01/11/2008, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: La compagnia dei Santi ci aiuta a vincere ogni paura e tribolazione

Nella solennità di Tutti i santi, Benedetto XVI offre una piccola catechesi sulla santità, un “martirio” inteso come “amore per Cristo senza riserve”, che si esprime “nel dono totale di sé a Dio e ai fratelli”. Saluto ai giovani che hanno partecipato alla prima edizione della Corsa dei santi.

Città del Vaticano (AsiaNews) – La “grande gioia” con cui oggi la Chiesa cattolica celebra la festa di Tutti i santi, “ci spinge ad affrettare il passo del nostro pellegrinaggio terreno” e ci aiuta “a superare ogni difficoltà, ogni paura, ogni tribolazione”: lo ha detto il papa ai pellegrini radunati in piazza san Pietro per la preghiera dell’Angelus. E a conferma di questa gioia nella comunione dei Santi, ha citato lo spiritual “When the Saints”: "Quando verrà la schiera dei tuoi santi, oh come vorrei, Signore, essere tra loro!".

Riprendendo un’immagine molto comune fra i Padri della Chiesa, Benedetto XVI ha paragonato “lo spettacolo della santità” a un “meraviglioso giardino”,  “dove lo Spirito di Dio ha suscitato con mirabile fantasia una moltitudine di santi e sante, di ogni età e condizione sociale, di ogni lingua, popolo e cultura. Ognuno è diverso dall’altro, con la singolarità della propria personalità umana e del proprio carisma spirituale. Tutti però recano impresso il ‘sigillo’ di Gesù (cfr Ap 7,3), cioè l’impronta del suo amore, testimoniato attraverso la Croce. Sono tutti nella gioia, in una festa senza fine, ma, come Gesù, questo traguardo l’hanno conquistato passando attraverso la fatica e la prova (cfr Ap 7,14), affrontando ciascuno la propria parte di sacrificio per partecipare alla gloria della risurrezione”.

Il pontefice ha ricordato che questa festa in origine radunava la memoria collettiva di tutti i martiri. “Questo martirio – ha aggiunto - possiamo intenderlo in senso lato, cioè come amore per Cristo senza riserve, amore che si esprime nel dono totale di sé a Dio e ai fratelli. Questa meta spirituale, a cui tutti i battezzati sono protesi, si raggiunge seguendo la via delle "beatitudini" evangeliche, che la liturgia ci indica nell’odierna solennità (cfr Mt 5,1-12a). E’ la stessa via tracciata da Gesù e che i santi e le sante si sono sforzati di percorrere, pur consapevoli dei loro limiti umani. Nella loro esistenza terrena, infatti, sono stati poveri in spirito, addolorati per i peccati, miti, affamati e assetati di giustizia, misericordiosi, puri di cuore, operatori di pace, perseguitati per la giustizia. E Dio ha partecipato loro la sua stessa felicità: l’hanno pregustata in questo mondo e, nell’aldilà, la godono in pienezza. Sono ora consolati, eredi della terra, saziati, perdonati, vedono Dio di cui sono figli. In una parola: "di essi è il Regno dei cieli" (cfr Mt 5,3.10)”.

Dopo la preghiera mariana, Benedetto XVI ha salutato i presenti in diverse lingue. Passando ai pellegrini italiani, egli ha rivolto un saluto particolare ai giovani di Roma che oggi hanno partecipato alla prima edizione della “Corsa dei santi”, in una specie di “maratona” che ha toccato San Giovanni in Laterano, San Paolo fuori le Mura, Santa Maria Maggiore e si è conclusa in piazza san Pietro. “Sono lieto – ha detto il papa - di questa nuova iniziativa, che esprime la gioia e anche la fatica di ‘correre’ insieme sulla via della santità. Possa tutta la nostra vita essere una ‘corsa’ nella fede e nell’amore, animata dall’esempio dei grandi testimoni del Vangelo!”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: nelle cause dei santi vanno cercate verità storica e prove concrete
27/04/2006
Papa: disarmare il cuore per essere operatori di pace
01/11/2022 12:35
Papa: Gioia per i santi nel cielo e preghiera per i defunti
01/11/2004
Papa: i nuovi santi ci insegnino le vie del dialogo
15/05/2022 12:50
Papa: Nella Comunione dei santi non siamo mai soli, come in famiglia o fra amici
01/11/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”