05/10/2022, 10.43
PAKISTAN
Invia ad un amico

Faisalabad: minorenne cristiana stuprata e convertita con la forza chiede giustizia

di Shafique Khokhar

La 15enne Saba è stata rapita, violentata e obbligata a sposarsi. Dopo alcuni giorni è riuscita a fuggire e con la famiglia ha avviato una dura e faticosa battaglia in cerca di giustizia. Spesso i carnefici, musulmani, beneficiano del clima di impunità. Per gli attivisti Saba è “esempio del tentativo di resistere di fronte alle ingiustizie”. 

Lahore (AsiaNews) - Una nuova vicenda di conversione forzata ai danni di una ragazzina cristiana ancora minorenne rilancia il tema della giustizia e dei diritti in Pakistan, in particolare delle minoranze troppo spesso vittime di abusi in un clima di costante impunità. Violenze e sopraffazioni che vengono perpetrare in nome della religione [islamica], con le Forze dell’ordine e i giudici che nella grande maggioranza dei casi non intervengono per scelta deliberata o per il timore di finire anch’essi oggetto di rappresaglia, rendendosi così complici dei crimini. 

L’ultimo caso emerso riguarda Saba Nadeem, 15 anni, figlia di Nadeem Masih e appartenente a una povera famiglia cristiana di otto persone di Faisalabad, nel Punjab. La giovane è stata rapita da un vicino musulmano Yasir Hussain il 20 maggio scorso, stuprata e costretta ad abbracciare la fede islamica, per poi sposare il suo sequestratore. Tuttavia, dopo alcuni giorni Saba è riuscita a fuggire ritornando alla famiglia di origine, mentre il suo aguzzino è stato fermato dalla polizia. 

Il 6 giugno Saba compare davanti al magistrato della città per sporgere denuncia in base all’articolo 164 del Codice penale, spiegando di essere stata portata “da Faisalabad a Gujrat” e “violentata per diversi giorni”. Il 30 settembre il provvedimento dei giudici con la firma per il mandato di arresto a carico di Yasir Hussain in cui si ricorda che la ragazza è minorenne e il matrimonio nullo, perché “costretta mediante uso della forza e minacce”. Tuttavia, a dispetto di denunce e appelli la ragazza è ancora in attesa di giustizia. 

Interpellato da AsiaNews l’attivista Lala Robin Daniel spiega che la vicenda di Saba è un esempio del tentativo di resistere di fronte alle ingiustizie, con una minorenne che si batte per vedere incriminati colui che l’ha rapita e abusata, incurante delle minacce alla famiglia. In questo caso, vi è da segnalare il ruolo delle Forze dell’ordine che hanno collaborato per la sua liberazione. Joseph Jansen, presidente di Voice of Justice, sposta l’attenzione sul Consiglio per l’ideologia islamica (Cii) e il ministero degli Affari religiosi i quali “negano” il problema e sono fra quanti “si oppongono alla legge contro le conversioni forzate”. “Questi due organismi - aggiunge - cercano in modo deliberato di espandere la loro influenza e controllare gli sviluppi politici delle norme sulle minoranze e resistere all’introduzione di leggi volte a proteggere i diritti delle minoranze”.

Padre Pascal Paloos ricorda come i colpevoli spesso cerchino di manipolare o insabbiare le inchieste e i procedimenti giudiziari per restare impuniti, sfruttando anche fenomeni di connivenza o la mancata applicazione delle norme. Inoltre, i giudici emettono sentenze che nella grande maggioranza dei casi sono favorevoli agli assalitori, lasciando impuniti casi di sequestri, violenze e matrimoni forzati in cui le vittime sono spesso ragazze con meno di 18 anni e appartenenti alle minoranze religiose. In conclusione rilanciano l’appello dell’attivista Nadia Stephen, che chiede indagini più approfondite nei casi di sequestri e conversioni forzate, soprattutto se le vittime hanno meno di 14 anni e sono anche oggetto di violenze sessuali. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ha il ciclo, si può sposare: giudice dà ragione ai rapitori di Huma Younus. Legale: vergogna
05/02/2020 15:47
I cattolici di tutto il mondo aiutino Huma Younus: l'appello del suo legale
15/01/2020 16:02
Punjab: infermiera cristiana sequestrata, costretta a convertirsi e a sposare un musulmano
12/05/2011
Karachi: la Corte approva la conversione e il matrimonio di Arzoo Raja, 13 anni. La disperazione della madre (VIDEO)
30/10/2020 12:06
Liberi tutti i cristiani copti in carcere da dicembre
05/01/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”