiunge che "il Pakistan ha registrato violenze interconfessionali e intolleranza" anche in questi giorni, nonostante "il divieto di combattere nel mese sacro di Muharram-ul-Haram". "La violenza compiuta in nome della religione deve finire - conclude l'attivista - per evitare ulteriori e più profonde fratture fra la gente". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
Braccati e minacciati di morte: il dramma di una famiglia pakistana convertita al cristianesimo
19/10/2015
Punjab: cristiano a processo con false accuse di blasfemia, la famiglia costretta a fuggire
04/09/2014
Lahore, vedova cristiana minacciata dai familiari musulmani del marito: Convertiti o muori
31/08/2013
Punjab, minacce islamiche contro i cristiani nella Settimana Santa
03/04/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”