09/05/2007, 00.00
TIMOR EST
Invia ad un amico

Scarsa affluenza alle urne per il secondo turno delle presidenziali

Nel duello tra Ramos Horta e Guterres gli analisti non si sbilanciano in previsioni. Pochi gli elettori davanti ai seggi, forse scoraggiati dalle accuse di manipolazione e intimidazioni, che hanno caratterizzato il primo turno un mese fa. Risultati provvisori attesi per stanotte.

Dili (AsiaNews) – Seggi aperti nel giovane Stato a maggioranza cattolica di Timor Est, dove è in corso il secondo turno delle presidenziali. Il confronto è tra il premier e Nobel per la Pace José Ramos Horta, e il presidente del Parlamento, Francisco "Lo-Olo" Guterres, ex guerrigliero indipendentista del Fretilin, partito maggioritario. Gli elettori chiamati al voto sono 520mila in circa 700 seggi allestiti in tutto il Paese. E' la prima consultazione dall'indipendenza di questa ex colonia portoghese dalle forze di occupazione indonesiane, conquistata nel 2002 dopo tre anni di sanguinosi scontri

L’attuale premier ad interim promette di affrontare la grave crisi economica facilitando investimenti esteri diretti; Guterres, invece, ha incentrato il suo programma elettorale sul mantenimento della sicurezza nel Paese, dove dal 2002 continuano a verificarsi violenze ad intermittenza tra fazioni rivali. Anche se Ramos Horta è dato per favorito, esperti invitano a non sottovalutare il vasto sostegno, di cui il Fretilin ancora gode nelle zone rurali dell’isola. I vescovi cattolici di Dili e  Baucau il mese scorso avevano incoraggiato i fedeli a “recarsi alle urne e scegliere con coscienza” la guida del Paese.

Il voto, però, si sta svolgendo in un clima di incertezza e inquietudine: le numerose accuse di manipolazione e intimidazioni che hanno caratterizzato il primo turno del 9 aprile sembra stiano scoraggiando la popolazione a recarsi alle urne. L’afflusso finora risulta nettamente minore alla grande partecipazione di un mese fa, attestata all’81%. I seggi sono presidiati da circa 4mila poliziotti delle Nazioni Unite e delle forze di sicurezza locali, appoggiati dal contingente di pace dispiegato l'anno scorso per arginare le violenze. I risultati provvisori sono attesi già da stanotte.

Il nuovo capo di Stato succederà a Xanana Gusmao, ex leader guerrigliero che sembra interessato a candidarsi a primo ministro alle politiche di giugno.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Alle presidenziali è in testa Ramos Horta
10/05/2007
Presidenziali: candidati denunciano irregolarità, mentre si va al ballottaggio
12/04/2007
Presidenziali: in testa il Nobel Ramos-Horta, probabile il ballottaggio
10/04/2007
Dili: Jose Ramos-Horta verso la presidenza
21/03/2022 11:06
Ramos Horta vince le presidenziali
11/05/2007


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”