26 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2016, 10.49

    IRAN - AIEA

    Aiea: Teheran rispetta “alla lettera” gli accordi sul nucleare iraniano



    Yukiya Amano, capo dell’agenzia Onu per l’atomica, conferma che non vi sono “problemi” perché l’Iran “fa ciò che ha promesso”. In questi mesi si è verificato solo un “piccolo incidente” cui Teheran ha “subito rimediato”. L’impegno per “garantire” che il piano sia rispettato anche in futuro”. Desta preoccupazione il dossier nord-coreano.

    Teheran (AsiaNews) - Un accordo in vigore da gennaio è “senza particolari problemi”, perché Teheran “fa ciò che ha promesso” al momento della firma. È soddisfatto il capo dell’Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) Yukiya Amano, che in un’intervista a Le Monde conferma - come aveva già fatto Israele nelle scorse settimane - l’impegno e l’attenzione mostrati dall’Iran in tema di nucleare. 

    Intervistato a margine della 60ma Conferenza generale Aiea, che si è tenuta dal 26 al 30 settembre a Vienna, in Austria, dove ha sede l’agenzia, Yukiya Amano ricorda solo “un piccolo incidente” avvenuto sinora, al quale le autorità iraniane “hanno subito rimediato”.

    “Posso confermare - ha aggiunto 69enne diplomatico giapponese - che Teheran rispetta gli impegni presi alla lettera”, facendo quanto “ha promesso alla comunità internazionale”. 

    Dopo anni di embargo, nel 2015 l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche dell’Occidente, in cambio dell’accordo sul controverso programma atomico. Un’intesa accolta in maniera positiva dalla maggioranza della comunità internazionale, tranne qualche posizione critica, in particolare quella di Israele e del Congresso americano (a maggioranza repubblicano).

    Gli Stati Uniti hanno mantenuto in vigore tutta una serie di sanzioni per il programma di missili balistici di Teheran, oltre che per il sostegno [armato] a movimenti sciiti in Medio oriente. Tra questi Hezbollah in Libano, il governo di Damasco in Siria e gli Houthi “ribelli” in Yemen.

    Il capo dell’Aiea nega con forza il rischio di una “proliferazione” del nucleare in Medio oriente, come paventato alla vigilia dello storico accordo da Arabia Saudita e Israele, quest’ultimo unica potenza atomica nella regione. A dispetto delle voci, afferma, non si è verificato alcun “fatto” che possa “corroborare queste speculazioni”. 

    L’accordo sul nucleare di Teheran è forse il successo maggiore di Yukiya Amano, in lizza per un terzo mandato quando, nel novembre 2017, dovrà essere rinnovata la carica. E proprio sul dossier atomico iraniano egli assicura che la partita “non è chiusa”, perché è un percorso “iniziato solo da pochi mesi” e sarà massimo l’impegno per “garantire che l’accordo sia applicato” anche in futuro. 

    Se, da un lato, la minaccia nucleare iraniana sembra ormai archiviata, continua a destare preoccupazione la situazione in Corea del Nord, dove dal 2009 non vi è un accesso diretto ai siti. Pyongyang si è ritirata dal programma di non proliferazione e ha anche promosso di recente due test atomici. Una situazione “disdicevole” e che è fonte “di grande preoccupazione”, conclude il leader nipponico di Aiea, che attraverso il team di esperti continua a “monitorare la situazione attraverso i satelliti”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2016 08:50:00 IRAN - ONU
    Nucleare iraniano: Teheran cede all’Oman il surplus di produzione di acqua pesante

    L’Aiea aveva rilevato una produzione di scorte di acqua pesante pari a 130,1 tonnellate. Il limite massimo fissato nei termini dell’accordo internazionale sul nucleare è di 130. È la seconda volta che Teheran supera il tetto di produzione. Restano le incertezze sulle scelte del prossimo presidente Usa sul nucleare iraniano. 

     



    02/12/2016 08:54:00 IRAN - STATI UNITI
    Il Senato Usa approva l’estensione delle sanzioni contro Teheran

    L’Iran Sanctions Act prevede il prolungamento per 10 anni delle sanzioni. Il testo approvato con 99 voti favorevoli e 0 voti contrari. In precedenza anche la Camera aveva dato il via libera alla legge. Ora si attende la firma del presidente uscente Obama. I falchi della futura amministrazione Trump, fra cui il capo della CIA, pronti a cancellare l’accordo internazionale. Soddisfazione in Israele. 

     



    25/02/2009 IRAN
    L’Iran inizia i test sull'impianto nucleare di Bushehr
    La centrale ha una portata di 1.000 megawatt ed è costata un miliardo di dollari. Tehran insiste nel programma nucleare per scopi civili. Stati Uniti e Occidente temono invece un suo uso bellico. La Russia coinvolta nella costruzione dell’impianto.

    27/07/2010 IRAN
    Teheran propone la ripresa “senza precondizioni” del negoziato sul nucleare
    La mossa iraniana all’indomani delle nuove sanzioni europee, che colpiscono il settore chiave dell’energia. A favore di nuovi colloqui anche Turchia e Brasile. Dall’Aiea nessun commento sui contenuti della proposta del regime degli ayatollah.

    31/01/2006 ONU - IRAN
    Usa, Russia, Cina e Ue hanno deciso: "L'Aiea deferisca l'Iran"

    I ministri degli Esteri dei cinque Paese membri permanenti del Consiglio di sicurezza più la Germania lo hanno annunciato ieri con un comunicato congiunto, il primo sulla questione. Cina e Russia "si sono allineate". Tehran deve "interrompere ogni attività relativa al nucleare".





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®