30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/01/2016, 00.00

    HONG KONG

    “Basta coi rapimenti”: a migliaia in piazza per gli editori spariti ad Hong Kong



    Almeno 3500 persone hanno marciato fino agli uffici di Pechino nel Territorio chiedendo il rilascio dei cinque dirigenti, critici della Cina, scomparsi a fine dicembre. Crescono i sospetti sul coinvolgimento della polizia cinese.

    Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) – Migliaia di cittadini di Hong Kong sono scesi in piazza nelle ultime ore per protestare contro le misteriose sparizioni di cinque dirigenti di case editrici avvenute a fine dicembre, chiedendo l’immediato rilascio dei coinvolti. Secondo i manifestanti, gli uomini (alcuni dei quali provvisti di passaporto europeo) sarebbero stati prelevati dalla polizia cinese. Le case editrici, infatti, sono specializzate in testi sulla lotta per il potere nella Cina continentale e sulla vita privata dei leader comunisti.

    Secondo la polizia di Hong Kong, almeno 3500 cittadini hanno marciato per il centro città gridando slogan come “no ai rapimenti al di là del confine” e “basta rapimenti politici”. Secondo gli organizzatori, le persone erano almeno 6mila. La marcia è partita dalla sede del governo del Territorio, nel distretto finanziario di Admiralty, e si è conclusa davanti all’ufficio di Pechino per le relazioni con Hong Kong, nel distretto occidentale di Sai Wan.

    Tra i simboli messi in mostra dai manifestanti c’erano i nastri gialli del movimento Occupy del 2014 e le bandiere di Hong Kong dell’era coloniale, insieme a cartelli con scritto: “Hong Kong non è la Cina”.

    L’ultimo editore scomparso è Lee Bo, dirigente della Causeway Bay Bookshop, svanito nel nulla il 30 dicembre 2015. Egli avrebbe inviato via fax una lettera a un collega in cui sostiene di “aver deciso di collaborare con la polizia a un’inchiesta importante”, mentre la moglie ha ritirato la denuncia per la sua sparizione alla polizia del Territorio. La polizia di Hong Kong o lo ha inserito nella lista delle persone scomparse. Gli agenti stanno esaminando le telecamere di sicurezza per capire se siano coinvolti o meno agenti della sicurezza cinese.

    Fondata nel 1994, la Causeway Bay è divenuta molto popolare fra i cinesi in visita a Hong Kong proprio per la disponibilità di libri proibiti in patria. Negli ultimi anni, sono molti gli editori del Territorio finiti in carcere nella Cina continentale per questa attività: fra loro Yiu Man-tin, condannato a 10 anni di galera per “contrabbando”, Wang Jianmin e Wo Zhonxiao, arrestati per “attività economiche illecite”.

    Oltre a Lee Bo sono irreperibili da tempo il cittadino svedese Gui Minhai, proprietario della casa editrice Mighty Current, sparito nell’ottobre 2015 in Thailandia; Lam Wing-kei, manager della libreria; Lui Bo, general manager della casa editrice; Cheung Jiping, capo del settore commerciale. Gli ultimi tre sono irrintracciabili dal novembre 2015.

    Nei giorni scorsi, il Capo dell’Esecutivo Leung Chun-ying, ha dichiarato che “non sarebbe accettabile vedere agenzie di sicurezza cinese operare in Hong Kong, in violazione alla Basic Law [la piccola “Costituzione” del Territorio ndr]. Tuttavia non abbiamo indicazioni o prove del loro coinvolgimento”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/03/2016 11:55:00 CINA – HONG KONG
    Hong Kong, la “confessione televisiva” dell’editore sparito Lee Bo

    Per la prima volta dalla sua scomparsa, il fondatore della Causeway Bay Bookshop appare sulla Phoenix Tv (vicina al governo di Pechino). Sarebbe andato nella Cina continentale “di sua spontanea volontà” per cooperare ad una “inchiesta”. Altri tre membri dello staff della casa editrice hanno già “confessato”. La pratica è divenuta comune per diffamare i dissidenti.



    18/01/2016 08:53:00 CINA - HONG KONG
    Cina, uno dei cinque editori scomparsi “confessa” in tv. Ma i conti non tornano

    I media ufficiali lanciano un'intensa campagna contro l’editore scomparso Gui Minhai. Egli è accusato di aver ucciso una donna mentre guidava ed essere poi fuggito in una nazione straniera. Una nuova lettera di Lee Bo si unisce alle accuse. Sospettosi gli utenti di internet.



    12/01/2016 HONG KONG – CINA
    La sparizione dei librai imbarazza Pechino e spacca il governo di Hong Kong
    I cinque editori, critici nei confronti del governo cinese, sono oramai confermati in Cina. Ma l’esecutivo del Territorio sembra incapace di tutelare i loro diritti. La popolazione continua a protestare e la società civile chiede di “fare qualcosa”. La difesa incongruente dei giornali di Stato.

    02/03/2016 13:14:00 CINA
    Deputato cinese: Basta “confessioni” in tv, danneggiano lo Stato e la dignità della persona

    Zhu Zhengfu, vice presidente dell’Associazione degli avvocati di Cina e delegato alla Conferenza consultiva politica del popolo cinese, critica la scelta di far parlare in televisione i sospettati. Il riferimento è agli editori di Hong Kong e ai sempre più numerosi attivisti per i diritti umani che si “pentono in diretta” dei propri crimini. Il capo della polizia del Territorio: “Lee Bo non racconta tutta la verità”.



    04/01/2016 HONG KONG – CINA
    Hong Kong, “spariti” i proprietari di una libreria critica nei confronti di Pechino
    Lee Bo è il quinto dirigente della Causeway Bay Bookshop a scomparire. Il negozio e la casa editrice collegata sono noti per il loro lavoro sulla lotta per il potere nella Cina continentale e sulla vita privata dei leader comunisti. La popolazione del Territorio in piazza chiede notizie sulla loro sorte. Il Capo dell’Esecutivo: “Inaccettabile se ci fossero dietro le agenzie di sicurezza cinesi, ma non abbiamo prove”. I deputati democratici convinti invece del coinvolgimento del Partito.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®