09/03/2012, 00.00
ASIA - GRECIA
Invia ad un amico

Salgono le borse asiatiche dopo l'accordo sul debito della Grecia

In crescita Hong Kong, Shanghai, Tokyo, Seoul, Singapore, Mumbai. Il piano di ristrutturazione del debito sovrano in Grecia è stato accolto dal 95% dei creditori. Nuovi prestiti ad Atene per 130 miliardi di euro. Forti problemi per la popolazione, ma salve le banche greche. Il Fondo monetario internazionale non è "pessimista".

Hong Kong (AsiaNews) - Le borse asiatiche sono in rialzo per il secondo giorno, proprio mentre la Grecia annuncia che la ristrutturazione del suo debito è completata.

La Sony Corporation, esportatore numero uno di elettronica, ha visto le sue azioni salire del 4,3%, avendo almeno il 21% delle sue vendite in Europa. A metà giornata l'Hang Seng di Hong Kong era a più 1,1 e la borsa di Shanghai a più 0,4, portando entrambi a meno della metà le perdite della settimana. A metà giornata Singapore era a più 0,4; Tokyo più 2; Seoul più 0,9. Anche l'indice in India era in salita (+1,8).

Il piano di salvare la Grecia dalla bancarotta ha avuto successo. La più grande ristrutturazione di debito sovrano nella storia ha visto i detentori dei buoni del tesoro greco accettare perdite del 74% sul valore dei loro investimenti, arrivando a tagliare il debito pubblico di Atene di oltre 100 miliardi di euro.

Il governo greco ha annunciato che la percentuale degli investitori che hanno accettato la ristrutturazione è del 95,7%, molto al di sopra della soglia minima del 75%.

Il mese scorso, l'Unione europea e il Fondo monetario internazionale avevano posto tale ristrutturazione come condizione per un nuovo prestito di 130 miliardi di euro.

La ristrutturazione del debito permette un recupero delle banche greche, caricando la popolazione di una pesante austerità: salari ridotti, disoccupazione al 21%, tagli alla sanità e alle pensioni.

Analisti richiesti da AsiaNews spiegano "i tagli erano necessari: è vero che questo salvataggio mira soprattutto a salvare le banche, ma anche il popolo greco aveva scelto di vivere al di sopra dei propri mezzi e si era data una dirigenza politica che l'assecondava".

Resta comunque vero che "il salvataggio della Grecia è in realtà denaro dato alle sue banche".

"Per ora - ha commentato Christine Lagarde, direttore del Fmi - i numeri sono promettenti... Il rischio reale di una crisi, una crisi acuta è stato rimosso", Lagarde ha aggiunto di non essere "pessimista" sulle possibilità di successo del piano.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Standard & Poor’s e le banche europee contro l’euro
06/12/2011
Negative le borse asiatiche. Si raffredda l'euforia sulla Spagna e si teme per Italia e Grecia
12/06/2012
La crisi in Italia fa cadere le borse e le monete dell’Asia
10/11/2011
Cadono le borse asiatiche dopo le elezioni in Francia e Grecia
07/05/2012
Asia, un normale drammatico venerdì: oro record, borse in caduta
19/08/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”