30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/03/2012, 00.00

    ARABIA SAUDITA

    8 marzo in Arabia Saudita: ferite 50 studentesse che manifestano



    All'origine della protesta il cattivo trattamento da parte del personale della facoltà e la scarsa pulizia del campus. Il portavoce dell'università dice che sono state le ragazze ad attaccare impiegati, docenti e uomini della sicurezza.

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - Più di 50 studentesse ferite: è il bilancio di un 8 marzo di protesta delle ragazze del collegio femminile della King Khalid University, ad Abha, in  Arabia Saudita, che lamentano cattivo trattamento da parte della facoltà e la scarsa pulizia del campus.

    Proprio la pulizia è stata all'origine della protesta delle studentesse, martedì. "Per andare alla caffetteria - ha spiegato una di loro - dobbiamo passare su mucchi di spazzatura". Un'altra ha lamentato che "non ci sono abbastanza aule-conferenze e in quelle esistenti mancano persino le sedie".

    Ieri, poi, le giovani si sono riunite per reiterare la manifestazione e chiedere che una loro delegazione fosse ricevuta dall'amministrazione.

    Secondo il responsabile delle relazioni pubbliche dell'università, Awad Al-Qarni, a quel punto le ragazze hanno attaccato personale dell'amministrazione, della facoltà e anche della sicurezza.

    I resoconti ufficiali dicono che sul posto erano presenti polizia, difesa civile e 50 "membri della Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio", la polizia religiosa. Un portavoce di quest'ultima ha negato che i suoi uomini abbiano picchiato le studentesse, sostenendo che invece le hanno aiutate a contattare i loro parenti e che la loro presenza "ha creato una sensazione di pace e sicurezza" tra le ragazze.

    Sta di fatto, che un portavoce del Dipartimento della salute della provincia di Asir ha detto che 22 studentesse sono state ricoverate negli ospedali e altre 31 curate all'interno della stessa università. La televisione iraniana, citando fonti locali, ha parlato anche di una ragazza morta, della quale, invece, non dicono nulla i media sauditi.

    Il governatore della provincia, principe Faisal bin Khaled, anche su pressione dei parenti delle giovani, ha ordinato un'inchiesta.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/06/2007 ARABIA SAUDITA
    Per la prima volta sotto processo agenti della polizia religiosa
    Sono coinvolti nella morte di un arrestato, ufficialmente deceduto per cause naturali. Si avviano a conclusione anche le indagini legate alle accuse di un uomo secondo il quale suo figlio, trovato in possesso di alcol, è stato ucciso a bastonate.

    02/04/2009 ARABIA SAUDITA
    La polizia religiosa arresta famosi artisti perché recitano insieme uomini e donne
    La muttawa irrompe in un albergo dove erano in corso le riprese per una noto serial televisivo. Gli attori rilasciati su cauzione, la donna sottoposta anche a una seduta di educazione morale. Nel Paese è acuto il contrasto tra i leader religiosi integralisti e chi vuole più libertà.

    22/06/2005 Arabia Saudita
    Riyadh, missionario indiano in prigione, accusato di proselitismo


    24/03/2009 ARABIA SAUDITA
    Accuse di torture alla polizia religiosa dalla Società saudita per i diritti umani
    In un rapporto per il massimo organo consultivo del regno, trovano conferma i casi di abuso di potere, maltrattamenti, vessazioni e, in qualche caso, di morte di persone arrestate. Al nuovo responsabile della muttawa si chiede di dare direttive precise ai membri della Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio.

    03/03/2009 ARABIA SAUDITA
    Anche la biancheria intima in campo per le riforme saudite
    Una campagna contro il divieto per le donne di lavorare nei negozi che vendono biancheria riporta l’attenzione sulle riforme nel regno. A febbraio il re ha apportato profonde modifiche nelle strutture di potere, sostituendo personaggi utraconservatori. Si è parlato di “audace riforma”, ma c’è chi pensa che sia solo riaffermazione della centralità dello Stato. Conservatori all’attacco delle tv di proprietà di membri della famiglia reale.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®