01/08/2006, 00.00
cina
Invia ad un amico

Zhejiang: la polizia arresta cristiani protestanti dopo aver distrutto la loro chiesa

Migliaia di poliziotti contro migliaia di fedeli. Il governo vuole costruire un centro commerciale sul terreno della chiesa.

Hong Kong (AsiaNews) – Due cristiani protestanti sono nelle mani della polizia, dopo aver resistito con altre migliaia di fedeli sotterranei alla distruzione della loro chiesa, situata in un villaggio del Zhejiang.

Il fatto è avvenuto nel pomeriggio del 29 luglio scorso. Secondo la China Aid Association (Caa) migliaia di poliziotti in tenuta anti-sommossa, oltre a centinaia di militari e operai pagati dal governo sono arrivati alla chiesa di Cheluwan (distretto di Xiaoshan, Hanzhou, Zhejiang) alle 13.30 e hanno cominciato a usare la forza per cacciare via i fedeli protestanti radunati per fermare la distruzione dell'edificio, che non aveva ricevuto alcuna approvazione. Subito dopo hanno distrutto la chiesa in modo completo.

Testimoni oculari affermano che la polizia ha usato manganelli elettrici e scudi anti-sommossa per disperdere i cristiani. Molte centinaia di fedeli sono stati colpiti, e un gruppo di loro è stato arrestato.

Un rappresentante del governo di Hanzhou ha confermato che solo 2 protestanti sono agli arresti e ha negato che la gente sia stata picchiata prima e durante la demolizione. Il governo distrettuale di Xiaoshan ha difeso l'operato delle forze dell'ordine perché – ha detto – l'edificio era "illegale" e non aveva il permesso governativo.

In realtà, secondo i cristiani di Cheluwan, la chiesa era stata costruita su un terreno privato, comprato da una coppia di cristiani. I fedeli hanno per molto tempo sottomesso la richiesta di costruire la chiesa e pur avendo tutte le carte in regola, il governo ha sempre negato il permesso. Il Centro d'informazione sui diritti umani e la democrazia afferma che la chiesa era già stata costruita anni addietro, ma era stata ristrutturata quest'anno a causa di un tifone nel 2005 che l'aveva molto danneggiata.

I Nuovi Regolamenti sulle religioni (varati nel marzo 2005) ammettono che comunità non riconosciute possano domandare il permesso per edificare un luogo di culto e le autorità sono obbligate a rispondervi entro 3 mesi.

Il comitato del villaggio si difende dicendo che la chiesa sorge su un luogo destinato a costruzioni per la "nuova campagna", il progetto di sviluppo per il mondo agricolo lanciato dal premier Wen Jiabao nel marzo 2006. In effetti il terreno dove sorge la chiesa è stato concesso dal governo per costruire un centro commerciale.

Non è la prima volta che edifici religiosi vengono requisiti in modo illegale per essere utilizzati in progetti di costruzione e di sviluppo edilizio. Lo scorso anno alcune suore a Xian sono state picchiate per aver difeso una scuola di loro proprietà, venduta dal governo a fini commerciali. In dicembre un gruppo di sacerdoti di Taiyuan sono stati picchiati a Tianjin per voler salvare le proprietà della diocesi requisite da ditte locali per sviluppi edilizi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Zhejiang, sei cristiani sotterranei in prigione senza alcuna accusa
25/10/2006
Zhejiang :arrestato giornalista che indagava sulla repressione dei cristiani
12/08/2006
Suore picchiate a Xian e sacerdoti arrestati: dichiarazione della Santa Sede
30/11/2005
Hebei, arrestati 6 preti della chiesa sotterranea
29/11/2005
Pestaggi e minacce contro cattolici: rivendicano un terreno di proprietà della Chiesa
11/07/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”