24/09/2007, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Minacce di morte per guru Swami, annullato lo “yoga collettivo”

di Kalpit Parajuli
Oltre 30mila persone si erano iscritte per partecipare all’incontro, ritenuto troppo pericoloso. Sempre più tesa la situazione del Nepal, ritornato ad essere teatro di scontri fra i maoisti e l’esercito regolare.
Kathmandu (AsiaNews) – E’ stato annullato d’urgenza lo “yoga collettivo” previsto per la giornata di ieri nella capitale nepalese, che doveva ospitare il guru Swami, popolare maestro indiano minacciato di morte da ignoti gruppi nepalesi. Oltre 30mila persone si erano iscritte per partecipare all’evento che, nonostante l’appoggio di politici e forze dell’ordine, è stato ritenuto “troppo pericoloso”.
 
L’episodio dà un quadro della situazione sempre più tesa del Nepal, da giorni teatro di violenze fra i maoisti e l’esercito regolare. I primi si sono ritirati dalla coalizione di governo per protestare contro la decisione di non abolire la monarchia, ed hanno annunciato la ripresa della guerriglia finché lo Stato non diventi “realmente laico”.
 
Attualmente, i maoisti hanno 83 dei 329 seggi dell’assemblea parlamentare attuale. In precedenza hanno sostenuto oltre 10 anni di rivolta armata contro il re Gyanendra, giungendo a controllare intere regioni. L’uscita dei loro ministri dall’attuale esecutivo è stata condannata da India e Stati Uniti, che hanno chiesto una risoluzione pacifica dei problemi interni al Paese.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nuove tensioni tra ribelli maoisti e governo
26/10/2009
Fragile Nepal, campo di battaglia fra India e Cina
16/05/2009
Nepal: muore senza giustizia il padre di Krishna Adhikari, fucilato dai maoisti
24/09/2014
Imponente manifestazione dei maoisti contro il governo e la polizia
12/11/2009
Esplodono violenze “religiose” tra indù ed islamici
19/09/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”