20/04/2010, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Sisma nel Qinghai: 2039 i morti. Domani lutto nazionale

Bandiere a mezz’asta in tutto il mondo e silenzio. Timori per l’arrivo della neve proprio sull’epicentro del terremoto. Monaci tibetani affermano che il bilancio delle vittime è molto più alto.
Jiegu (AsiaNews/Agenzie) - La Cina ha decretato per domani una giornata di lutto nazionale per ricordare le vittime del terremoto nel Qinghai, mentre proprio oggi il bilancio dei morti è giunto a 2039 morti. Altri 195 persone sono disperse.
 
Il Consiglio di Stato ha decretato che domani tutte le bandiere della nazione, alle ambasciate a ai consolati nel mondo saranno issate a mezz’asta. Anche gli intrattenimenti saranno sospesi.
 
Proseguono intanto senza sosta le ricerche per i sopravvissuti. Ieri una donna anziana, una bambina e una terza persona sono stati tratte in salvo ancora vive a una settimana dal sisma.
 
Per i sopravvissuti vi sono difficoltà nella distribuzione degli aiuti e ieri aveva cominciato a cadere la neve. Secondo il servizio meteo nella settimana sono attese nevicate proprio nella zona di Jiegu, vicino all’epicentro del sisma.
 
Nell’aiuto alla popolazione colpita lavorano anche centinaia di monaci tibetani della zona o delle province vicine. Secondo loro il bilancio dei morti e molto più alto di quello ufficiale. Un monaco di Jiegu ha dichiarato che solo tre giorni fa, il 17 aprile, essi hanno cremato 2100 salme.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tutta la Cina ricorda i morti del Qinghai. Proibito il soccorso dei monaci tibetani
21/04/2010
Lhasa, chiede giustizia dopo il terremoto: arrestato
05/05/2010
Qinghai, crescono le vittime e il Dalai Lama chiede di visitarle
19/04/2010
Il governo chiede ai monaci tibetani di difendere lo Stato cinese
19/02/2009
Gansu: monaci tibetani interrompono una visita di giornalisti guidata dal governo
09/04/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”