17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/03/2012, 00.00

    GIAPPONE

    Arcivescovo di Nagasaki: “La pena di morte rischia di distruggere il Giappone”



    Mons. Giuseppe Mitsuaki Takami commenta per AsiaNews le 3 impiccagioni confermate oggi dal ministro giapponese della Giustizia: “La società nipponica crede nel concetto di occhio per occhio, dente per dente: ma questo rischia di lasciarci ciechi e morti di fame. La Chiesa combatte da sempre per affermare la cultura della vita: stiamo lavorando per chiedere al governo l’abolizione della pena di morte”.

    Nagasaki (AsiaNews) - La società giapponese "crede nel concetto di 'occhio per occhio, dente per dente'. Ma in questo modo rischia di rimanere cieca e di morire di fame". A parlare è l'arcivescovo di Nagasaki, mons. Giuseppe Mitsuaki Takami, che commenta ad AsiaNews le tre condanne a morte confermate oggi dal ministro nipponico della Giustizia. "Non posso parlare dei singoli casi, perché i dettagli non sono noti - continua il presule - ma di certo quella contro la pena di morte è una battaglia che va combattuta".

    Il Giappone ha eseguito oggi la condanna a morte di 3 detenuti, quasi due anni dopo le ultime esecuzioni capitali avvenute nel luglio 2010. I tre, tutti impiccati in prigioni diverse, erano stati riconosciuti colpevoli di vari omicidi. Secondo il ministro Ogawa, la pena di morte è sostenuta da oltre l'80 % della popolazione; tuttavia, le impiccagioni in Giappone sono sempre accompagnate da grandi polemiche.

    In prima fila contro le esecuzioni c'è da sempre la Chiesa cattolica: "Noi vescovi, tutti i vescovi giapponesi, siamo d'accordo con l'abolizione della pena di morte: non c'è alcuna differenza fra le nostre posizioni. Perché anche se a morire sono degli assassini, nella loro morte si verifica un nuovo omicidio: questa volta commesso dallo Stato. Bisogna rinnovare l'umanità del senso della vita in comune: dobbiamo tornare a considerarci tutti figli di Dio".

    Secondo mons. Takami "non si tratta soltanto di ragionamenti filosofici o religiosi. Va considerato che nel comminare la pena di morte si prende la decisione più pesante che un uomo possa prendere. E il sistema giuridico giapponese non è perfetto: si possono verificare anche degli errori giudiziari. In effetti se ne sono verificati molti, in passato. E da un'impiccagione non si può tornare indietro".

    L'arcivescovo di Nagasaki lotta da molti anni per far rifiorire l'amore per la vita nel suo Paese: "Insieme agli altri vescovi della Conferenza episcopale abbiamo pubblicato qualche tempo fa un testo intitolato 'Uno sguardo sulla vita'. Il Giappone deve riscoprire l'importanza e la bellezza del più grande dono di Dio, e la deve smettere con la mortificazione dell'uomo".

    Tuttavia, mons. Takami deve convenire con le statistiche del governo: "Fino ad ora, la maggioranza del popolo giapponese si è dimostrato d'accordo con la pena di morte. Perché c'è una mentalità che prevede l'occhio per occhio, dente per dente. Ma così si resta ciechi e si muore di fame. Eppure è un fatto: il popolo nipponico la pensa così. Soprattutto i parenti delle vittime chiedono con forza la pena di morte: una cosa comprensibile dal punto di vista empatico, ma sbagliata dal punto di vista umano".

    Una parte della Conferenza episcopale, conclude il presule, "sta lavorando a una sessione di studio e di preghiera per chiedere di nuovo al governo l'abolizione della pena di morte. È una battaglia che possiamo prevedere molto dura, ma che non possiamo esimerci dal combattere".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/03/2016 09:46:00 GIAPPONE
    Due esecuzioni in Giappone. Mons. Kikuchi: Se invitate papa Francesco dovreste anche ascoltarlo

    Questa mattina il ministro della Giustizia ha confermato l’impiccagione di un serial killer e di un’infermiera, che avrebbe ucciso per ricevere i soldi dell’assicurazione. Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Asia: “Molto triste che questo avvenga nel Triduo pasquale, e per di più nel giorno del Venerdì santo. Ma mi sorprende soprattutto l’atteggiamento del governo. Invita con serietà e insistenza Francesco nel Paese, ma i suoi appelli per una moratoria alla pena di morte sono del tutto ignorati”.



    13/03/2006 Corea del sud
    Chiesa cattolica: una petizione per fermare la pena di morte in Corea

    La Commissione episcopale per l'abolizione della pena di morte ha raccolto oltre 110 mila firme per fermare le esecuzioni in Corea. "E' questo il primo passo verso un mondo in cui si possa vivere tutti meglio".



    28/04/2005 giappone
    Giappone: il 56% delle donne che hanno abortito "addolorate" per il bimbo


    23/05/2016 12:24:00 GIAPPONE – USA
    Vescovo di Niigata: Obama ascolti le voci dei sopravvissuti di Hiroshima

    Il presidente degli Stati Uniti e il mondo “devono comprendere che quando parliamo dell’olocausto atomico non parliamo di numeri, ma di vite umane. Di storie e di lacrime. È lodevole il suo impegno per il disarmo, ma questa volontà si concretizzerà soltanto rispettando la vita umana e la sua dignità garantita dal Creatore”.



    10/06/2014 GIAPPONE
    Nagasaki, il governo lancia un sito internet per "riscoprire" i cristiani giapponesi
    La prefettura locale ha pubblicato oratio.jp, che include la storia e le tradizioni dei cattolici dell'area. Ad AsiaNews, l'arcivescovo mons. Takami spiega: "E' una scelta di carattere economico, che la Chiesa deve trasformare in una nuova opportunità di evangelizzazione. L'amore del Papa per il Giappone ci aiuta nella missione all'interno della nostra stessa società".



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®