05/05/2010, 00.00
TIBET – CINA
Invia ad un amico

Lhasa, chiede giustizia dopo il terremoto: arrestato

Il giovane Samdup Gyatso, 28enne, è stato circondato da sette agenti della polizia: aveva una bandiera nazionale tibetana in mano e chiedeva al governo di fornire alla popolazione in difficoltà i generi di primo soccorso inviati dalla comunità internazionale. È il secondo arresto collegato al post-terremoto.

Lhasa (AsiaNews) – Un esule tibetano, rientrato in patria, è stato arrestato ieri per aver inscenato una manifestazione solitaria davanti al tempio di Tsuglakhang, storico luogo di culto nella capitale del Tibet. Il giovane Samdup Gyatso, 28enne, è stato circondato da sette agenti della polizia: aveva una bandiera nazionale tibetana in mano e un’altra nel retro della maglietta; stava urlando slogan a favore del rientro del Dalai Lama e del rilascio del Panchen Lama.

Lo riporta il Tibetan Centre for Human Rights and Democracy, che al momento non ha informazioni sul luogo di detenzione del ragazzo. Questo, che ha manifestato durante l’ora della preghiera, chiedeva inoltre una corretta gestione della crisi post-terremoto nel Qinghai e la consegna alla popolazione dei beni di primo soccorso inviati dalla comunità internazionale. Secondo il manifestante, inoltre, il governo deve occuparsi delle comunità nomadi di Kyegudo, che versano in uno stato di particolare bisogno.

Samdup Gyatso è nato in una famiglia nomade della contea di Haiyan, nella prefettura autonoma tibetana all’interno della provincia del Qinghai. Dopo la fuga dalla regione verso l’India, avvenuta nel novembre del 2007, ha studiato presso la Sherab Gatsel Lobling, una scuola per i nuovi arrivati gestita dal governo tibetano in esilio a Dharamsala. Prima ancora si era formato nel monastero Jabdrung Gartok.

Nel marzo del 2008 è tornato a casa, attraverso il confine nepalese, ed è stato arrestato: portava con sé libri e discorsi del Dalai Lama, il leader buddista che il governo di Pechino accusa di indipendentismo. Rinchiuso nella prigione di Drapchi, ha passato sei mesi in galera. Si tratta del secondo arresto di un tibetano che chiede una corretta gestione dei beni inviati dopo il terremoto del Qinghai, che ha ucciso migliaia di tibetani.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Qinghai, crescono le vittime e il Dalai Lama chiede di visitarle
19/04/2010
Gansu: monaci tibetani interrompono una visita di giornalisti guidata dal governo
09/04/2008
Tibet, un’altra auto-immolazione. E gli studenti scendono in piazza contro Pechino
29/11/2012
Tutta la Cina ricorda i morti del Qinghai. Proibito il soccorso dei monaci tibetani
21/04/2010
Sisma nel Qinghai: 2039 i morti. Domani lutto nazionale
20/04/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”