18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 11.29

    REGNO UNITO - ARABIA SAUDITA

    Armi ai sauditi e vittime nello Yemen: Londra sotto processo



    L’Alta corte di Giustizia ha aperto un procedimento a carico dell’esecutivo. Gli armamenti venduti a Riyadh avrebbero provocato vittime civili innocenti in Yemen. Cresce il numero dei parlamentari che chiede una revisione dei contratti. Il 62% dei britannici considera “inaccettabile” la vendita di armi ai sauditi. 

     

    Londra (AsiaNews/Agenzie) - Su iniziativa di diverse Ong e attivisti pro diritti umani, la settimana scorsa presso l’Alta corte di giustizia a Londra si è aperto un processo a carico del governo del Regno Unito in merito alla vendita di armi all’Arabia Saudita. Esse sarebbero state utilizzate in aree di conflitto, in particolare nello Yemen, dove avrebbero mietuto vittime innocenti. Riyadh è alla guida di una coalizione araba che ha lanciato una disastrosa campagna militare contro i ribelli sciiti Houthi, che ha provocato migliaia di morti fra i civili. 

    Londra è il secondo principale esportatore di armi al mondo. Ma tale commercio fiorente solleva proteste e indignazioni fra gli attivisti e la società civile. Ogni giorno dall’inchiesta filtrano nuovi documenti - rilanciati dai media - che mostrano le profonde divisioni all’interno del governo in materia. 

    In particolare ha destato scalpore lo scambio di lettere fra il ministro britannico degli Esteri Boris Johnson, favorevole alla vendita di armi, e il collega del Commercio Liam Fox che non nasconde la “profonda inquietudine” per i bombardamenti in atto in Yemen. Fra questi, il ministro cita l’attacco a un gruppo di civili che partecipavano a una cerimonia funebre l’8 ottobre scorso, che ha causato la morte di almeno 140 persone. 

    Nelle ultime settimane è andato crescendo il numero dei parlamentari che hanno manifestato in pubblico la loro condanna sul commercio di armi. Dietro la crescente opposizione, per l’attivista Andrew Smith portavoce della Campagna contro il commercio di armi (Caat) vi è la “crescente pressione” dell’opinione pubblica e “l’escalation di vittime” nei bombardamenti sauditi di questi ultimi anni. 

    Secondo quanto emerso in una recente inchiesta, il 62% dei britannici considera “inaccettabile” la vendita di armi a Riyadh, primo cliente di Londra in tema di commercio degli armamenti. Sono “regimi che violano i diritti umani” ha aggiunto Smith e la popolazione si mostra sempre più “sconvolta” dall’escalation di vittime innocenti. 

    Lo scorso anno il ministro degli Esteri aveva confermato la vendita di armi ai sauditi, perché dai risultati di una “indagine governativa” non sarebbero emerse violazioni ai diritti umani. In realtà, una successiva inchiesta pubblicata dal quotidiano The Independent ha mostrato che non vi è stata una analisi dettagliata caso per caso degli incidenti avvenuti nel contesto degli accordi sulla vendita. Una indagine di facciata, insomma, offerta ai media solo per placare i crescenti malumori dell’opinione pubblica. 

    Secondo gli esperti la polemica in atto non metterà certo fine alle esportazioni di armi, un’industria fiorente con oltre 50mila addetti nel Regno Unito. Inoltre, la premier britannica Theresa May è interessata a salvaguardare le relazioni con uno stretto alleato nel Golfo, in un periodo di grande incertezza politica dovuta anche alle conseguenze del voto sulla “Brexit”.

    In un intervento al Parlamento la May ha ricordato la speciale “relazione” con l’Arabia Saudita, aggiungendo che “la sicurezza del Golfo è elemento di grande importanza per noi”. Prima fra tutte, ha concluso, “la minaccia iraniana” che costituisce un “pericolo” per tutta la regione. 

    “I leader americani e britannici - conclude l’analista Christopher Davidson - fanno dichiarazioni tuonanti per screditare, in primis, il lascito di Barack Obama sull’Iran [l’accordo sul nucleare, ndr] e per continuare a esercitare pressione sull’Arabia Saudita perché continui ad acquistare armi. Tuttavia, Riyadh non può permetterselo dalla caduta dei prezzi del petrolio post 2014”. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/08/2016 10:53:00 YEMEN - REGNO UNITO - A. SAUDITA
    Il commercio di armi fra Regno Unito e Arabia Saudita crea vittime innocenti in Yemen

    È la denuncia degli attivisti di Oxfam, secondo cui Londra viola il Trattato che lei stessa ha ratificato. Le armi finiscono per colpire “scuole, ospedali e abitazioni”. Portavoce governativo: il commercio soddisfa i “criteri” di esportazione e vendita. Lo scorso anno Londra ha venduto armi a Riyadh per quattro miliardi di dollari. 



    20/12/2016 12:58:00 YEMEN - A. SAUDITA - REGNO UNITO
    Riyadh ha sganciato bombe a grappolo britanniche in Yemen, uccidendo civili

    Gli ordigni risalgono agli anni ’80. Dal 2010 la comunità internazionale ha messo il bando alla vendita. Per le autorità saudite le bombe hanno colpito “obiettivi legittimi” a difesa di “città e villaggi”. Onu: i raid aerei di Riyadh hanno provocato “quasi il 50%” delle vittime fra la popolazione civile.  

     



    10/03/2015 ARABIA SAUDITA
    L’Arabia saudita supera l’India: è il primo importatore di armi al mondo
    La corsa agli armamenti di Riyadh contribuisce ad accrescere la tensione nella regione mediorientale. Nel 2014 le spese sostenute per l’acquisto di armi sono salite del 54%, toccando i 6,5 miliardi di dollari. Per quest’anno le previsioni parlano di 9,8 miliardi. Washington resta il principale esportatore, con un mercato di 23,7 miliardi di dollari.

    25/06/2009 ARABIA SAUDITA
    Nuovo visto per i pellegrini alla Mecca: impronte digitali e foto a viso scoperto
    Il sistema di riconoscimento biometrico per migliorare la sicurezza, combattere il terrorismo ed eliminare le lunghe operazioni di dogana. Esso dovrebbe partire entro il 2010 e verrà applicato a turisti, lavoratori stranieri e pellegrini. Non è chiaro se la norma riguarda anche le donne.

    20/05/2016 08:57:00 IRAN
    Governi occidentali invitano banche e imprese a promuovere il commercio con l’Iran

    Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito incoraggiano società e finanziarie e riprendere, nell’ambito della “legalità”, i rapporti con Teheran. La rimozione delle sanzioni è solo parziale e restano i timori di ostacoli e ritorsioni da parte di alcuni governi. Finora le banche europee si sono mostrate “timide” nel riallacciare i rapporti con l’Iran. 





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®