29/03/2013, 00.00
MYANMAR
Invia ad un amico

Arcivescovo di Yangon: Basta violenze fra buddisti e musulmani

di Francis Khoo Thwe
Mons. Bo ricorda che “amore e compassione” sono elementi centrali delle principali fedi e chiede che si giunga a “un’azione comune” per la fine degli scontri. La sua iniziativa rilanciata da movimenti di giovani. Il presidente Thein Sein non esclude le violenze contro i “sobillatori”. Esperti di politica: tentativo di restituire il potere nelle mani dei militari.

Yangon (AsiaNews) - Giovani buddisti, cristiani, musulmani e indù birmani hanno raccolto l'invito alla pace lanciato nei giorni scorsi dall'arcivescovo di Yangon, siglando un documento in cui chiedono "la fine delle violenze" fra buddisti e musulmani nel centro del Paese. Da giorni il Myanmar è teatro di scontri di piazza che hanno causato decine di morti e devastazioni di case e luoghi di culto. Per arginare la deriva estremista il presidente non ha escluso l'uso della forza contro quelli che bolla come provocatori, interessati solo a fomentare il disordine e il caos. Secondo alcuni esperti di politica birmana, dietro gli assalti vi sarebbero infatti gruppi vicini all'esercito e a fazioni  buddiste estremiste, che tramano per sovvertire l'ordine dello Stato e riconsegnare il potere nelle mani della giunta militare.

Mons. Charles Bo, arcivescovo di Yangon, ha diffuso un messaggio improntato alla pace e alla speranza, subito rilanciato da movimenti interreligiosi giovanili. Il prelato ha sottolineato che "amore e compassione sono valori centrali nel buddismo, nell'islam e nel cristianesimo" e per questo è "assai urgente e importante che tutti i responsabili religiosi si riuniscano e si ascoltino in modo reciproco, all'insegna del rispetto" per giungere "a una parola e a un'azione comune". Il segretario generale della conferenza episcopale birmana ha infine ricordato che "unità e convivenza pacifica", si possono raggiungere non solo con "una Costituzione o un esercito" ma grazie alla "legge dell'amore, la sola in grado di donarle".

Intanto il presidente birmano Thein Sein punta il dito contro quelli che definisce "sobillatori", colpevoli di fomentare le violenze anti-musulmane per "opportunismo politico ed estremismo religioso". In un discorso di10 minuti trasmesso dall'emittente di Stato alle 6 del pomeriggio di ieri, egli ha aggiunto che "non esiterà a usare la forza" se questa sarà "l'ultima spiaggia" che resterà in campo per "salvare vite umane e proteggere le proprietà".

Le violenze sono divampate il 20 marzo scorso a Meikhtila, in seguito a un banale alterco fra un musulmano veditore di oro e un cliente di fede buddista. La lite è sfociata in veri e propri scontri di piazza, durante i quali - secondo fonti della polizia - sono morte 42 persone. Ingenti anche i danni materiali, con 37 edifici religiosi (in maggioranza moschee) e 1.227 case andate distrutte. Le forze dell'ordine hanno operato 68 arresti nelle aree interessate dalle violenze, partite da Meikhtila e poi propagate in 11 diverse cittadine sparse nelle divisioni di Pegu e Mandalay, al centro del Myanmar. Le autorità locali hanno imposto il coprifuoco e vietato assembramenti pubblici, ma i provvedimenti non sono serviti a scongiurare nuovi incidenti. Secondo la tv di Stato birmana ieri gruppi di persone hanno assaltato case, negozi ed edifici religiosi in due diverse cittadine di Bago. Il giorno precedente le forze di sicurezza hanno lanciato colpi di avvertimento in aria per respingere altri assalitori che stavano per colpire proprietà appartenenti a musulmani. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Meikhtila, sale a 20 morti il bilancio degli scontri fra buddisti e musulmani
22/03/2013
Meikhtila: due morti, una moschea devastata negli scontri fra buddisti e musulmani
21/03/2013
Myanmar, una campagna “My Friend” contro le violenze anti-Rohingya
14/07/2015
Rakhine, i militanti Rohingya negano i massacri degli indù: ‘Noi colpevolizzati’
28/09/2017 12:51
Dramma Rohingya, il Myanmar respinge l’offerta di mediazione cinese
02/05/2017 08:56