15/12/2016, 10.50
INDIA
Invia ad un amico

India, 150mila morti sulle strade: la Corte suprema vieta la vendita di alcolici in autostrada

Il bando in vigore dal prossimo primo aprile. Tutte le licenze esistenti non saranno rinnovate. I negozi dovranno rimuovere le insegne pubblicitarie e collocarsi ad una distanza minima di 500 metri dal piano stradale. Nel Paese avvengono 1374 incidenti al giorno, che provocano 17 morti ogni ora.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – La Corte suprema indiana ha deciso di mettere al bando la vendita di alcolici sulle autostrade statali e regionali. Il motivo è dovuto ai numerosissimi incidenti mortali che avvengo alla guida. Secondo l’ultimo rapporto del Ministero dei trasporti, ogni anno circa 150mila indiani perdono la vita sulle strade e il numero dei feriti coinvolti nei sinistri è il triplo.

La corte composta da tre giudici, e diretta dal presidente T S Thakur, ha stabilito che il bando entrerà in vigore dal primo aprile 2017 e che le licenze esistenti non saranno rinnovate dopo il 31 marzo. I giudici hanno ordinato la rimozione di tutte le insegne pubblicitarie che indicano la presenza dei negozi e decretato che gli esercizi commerciali dovranno collocarsi ad almeno 500 metri di distanza dal piano stradale.

Il Tribunale supremo ha affermato che gli ingenti guadagni derivati dalla vendita di alcolici non possono essere una “valida ragione” per il proliferare delle licenze. Nel 2015 sulle strade sono avvenuti almeno 500mila incidenti: 1374 al giorno, per un totale di circa 400 vittime. La media oraria è di 57 sinistri e 17 morti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bihar, dal 2016 sarà proibita la vendita di alcolici
26/11/2015
Dopo il bando in Bihar, il Nepal è diventato il “paradiso degli alcolici”
12/04/2016 13:29
Mumbai, strade devastate dalle buche: il padre di una giovane vittima le ripara gratis
14/09/2018 12:45
Delhi: food delivery in 10 minuti, proteste per sicurezza dei lavoratori
25/03/2022 11:47
Calamità naturali si abbattono sul Natale dei cristiani in Sri Lanka
28/12/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”