29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/01/2016, 00.00

    MEDIO ORIENTE - ISLAM

    Anche Bahrain e Sudan interrompono i rapporti diplomatici con l’Iran. Sommosse nel mondo islamico



    Manama e Karthoum seguono l’Arabia saudita. Gli Emirati riducono i rapporti a “incaricati d’affari”. Manifestazioni e scontri in Bahrain, Libano, Pakistan, Kashmir indiano. In Iraq esplose tre moschee sunnite. Le equilibrate parole di Hassan Rouhani. Il fratello di Nimr al-Nimr condanna le violenze.

    Manama (AsiaNews) – Dopo l’Arabia saudita, anche il Bahrain e il Sudan hanno rotto i rapporti diplomatici con l’Iran, spesso accusato di fomentare le tensioni fra la maggioranza sciita e il governo sunnita del Paese. La decisione di Manama è stata comunicata oggi dal ministero delle comunicazioni e segue di un giorno la mossa simile compiuta da Riyad. Anche il Sudan, grande beneficiato dall’Arabia saudita, ha interrotto i rapporti diplomatici. La rottura avviene in seguito alla decisione di Riyadh di eseguire la condanna a morte del dignitario sciita Nimr al-Nimr. Questa ha provocato manifestazioni e assalti all’ambasciata saudita a Teheran e del suo consolato a Mashad.

    Stamane, anche gli Emirati arabi uniti hanno deciso di richiamare il loro ambasciatore da Teheran e ridurre i rapporti diplomatici a livello di incaricati di affari.

    L’uccisione di Nimr al-Nimr, da molti visto come una ”scintilla” che potrebbe scatenare un conflitto regionale, sta provocando per ora manifestazioni e scontri con la polizia in molti Paesi islamici.

    Ieri la polizia del Bahrain si è scontrata con centinaia di manifestanti in molti quartieri sciiti della capitale, fra i quali Jidhafs, Sitra, Duraz e Bilad al-Qadeem. I dimostranti hanno lanciato pietre contro le forze dell’ordine, che hanno risposto con gas lacrimogeni. Diverse persone sono state arrestate. Poiché molti dimostranti erano giovani e ragazzi, il governo ha minacciato di arrestare o multare i loro genitori.

    In Libano il capo degli Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha tenuto un violento discorso contro l’Arabia saudita e contro la condanna a morte di Nimr al-Nimr, accusando il regno saudita di “proibire ogni critica, obiezione o dibattito”.  “L’esecuzione di sheikh Nimr al-Nimr – ha detto - rivela al mondo il vero volto dell’Arabia saudita: criminale, takfir [infedele] e terrorista”. Paragonando poi la casa regnante saudita allo Stato islamico, Nasrallah ha dichiarato che “Daesh [acronimo arabo per Stato islamico] e la casa dei Saud sono sostenitori della stessa scuola di pensiero, degli stessi libri e delle stesse pratiche”.

    In Iraq, il grande ayatollah Ali al-Sistani ha bollato l’esecuzione di al-Nimr come una “ingiusta aggressione”. Ieri sera Hilla, una città a sud di Baghdad, tre moschee sunnite sono state fatte saltare con delle bombe. Il premier al Abadi, ha chiesto alla popolazione di non farsi trascinare in un conflitto etnico-religioso.

    In Pakistan, migliaia di sciiti hanno protestato contro l’esecuzione dello sheikh al-Nimr a Quetta, Lahore, Karachi e Islamabad, domandando che il Pakistan rompa le relazioni diplomatiche con l’Arabia saudita. Il ministro degli esteri saudita Adel bin Ahmed al-Jubeir, atteso per la serata di ieri in Pakistan, ha rimandato la sua visita al Paese già molto polarizzato fra sunniti (80%) e sciiti (15%).

    Manifestazioni si sono tenute perfino a Srinagar, nel Kashmir indiano, dove centinaia di sciiti si sono scontrati con la polizia. I dimostranti portavano foto di al-Nimr, gridando “Abbasso la dinastia Saud!” e accusando i regnanti sauditi di essere “lacchè dell’America”.

    Fra le tante dichiarazioni violente, da registrare anche alcune reazioni pacifiche. La prima è del presidente dell’Iran Hassan Rouhani, che pur condannando l’esecuzione saudita, ha definito “totalmente ingiustificabile” l’attacco all’ambasciata dell’Arabia a Teheran. “Non ho dubbi – ha detto – che il governo saudita abbia danneggiato la sua immagine, ancor più di prima, fra le nazioni mondiali – e in particolare fra le nazioni islamiche – con questo atto contrario all’Islam”.

    Ma – ha aggiunto -  il popolo iraniano “non deve permettere ad alcuni criminali” di usare questo incidente e “eseguire azioni illegali che danneggiano la dignità del governo della Repubblica islamica [dell’Iran]”.

    Il fratello dello sheikh Nimr al-Nimr, Mohammed, in Arabia saudita, ha condannato l’attacco all’ambasciata di Riyadh a Teheran. In un tweet egli ha dichiarato: “Apprezziamo il vostro amore verso il martire Sheikh al-Nimr che vive nei nostri cuori, ma rifiutiamo gli attacchi contro le ambasciate saudite in Iran o altrove” E ha aggiunto: “Noi amiamo la nostra patria”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2016 13:26:00 A. SAUDITA - BAHRAIN - LIBANO
    Arabia Saudita e Bahrain pronte a espellere collaboratori e attivisti pro-Hezbollah

    Riyadh contro quei sauditi (propri cittadini) che mostrano “sostegno” al movimento sciita libanese. Essi saranno processati secondo le leggi anti-terrorismo. Anche il Bahrain adotta la politica delle espulsioni, allontanate almeno 10 famiglie. Dai Paesi arabi continua l’accerchiamento contro Hezbollah. Nasrallah: "Sauditi pagano gli azzardi in Siria e Yemen". 



    24/02/2016 12:24:00 LIBANO-ARABIA SAUDITA
    Lettera aperta al re saudita Salman sul destino del Libano

    Il ritiro della donazione di 4 miliardi di dollari all’esercito libanese; la messa in guardia dei viaggiatori sauditi, del Bahrein e degli Emirati a non recarsi in Libano; la probabile espulsione di circa 400mila libanesi dai Paesi del Golfo sono alcune delle “vendette” del re Salman che non si sente appoggiato nella sua guerra contro l’Iran. In realtà, il Libano è un luogo di riconciliazione dell’islam diviso fra sunniti e sciiti ed è il luogo dove si educa a una modernità senza ateismo. L’analisi e l’appello di Fady Noun, vice-direttore dell’Orient-Le Jour e nostro collaboratore.



    26/01/2007 LIBANO
    A Beirut una calma tesa e lo spettro della guerra civile
    Gli scontri di ieri, contro i quali si sono espressi i leader di maggioranza e opposizione, fanno tornare nella memoria i quindi anni di lotta fratricida. L’Arabia Saudita smentisce l’esistenza di una trattativa con l’Iran sulla crisi libanese. La Lega maronita invita a dialogare sulla base delle “costanti di Bkerke”.

    24/10/2006 ARABIA SAUDITA - IRAN - IRAQ
    Religioso saudita allarmato da possibili conversioni di sunniti allo sciismo

    A preoccupare è la "sudditanza" verso lo sciismo che in numerosi sunniti hanno creato i successi di Hezbollah e le manovre di Teheran, presente in Iraq con i suoi servizi di intelligence e massiccio sostegno economico dei gruppi sciiti.



    02/10/2015 BAHRAIN-IRAN
    Il Bahrain richiama il suo ambasciatore dall’Iran ed espelle il rappresentante di Teheran
    L’Iran è accusato di “sedizione confessionale” e di “interferenza negli affari interni”. Ma la popolazione (a maggioranza sciita) chiede più diritti e maggiore giustizia sociale. La “primavera araba” nel 2011 è stata soppressa con truppe saudite. Scoperto un deposito di armi e munizioni.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®