06/05/2021, 12.43
BANGLADESH
Invia ad un amico

Natore: Con Papa Francesco recitiamo il rosario per la fine della pandemia

di Sumon Corraya

I fedeli dei sette villaggi cattolici della città di Bonpara impegnati nella recita del rosario serale in casa o in parrocchia. Margaret ha una figlia guarita dalla malattia grazie alla preghiera del rosario. “Preghiamo anche per la gente in India, dove ogni giorno muoiono migliaia di persone a causa del Covid”. Gli inni alla Madonna danno “una pace profonda”.

Natore (AsiaNews) - La chiesa di Natore fa parte del gruppo di chiese nella città di Bonpara (diocesi di Rajshai, foto 2). Vi sono sette villaggi cattolici con 3900 fedeli, dediti all’agricoltura o al lavoro come migranti in città. Quest’anno tutti sono stati chiamati a pregare il rosario durante il mese di maggio per la fine della pandemia da coronavirus, come richiesto da papa Francesco.

P. Bikash H Reberio spiega: “Maggio è il mese dedicato alla Madonna. E in questo mese abbiamo bisogno di pregare il rosario perché è importante seguire il modello di Maria, la sua sanità, semplicità, obbedienza. Inoltre, quest’anno anche papa Francesco ha chiesto a tutti di pregare il rosario in famiglia e in parrocchia per domandare la fine della pandemia di Covid-19”.

Margaret Cruze, una fedele di Bahimaly, dice che nella sua famiglia “tutti i giorni, alla sera preghiamo il rosario. Questo anno l’intenzione è per la fine della pandemia. Domandando alla Madonna, si ottiene sempre una risposta”. Margaret, 45 anni, madre di due figli, racconta che “una volta, mia figlia era affetta da una malattia cronica alla pelle. Pregando Maria, mia figlia è guarita completamente. Spero che Dio accetterà le nostre preghiere e farà terminare questa pandemia”.

Nel suo villaggio non vi sono stati casi di Covid-19. Ma centinaia di cattolici che vivono a Dhaka e in altre città sono stati infettati. “Noi- afferma Margaret – preghiamo per loro, per i loro parenti e per tutti i popoli del mondo perché l’umanità sia salvata da questo virus mortale”.

Rinku Palma, un'altra fedele, dice che nel suo villaggio, dal primo maggio, pregano il rosario tutti insieme. “Ci raduniamo in una casa o un’altra e facciamo la preghiera. Questo aumenta la nostra fraternità. Preghiamo per il nostro Paese, ma anche per la gente in India, dove ogni giorno muoiono migliaia di persone a causa del Covid. Chiediamo che Dio li salvi”.

Fr Bikash ha dato indicazione perché in tutti i villaggi vi sia la recita del rosario serale. La preghiera è intervallata da canti e inni. “Amo tanto – confessa Palma - cantare per Maria durante il rosario. Mi dà una pace profonda. Io confido che la Madonna ci otterrà da suo Figlio Gesù la fine della pandemia”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jakarta: inaugurato un museo per Maria ‘Madre di tutte le etnie’
23/10/2018 12:42
Il Papa: il rosario per le vocazioni al sacerdozio e alla verginità consacrata
14/08/2004
Papa: Lettera e preghiere a tutti i fedeli per il Mese di maggio 2020
25/04/2020 12:11
Papa: Come a Emmaus, scegliere la via di Dio, non quella dell’io; la via del sì, non quella dei se
26/04/2020 12:07
In 6mila recitano il Rosario per la pace nello Sri Lanka
08/10/2007