23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/12/2016, 19.15

    TURCHIA-RUSSIA

    Ankara, ucciso l’ambasciatore russo in Turchia



    Ankara (AsiaNews/Agenzie) – L’ambasciatore russo in Turchia, Andrey Karlov (foto 1) è stato ucciso a colpi di pistola mentre era in visita a una galleria d’arte. Dai primi resoconti sembra che l’uccisore abbia voluto ucciderlo per vendetta contro l’intervento russo in Siria. Nell'attacco sono state ferite altre persone. Karlov è stato portato in ospedale, ma è deceduto all'arrivo.

    A Mosca, Maria Zacharova, portavoce del Ministero degli esteri, ha dichiarato che l’ambasciatore è morto a causa delle ferite riportate nell’assalto. “Noi giudichiamo questo incidente come un atto di terrorismo”, ha aggiunto.

    Fino ad ora il governo turco non ha emesso alcun comunicato. La televisione russa ha invece spiegato che l’ambasciatore Karlov stava visitando una mostra dal titolo “La Russia vista dai turchi”, organizzata presso il Çağdaş Sanatlar Merkezi, il Centro di arte contemporanea ad Ankara.

    Un uomo vestito in modo molto distinto (foto 2), si è avvicinato e ha fatto fuoco, gridando: “Non dimentichiamo Aleppo, non dimentichiamo la Siria!” e ha concluso col grido “Allah akbar!” (Dio è grande).

    Nei giorni scorsi vi sono state manifestazioni in Turchia per la situazione di Aleppo e l’assedio che l’esercito siriano e l’aviazione russa stanno portando avanti a fasi alterne. Allo stesso tempo, i governi di Ankara e Mosca sembrano aver trovato una nuova alleanza e concordia nel guardare al terrorismo in Siria, soprattutto dopo il tentativo di colpo di Stato lo scorso luglio, che comprendeva l’uccisione del presidente Recep Tayyip Erdogan.

    Secondo alcuni media turchi, l’uccisore era un poliziotto di 22 anni, non in servizio, che ha usato la sua tessera di riconoscimento per entrare nella galleria d’arte.

    Andrei Gennadyevic Karlov, nato a Mosca nel 1954, aveva frequentato l’Istituto di Stato per le relazioni internazionali e l’accademia diplomatica. Ha lavorato presso il Ministero degli esteri a Mosca e come ambasciatore in Corea del Nord. Dal luglio 2013 era stato nominato ambasciatore in Turchia.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2015 TURCHIA-RUSSIA-SIRIA
    Turchia e Nato contro i raid della Russia. Ma gli Usa “non sono seri nella lotta contro lo Stato islamico”
    Per due volte aerei militari russi sconfinano nello spazio aereo turco. La Nato accusa il “comportamento irresponsabile” di Mosca. L’Onu preoccupata perché “varie nazioni e varie coalizioni” combattono nei cieli siriani. Una guerra per l’egemonia e l’influenza nel Medio oriente. L’Iraq preferisce i russi alla coalizione guidata dagli Usa: sono più “seri” nel combattere Daesh. Anche l’Italia va alla guerra.

    15/12/2016 15:41:00 SIRIA
    Aleppo riconquistata dalle truppe di Assad. Partono i primi bus con feriti e famiglie

    Almeno 20 autobus e 13 ambulanze trasportano civili e feriti verso l’ovest della provincia di Aleppo. Vi sono anche 4mila ribelli e le loro famiglie. L’offensiva per la ripresa di Aleppo durava dal 15 novembre scorso.



    15/12/2016 08:54:00 SIRIA - ONU
    Onu: Ad Aleppo i ribelli usano i civili come scudi umani. Forse ritorna l’accordo per l’evacuazione

    La Commissione di inchiesta per la Siria afferma che i civili vengono bloccati dall’abbandonare la zona assediata e i ribelli si mescolano alla popolazione civile aumentando il rischio di essere uccisi o feriti. Scuole chiuse divenute depositi di armi. Armi piazzate vicino agli ospedali. Siria, Russia, Turchia, Iran pronti a un nuovo accordo per l’evacuazione di civili e ribelli dagli ultimi quartieri di Aleppo est non ancora conquistati.



    25/08/2016 09:11:00 RUSSIA - SIRIA - TURCHIA
    Lo ‘Scudo dell’Eufrate’ preoccupa Mosca; a rischio i rapporti con Ankara

    Le operazioni turche in Siria contro lo SI, appoggiate dagli Usa, non piacciono alla Russia che invita a un "ampio coordinamento". Esperti russi: Erdogan ha fatto capire che la priorità rimane il rapporto con gli Usa.



    16/11/2016 08:54:00 SIRIA - STATI UNITI - RUSSIA
    Conflitto siriano: per Assad, Trump è un “alleato” nella lotta al terrorismo

    In campagna elettorale il neo presidente Usa aveva definito una “pazzia” la campagna contro Damasco. Il leader siriano invita alla “cautela” nel “giudicare” le scelte di Trump. Ma restano i “dubbi” sul fatto che possa “mantenere” le promesse. Mosca e Damasco riprendono i bombardamenti ad Aleppo. 

     





    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®