04/02/2011, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Vescovi filippini disposti al carcere per fermare la legge pro-aborto

La Conferenza episcopale invita i cattolici ad opporsi e lottare contro il disegno di legge, che verrà approvato in febbraio. Associazione pro-life denuncia le pressioni sul governo delle agenzie internazionali a favore di aborto e controllo delle nascite.
Manila (AsiaNews) – Vescovi filippini annunciano una campagna di “disobbedienza civile” contro l’eventuale approvazione della legge di salute riproduttiva. Ieri mons. Arturo Bastes vescovo di Sorgoson ha affermato:  “Siamo disposti ad andare in carcere insieme ai nostri sacerdoti, per protestare contro questo provvedimento immorale”.

I vescovi precisano che la campagna non mira a rovesciare il governo, ma è solo una mossa per respingere con forza il disegno di legge e avverrà in modo pacifico. In una lettera pastorale, mons. Nereo Odchimar presidente della Conferenza episcopale delle Filippine, ha invitato la gente a opporsi al disegno di legge e ad agire contro il suo passaggio. Il prelato ha però sottolineato che l’organizzazione di  manifestazioni e altre forme di proteste sarà una scelta libera di ciascun fedele.   Secondo fonti di AsiaNews,  i vescovi sono uniti nella loro opposizione, ma vi è molta incertezza tra i laici cattolici.  In febbraio il provvedimento verrà presentato alla camera dei deputati per l’approvazione definitiva. Per non urtare il sentimento dei cattolici esso non si chiamerà più “legge di salute riproduttiva”, ma legge “per la paternità responsabile”. Resteranno però in vigore le disposizioni controverse che permettono l’utilizzo di contraccettivi considerati abortivi, la sponsorizzazione della legge nelle scuole e il divieto di obiezione di coscienza per i medici. Ciò nonostante gli sforzi della Chiesa e da ultimo del presidente Beniño Aquino, che nei giorni scorsi aveva annunciato una revisione dei punti più controversi della legge.

Intanto, l’ associazione pro- life Human Life International (Hli), organizzerà nei prossimi giorni una manifestazione per chiedere al presidente Aquino di resistere alle pressioni delle organizzazioni internazionali che sponsorizzano i controlli delle nascite per combattere la povertà. Secondo Rene Bullecer, direttore di Hli il presidente ha ricevuto pressioni dalle agenzie internazionali tra le cui la  United States Agency for International Development (Usaid) e United Nations Population Fund (Unfpa). Esse  avrebbero donato al governo oltre 900 milioni di dollari Usa, per costringere Aquino a fare un passo indietro.  (S.C.) 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cagayan de Oro: chiesa e governo promuovono metodi naturali per family planning
20/05/2011
Il pugile Pacquiao con la Chiesa filippina contro l’aborto
19/05/2011
Vescovi filippini per Aquino, ma criticano le sue posizioni pro-aborto
21/05/2010
Vescovi filippini negano la scomunica di Aquino, ma danno battaglia sulla legge pro-aborto
01/10/2010
Cristiani e musulmani pro-life contro la legge pro-aborto
14/02/2011


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”