13/10/2014, 00.00
MEDIO ORIENTE - ITALIA
Invia ad un amico

Patriarca Sako: La preghiera, fonte di salvezza per le famiglie cristiane in Medio Oriente

Il leader della Chiesa caldea d'Iraq è intervenuto al convegno organizzato dalla Fondazione Vaticana "Centro Internazionale Famiglia di Nazareth", nell'ambito del Sinodo straordinario sulla famiglia. Il modello cristiano è "esempio, luce e speranza per la famiglia musulmana". Necessità di "un dialogo coraggioso" con la comunità islamica.

Roma (AsiaNews) - Nella violenza e nella devastazione che stanno colpendo il Medio Oriente, "ciò che salva le famiglie cristiane e le aiuta a sopravvivere è la preghiera". È una testimonianza di fede e di coraggio quella data da Mar Louis Raphael I Sako, Patriarca caldeo d'Iraq, al convegno dedicato alle famiglie in Medio Oriente che si è tenuto l'11 ottobre scorso. Organizzata dalla Fondazione Vaticana "Centro Internazionale Famiglia di Nazareth", l'iniziativa si è svolta a margine del Sinodo straordinario sulla famiglia in corso.

"La famiglia cristiana - ha detto il patriarca di Baghdad - rappresenta un esempio, una luce e una speranza  per quella musulmana. Perché si pratica la monogamia; per via dell'unione tra uomo e donna; perché la donna ha un suo ruolo e una sua dignità. Tante volte ho sentito dire dai musulmani che noi siamo 'come fiori' per loro".

Dinanzi alla tragedia e alle barbarie compiute dai miliziani del califfato islamico, Mar Sako comprende "i tanti che decidono di andare via. Ma noi restiamo, dobbiamo restare, perché crediamo nella nostra missione di testimonianza evangelica. Dobbiamo ricordare che non tutti i musulmani sono l'Isis. Dio ci ha creati diversi e questo ci impone di avviare un dialogo coraggioso con i nostri fratelli musulmani".

Al Convegno hanno partecipato anche altri patriarchi delle Chiese cattoliche orientali. Fouad Twal, patriarca di Gerusalemme dei Latini e presidente della Conferenza episcopale dei Paesi arabi, ha posto l'accento sulle vittime del conflitto israelo-palestinese. "Chi potrà ricostruire - ha chiesto - l'elemento umano del popolo di Gaza? I giovani di oggi, che hanno già vissuto tre guerre, che tipo di famiglie formeranno domani? Unioni basate sulla violenza o sull'affetto? Tante domande, ma al momento non ci sono risposte".

Ricordando "i 140mila siro-cattolici che a inizio agosto sono fuggiti da Mosul e hanno trovato rifugio in Kurdistan", Ignace Youssif III Younan, patriarca di Antiochia dei Siri, ha sottolineato la volontà di queste famiglie "a vivere in quella terra con dignità di uomini e donne". "Dopo quello armeno - ha aggiunto - adesso si compie un nuovo esodo e un nuovo sterminio". (GM)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I cristiani del Vicino Oriente e l’ideologia islamista
14/09/2011
La comunità internazionale trovi una “soluzione politica” per fermare la violenza in Medio Oriente
24/10/2015
Vescovo di Tiro: Cristiani in Libano divenuti minoranza nel loro Paese
16/02/2010
Il papa in Libano per la missione dei cristiani e la Primavera araba
16/04/2012
Vescovo siro-malabarese: più attenzione per i migranti indiani nei Paesi Arabi
15/10/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”