17/07/2015, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Indonesia, emergenza vulcani: scali chiusi, voli cancellati, disagi per milioni di persone

di Mathias Hariyadi
La fuoriuscita di polvere, lava e lapilli ha causato la chiusura di diversi aeroporti; a terra i molti passeggeri in viaggio per le feste di fine ramadan. Ieri cancellati o sospesi oltre 220 voli dallo scalo di Surabaya. E per chi ha scelto l’automobile lunghe code e disagi sulle principali strade e autostrade.

Jakarta (AsiaNews) - Continua l’emergenza vulcani in Indonesia, che ha causato la chiusura di diversi aeroporti e lasciato a terra milioni di passeggeri che, in questi giorni di festa per la fine del ramadan, volevano raggiungere le proprie famiglie o le località turistiche. Polveri e lapilli continuano a fuoriuscire da due diversi crateri, causando la chiusura di altri tre scali nelle ultime ore. In tutto sono cinque gli aeroporti bloccati, causando gravi danni al trasporto pubblico. 

Interessati dal fenomeno eruttivo il monte Raung (distretto di Bondowoso, nella provincia di East Java) e il monte Gamalama, da settimane in fermento; la scorsa settimana il vulcano Raung ha causato la chiusura dell’aeroporto di Bali, uno dei luoghi turistici più importanti del Paese. Tuttavia, nelle ultime ore la situazione è migliorata e lo scalo ha potuto riaprire. 

Nel frattempo restano forti disagi in diversi altri aeroporti del Paese fra cui l’hub di Surabaya, il secondo scalo per importanza dell’Indonesia per quanto concerne il trasporto civile. Ieri sera i responsabili dell’aviazione nazionale hanno ordinato la chiusura degli aeroporti di Surabaya e Malang a East Java e Ternate nelle Molucche settentrionali, nei pressi di Gamalama. Dalla scorsa settimana restano chiusi quelli di Banyuwangi e Jember, nei pressi di Raung. 

Nella giornata di ieri almeno 222 voli programmati da e per l’aeroporto di Surabaya sono stati sospesi o cancellati; quasi 28mila i passeggeri che hanno subito forti disagi o hanno dovuto riprogrammare il loro viaggio. 

La ripresa dell’attività di diversi vulcani dell’arcipelago è concisa con la festa di Eid, che segna la fine del mese sacro per l’islam di digiuno e preghiera; per la ricorrenza in Indonesia, il Paese musulmano più popoloso al mondo, milioni di persone ne approfittano per prendersi un periodo di vacanza o per andare a trovare i propri cari. 

Un giornalista di Jakarta di nome Kormen conferma ad AsiaNews le incertezze, i ritardi e le cancellazioni che hanno coinvolto molti voli nella giornata di ieri. P. Pantus, sacerdote della Conferenza episcopale indonesiana, è da ore bloccato all’aeroporto internazionale Soekarno-Hatta, per la cancellazione del volo diretto a Bali. E per quanti hanno preferito l’automobile per lasciare la capitale la situazione non era certo migliore, con lunghe code e ingorghi sulle principali direttrici. 

L'arcipelago indonesiano è formato da migliaia di isole e atolli immersi nell'Oceano Pacifico, in un'area detta dagli scienziati come "Anello di fuoco". Essa è caratterizzata da un'intensa attività tellurica e vulcanica, causata dalla collisione delle diverse placche continentali. Nella memoria della gente è ancora vivo il ricordo del devastante terremoto e del successivo tsunami che hanno colpito la regione nel dicembre 2004, con epicentro al largo dell'isola di Aceh, causando centinaia di migliaia di vittime in tutta l'Asia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giava orientale, almeno 14 vittime per l’eruzione del vulcano Semeru
06/12/2021 10:45
East Java, migliaia di persone in fuga dopo l’eruzione del vulcano Kelud
14/02/2014
East Nusa Tenggara, eruzione vulcanica: sei morti, migliaia di sfollati
12/08/2013
Cattolici filippini in aiuto alle migliaia di sfollati del vulcano Mayon
01/10/2014
Colombo: i musulmani festeggiano la fine del Ramadan
04/05/2022 12:18


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”