10/05/2010, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Henan, presunto omicida libero dopo 10 anni di carcere: la vittima è viva

Zhao Zuohai è stato imprigionato con l’accusa di aver ucciso un concittadino durante un diverbio per motivi economici e passionali. La condanna basata sulla confessione estorta con abusi e violenze dalla polizia. Nei giorni scorsi la presunta “vittima” è tornata nella città di origine, scagionando l’uomo.
Pechino (AsiaNews/Agenzie ) – Un uomo che ha trascorso gli ultimi 10 anni in prigione con l’accusa di omicidio, è stato liberato perché la “vittima” era ancora viva. Zhao Zuohai – il presunto omicida – aveva litigato con un vicino, poi scomparso nel nulla. Un tribunale lo aveva condannato 18 mesi più tardi, in seguito al ritrovamento di un cadavere decapitato in decomposizione e alla confessione estorta con la forza dalla polizia.   
 
La vicenda risale all’ottobre del 1997: Zhao Zuohai e Zhao Zhenshang, residenti a Shangqiu – città della contea di Zhecheng (Henan) – hanno avuto un diverbio per motivi economici e passionali. La scomparsa di Zhao Zhenshang e il ritrovamento di un cadavere con la testa mozzata avevano aperto le porte del carcere al presunto omicida.
 
Il fratello di Zhao Zuohai ha denunciato torture e abusi da parte della polizia, che avrebbe fatto ingerire acqua intrisa di peperoncino e acceso petardi sul capo dell’uomo per costringerlo a confessare. Esperti di giustizia in Cina confermano che in molti casi i tribunali condannano gli imputati in base a confessioni estorte sotto tortura. In un primo momento Zhao Zuohai aveva ricevuto la condanna a morte, poi commutata in 29 anni di galera.
 
Il 30 aprile scorso Zhao Zhenshang, 56 anni, ha fatto rientro al villaggio di origine. La “vittima” ha confessato di essere fuggito perchè avendo colpito Zhao Zuohai nel corso della rissa, temeva di averlo ferito a morte. Davanti al giudice l’uomo ha confermato la propria identità, scagionando Zhao Zuohai dall’accusa di omicidio. Il tribunale ha subito disposto un provvedimento di scarcerazione, rigettando tutti i capi di accusa.
 
L’Alta corte del popolo dell’Henan ha disposto l’apertura di un’indagine sulla vicenda e ritiene responsabile il giudice che ha emesso a suo tempo la prima sentenza di condanna. Fonti del tribunale assicurano  che il giudice “verrà punito”. Tuttavia, durante gli anni in galera la vita familiare di Zhao Zuohai è cambiata in modo radicale. La moglie ha sposato un altro uomo e due dei suoi figli sono stati adottati.
 
La vicenda di Zhao Zuohai è solo l’ultimo dei casi di giustizia sommaria in Cina, che da sola esegue il 90% delle pene capitali in tutto il mondo. Nel 2008, secondo stime ufficiali, vi sono state 4 mila condanne a morte e 1.770 esecuzioni: alcuni attivisti per i diritti umani ne denunciano invece “almeno il doppio”.
 
Una conferma di questi dati non ufficiali si è avuta in occasione dell'Assemblea nazionale del popolo del 2006, quando Chen Zhonglin (uno dei delegati) ha detto che la Cina mette a morte “circa 10 mila persone” l'anno, ma ha aggiunto che la politica di Pechino impone di considerare un “segreto di Stato” i dati ufficiali sull'argomento.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rebiya Kadeer accusa: “La Fiera del Libro di Francoforte non doveva onorare Pechino”
19/10/2009
Si indaga sulla morte dell'attivista per i diritti umani
10/12/2004
Free Tibet: L’Unione europea difenda i diritti dei tibetani
15/05/2009
Shanghai: prigione e tortura per chi si oppone alla requisizione forzata delle case
08/11/2006
Pechino: la Corte suprema rivendica il monopolio delle condanne a morte
04/03/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”