13/02/2013, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Padre Lombardi, dal Papa un esempio moralmente prezioso per ogni cristiano e per ogni uomo

Vivere la situazione con fede e serenità. Precisato il calendario degli impegni di Benedetto XVI fino al 28 febbraio. Quel giorno, alle 17 lascerà il Vaticano e si ritirerà a Castel Gandolfo.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Con le sue parole all'udienza generale di oggi, il Papa si è rivolto al popolo di Dio, che può sentirsi "disorientato da questa situazione". "Le parole del Papa invitano a viverla con fede e serenità nella certezza che la Chiesa è di Cristo". Padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa della Santa Sede sottolinea così, incontrando oggi i giornalisti, quanto accaduto poco prima nell'incontro con i fedeli.

Che avranno ancora alcune occasioni per vedere Benedetto XVI. Numerosi, infatti, sono ancora gli impegni in programma da oggi al 28 febbraio. A partire dalla messa celebrata oggi pomeriggio con il rito delle Ceneri. Stasera ci sarà anche un breve indirizzo da parte del segretario di Stato.

Domani, giovedì 14, ci sarà la tradizionale udienza al clero di Roma.

Venerdì 15, udienza al presidente della Romania; poi i vescovi della Liguria per la visita ad limina e infine quella alla Pro Petri Sede.

Sabato 16, il presidente del Guatemala, poi i vescovi della Lombardia, in gruppo.

Nel pomeriggio udienza privata con il presidente del Consiglio italiano, Mario Monti. Rispondendo ad una domanda in proposito, padre Lombardi ha detto che "Monti ha incontrato il Papa più volte, è ancora presidente del consiglio con le sue responsabilità istituzionali, per questo vede Benedetto XVI, non in quanto candidato in campagna elettorale".

Domenica 17 ci sarà l'Angelus, poi inizieranno, come ogni anno, gli esercizi spirituali, durante i quali il Papa non ha alcun impegno, ma che "probabilmente saranno vissuti con particolare momento di preghiera".

Sabato 23, alle 9 terminano gli esercizi spirituali. Alle 11.30 Benedetto XVI riceverà in visita privata il presidente italiano Giorgio Napolitano col quale il Papa ha un rapporto personale "intenso e commovente". Tra i due c'è "apprezzamento profondo".

Domenica 24 l'ultimo Angelus.

Lunedì 25 incontrerà singolarmente alcuni cardinali. Annullato l'incontro con i vescovi delle Marche.

Martedì, giorno libero come "di rito".

Mercoledì 27 ultima udienza generale, che si terrà in piazza san Pietro per consentire un maggior afflusso di fedeli.

Giovedì 28 alle 11 i cardinali salutano il Papa che si congeda da loro. Nel pomeriggio, alle 17, partenza in elicottero per Castel Gandolfo, dalle 20 "siamo in sede vacante".

In questi giorni, è "possibile" la nomina del presidente dello Ior. La cosa è "plausibile, perché il procedimento è in corso da diverso tempo e non è stato interrotto". "Si prevedeva che in questo tempo giungesse a conclusione".

Padre Lombardi ha anche spiegato che la nomina, avvenuta oggi di mons. Giuseppe Sciacca a uditore della Camera apostolica "ha a che fare con la Sede vacante: l'uditore della camera apostolica è un consulente giuridico del Camerlengo (il cardinale Tarcisio Bertone, ndr), che svolge le funzioni di carattere giuridico e amministrativo" in tale periodo.

"La Chiesa - ha infine deto padre Lombardi - conosce cos'è l'avvicendamento nel Pontificato, la rinuncia era già prevista nel Codice di diritto canonico. Certamente il Papa ha avuto un grande coraggio, certamente con spirito di fede e di amore per la Chiesa". Il suo è "un esempio moralmente prezioso per ogni cristiano e per ogni uomo: chiedersi se uno ha un compito, se è adeguato a svolgerlo". (FP)

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: non farà in tempo a pubblicare l'enciclica sulla fede
12/02/2013
Card. Zen: Gli enormi passi del Papa verso la Cina, frenati dal Vaticano e dal Partito
22/02/2013
Cattolici vietnamiti: Benedetto XVI è un “modello” di fede
15/02/2013
Papa: ho deciso dopo aver pregato a lungo ed esaminato la mia coscienza
13/02/2013
P. Lombardi: la rinuncia di Benedetto XVI "una decisione che incide veramente nella situazione e nella Storia della Chiesa"
11/02/2014


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”