06/09/2006, 00.00
EUROPA - CINA
Invia ad un amico

La settima edizione del Colloquio europeo dei cattolici sulla Cina

L'incontro, che si apre oggi a Triuggio, vuole aggiornare gli schemi di lettura della complessa realtà nella quale vive la Chiesa cinese e delle sue possibili evoluzioni.

Milano (AsiaNews) – La situazione della Chiesa cattolica cinese e le sue prospettive, anche alla luce della politica religiosa governativa e dell'evoluzione dei rapporti con il Vaticano: aggiornare gli schemi di lettura di tale complessa realtà è lo scopo del Colloquio europeo dei cattolici sulla Cina, che si apre oggi a Villa Sacro Cuore di Triuggio (Milano) per chiudersi domenica mattina.

Il Colloquio - organizzato quest'anno dal Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), presente dal lontano 1858 con i suoi missionari in territorio cinese – vedrà radunati attorno al tema "25 anni di incontri con la Chiesa in Cina: una valutazione, guardando al futuro", esperti e studiosi da diverse parti del mondo: Europa, Stati Uniti, Taiwan, Hong Kong e Cina continentale.

Giunto alla settima edizione, il Colloquio - per coincidenza del tutto fortuita – cade in concomitanza col trentesimo anniversario della morte di Mao Zedong (9 settembre 1976). Proprio mentre Mao diventava un mito in Occidente, dalla Cina le notizie degli effetti devastanti dell'estremismo maoista arrivavano col contagocce e in modo assolutamente frammentario. Un anziano missionario ricorda: "Quando con un gruppo di amici ci si ritrovò a Roma nel gennaio 1970, le domande sul futuro del cristianesimo in Cina rimanevano senza risposta. Dovevano passare ancora parecchi anni per avere le prime, timide, testimonianze sulla sopravvivenza della fede nell'immenso Paese. Fu così che si concretizzò un primo incontro internazionale di riflessione sulla Cina (Lovanio 1974), promosso dal Centro di documentazione cattolica 'Pro Mundi Vita' di Lovanio in collaborazione col Centro studi luterano di Ginevra".

Dall'epoca maoista ad oggi la situazione in Cina è completamente cambiata, sebbene ancora – di tanto in tanto - si abbiano notizie di pesanti limitazioni alla libertà religiosa (arresti e detenzione di vescovi, preti, laici…). C'è bisogno, quindi, di aggiornare gli schemi di lettura della situazione, adeguandoli il più possibile a una realtà in movimento. È lo scopo del Colloquio che, nelle sue diverse edizioni a cadenza regolare, è diventato un appuntamento col quale le Chiese europee manifestano la loro sensibilità e vicinanza per la «Chiesa sorella» di Cina.

Il Colloquio di Triuggio – al quale si partecipa solo su invito – si apre oggi pomeriggio alle 17.30 con il saluto del vescovo ausiliare dell'arcidiocesi di Milano, monsignor Angelo Mascheroni, il discorso introduttivo di monsignor Giovanni Giudici, vescovo di Pavia e un ricordo dell'on. Vittorino Colombo, grande tessitore dei rapporti Roma-Pechino, curato da padre Angelo Lazzarotto, missionario del Pime.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Parlamento europeo condanna la persecuzione dei cristiani
16/11/2007
Parlamentari europei: Pechino deve rilasciare Gui Minhai ‘immediatamente e senza condizioni'
24/02/2018 11:03
Campagna per vescovi cinesi: autorevoli adesioni da Europa e Usa
15/03/2005
Suore picchiate a Xian: il governo chiede alla diocesi di pagare la scuola che è già sua
30/11/2005
L'Europa chiede alla Cina rispetto per diritti umani e libertà religiosa
07/09/2006


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”