05/08/2016, 08.53
CINA
Invia ad un amico

Attivista cristiano condannato a tre anni per “sovversione”

Gou Hongguo era accusato di aver incontrato a Taiwan indipendentisti dello Xinjiang, del Tibet e della Mongolia interna. Ha anche partecipato a raduni con operai per dispute di lavoro. Condannato anche l’ex capo dello studio legale Fengrui, Zhou Shifeng.

Tianjin (AsiaNews/Agenzie) – Gou Hongguo, cristiano protestante attivista per i diritti umani, è stato condannato stamane a tre anni di prigione per tentativo di “sovvertire il potere dello Stato”. La condanna è stata sospesa per tre anni.

Secondo l’accusa, Gou – che faceva parte della comunità di Hu Shigen, anch’egli condannato giorni prima – ha partecipato a un incontro di leader interrazziali a Taiwan. Erano presenti sostenitori dell’indipendenza dello Xinjiang, del Tibet e della Mongolia interna. Di per sé, lo stesso procuratore ha riconosciuto che l’incontro voleva attuare una resistenza non violenta e spingere verso un cambiamento sociale e democratico della Cina. Ma ciò significa pensare alla fine della supremazia del Partito comunista, da cui l’accusa di “sovversione”. Gou era anche accusato di essersi associato a proteste legate ai diritti dei lavoratori, che sfidano il governo del Partito comunista.

A nulla sono valse le tesi della difesa, secondo cui Gou era andato a Taiwan senza sapere chi erano gli invitati e al suo ritorno non ha disseminato informazioni sul raduno. Per le proteste, l’avvocato difensore ha fatto notare che il raduno era di 15 persone e che Guo ha avuto un ruolo marginale.

La sentenza di Gou è l’ultima di quattro, avvenute in questa settimana contro avvocati e attivisti per i diritti umani arrestati nel luglio 2015.

Ieri è stato condannato anche Zhou Shifeng, l’ex direttore dello studio legale Fengrui.

La Fengrui impiegava circa 100 avvocati e ha trattato molti casi sensibili: ha rappresentato le vittime dello scandalo del latte alla melammina; ha difeso l’artista Ai Weiwei; l’attivista cieco Chen Guangcheng, ora esule negli Stati Uniti; l’avvocato cristiano Gao Zhisheng; l’accademico uigur Ilham Tohti.

La corte ha stabilito che Zhou ha espresso varie volte commenti online e di persona per “attaccare il sistema socialista, la politica dell’unica nazione e due sistemi [che vige a Hong Kong] e ha incitato a andare contro il potere dello Stato”.

Il suo processo si è concluso con una scena ironica: Zhou si è messo a parlare per 10 minuti, interrotto poi dai giudici. Egli ha chiesto “scusa a tutti i 90 milioni di membri del Partito comunista” e al governo, aggiungendo che “il sistema legale e la democrazia in Cina è tanto più grande di quella dello stato di diritto occidentale e soprattutto molto al di là di quella degli Stati Uniti”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’avvocato per i diritti umani Wang Yu e suo marito arrestati per “sovversione contro lo Stato”
14/01/2016
Pechino, Angela Merkel ha incontrato le mogli degli avvocati prigionieri
29/05/2018 13:45
Lettera aperta di Anson Chan a Carrie Lam: Ritirare la legge e dare l’amnistia ai giovani e ai poliziotti
24/06/2019 08:43
Shandong, nuove violenze nel caso dell'attivista non vedente
28/06/2006
Movimento dei nuovi cittadini: Xi Jinping sta distruggendo la Cina
18/01/2019 12:00