26/03/2021, 11.15
BANGLADESH
Invia ad un amico

Il Bangladesh celebra il giubileo d'oro dell'Indipendenza

di padre Nikhil Gomes*

Il padre della nazione, lo sceicco Mujibur Rahman, era un uomo di incredibile coraggio che ha sempre difeso l'uguaglianza, la dignità e la giustizia. La sua visione ideale è sempre stata per trasformare questa nazione che chiamava casa, il Bangladesh, in Sonar (Golden) Bangla, dove ogni cittadino avrebbe condotto una vita di dignità, rispetto e realizzazione.

Dhaka (AsiaNews) - In quella data, nel 1971, lo sceicco Mujibur Rahman firmò una dichiarazione che rendeva il Pakistan orientale il Paese sovrano e indipendente del Bangladesh

E’ scoppiata la guerra di liberazione del Bangladesh, durata nove mesi, che ha causato la morte tra 300mila e 3 milioni di persone, con centinaia di migliaia di donne violentate, sebbene le cifre delle vittime siano contestate. Altri milioni sono stati sfollati.

La lotta per i diritti dei bengalesi è iniziata poco dopo che il Pakistan ha ottenuto l'indipendenza come Paese comprendenti due territori noti come Pakistan occidentale (l'attuale Pakistan) e Pakistan orientale (l'attuale Bangladesh).

Ad inasprire i rapporti tra le due parti furono il rifiuto di accettare il bengalese come lingua di Stato del Pakistan nei primi anni dopo la divisione, la disparità economica tra le due parti, l'egemonia dell'élite dominante del Pakistan occidentale sull’intero Paese, le leggi marziali e un atteggiamento umiliante nei confronti della cultura bengalese e della popolazione bengalese.

Dopo una guerra durata nove mesi, il 16 dicembre 2071, il Bangladesh è diventato indipendente. Questa è una data memorabile per la nazione.

Se guardiamo al nostro Paese, possiamo vedere, come ha detto papa Francesco, che dopo cinquant'anni il nostro Paese ha una bellezza naturale unica ed è una nazione moderna che si sforza di unire l'unità di lingua e cultura con il rispetto delle diverse tradizioni e comunità al suo interno. Questa, ha proseguito il Papa, è una delle eredità che lo sceicco Mujibur Rahman ha lasciato a tutti i bengalesi.

Il padre della nazione, lo sceicco Mujibur Rahman, era un uomo di incredibile coraggio che ha sempre difeso l'uguaglianza, la dignità e la giustizia. L'amore e la devozione di Bangabandhu (amico del Bengala) per il suo Paese è sempre stata la sua prima priorità e la sua visione ideale è sempre stata per trasformare questa nazione che chiamava casa, il Bangladesh, in Sonar (Golden) Bangla, dove ogni cittadino avrebbe condotto una vita di dignità, rispetto e realizzazione.

Siamo diventati indipendenti grazie al sacrificio di Bangabandhu. Ha superato un Bangladesh non comunitario. Dove le persone di tutte le religioni ottengano lo stesso status, godano di uguali diritti.  Ha pensato a tutte le persone del nostro Paese. Ha chiamato a una guerra di liberazione e sotto la sua grande guida il Paese è diventato indipendente.

Ora il nostro attuale onorevole Primo ministro Sheikh Hasina, degna figlia di Bangabandhu, sta lavorando per costruire uno Stato moderno. Quindi, dobbiamo essere tutti consapevoli e aiutarla. Questo Paese è nostro, questa terra è nostra. Quindi dobbiamo andare avanti con la collaborazione di tutti.

Nei 50 anni di indipendenza, il Bangladesh ha fatto molta strada nello sviluppo economico, culturale, educativo ed è un grande risultato per il Paese.

Sebbene l'indipendenza sia avvenuta per un Paese laico in cui tutte le persone credenti possono praticare la loro religione, gli appartenenti a minoranze religiose spesso affrontano persecuzioni. In nome della religione aumentano le attività di militanza islamista. Il padre della nazione, lo sceicco Mujibur Rahman, non voleva questo tipo di Paese. Il governo già controlla questo radicalismo, ma anche la popolazione dovrebbe avere coscienza di questo problema.

Dato che stiamo celebrando il giubileo d'oro dell'indipendenza del Bangladesh, cerchiamo di costruire unità, amore e pace tra le persone del nostro Paese.

* Padre Nikhil Gomes è un bengalese che vive nelle Filippine e lavora per Radio Veritas, redazione Asia

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
​Papa: il Bangladesh, Paese dove vige la cultura dell’incontro e del dialogo
24/03/2021 11:49
Dhaka ricorda il padre della patria e i 50 anni di indipendenza
18/03/2021 12:47
Vescovi cattolici ricevuti da Sheikh Hasina. Il pellegrinaggio alle radici della nazione
13/11/2020 12:11
Dhaka, almeno 4 morti nelle proteste per la visita di Modi
27/03/2021 11:14
Studenti e insegnanti islamisti arrestati per aver danneggiato la statua di Mujibur Rahman (VIDEO)
07/12/2020 11:25


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”