17/03/2014, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Attivista indiano: Un oltraggio la candidatura di Narendra Modi a Varanasi

di Nirmala Carvalho
Il chief minister del Gujarat e leader dei nazionalisti (Bharatiya Janata Party) ha scelto il seggio della città sacra per partecipare alle elezioni generali 2014. Secondo Lenin Raghuvanshi è un tentativo di "mostrare Varanasi come la culla dei fondamentalisti indù". Ad AsiaNews spiega: "La città è imbevuta di pluralismo e secolarismo. Il popolo lotta contro ogni forma di estremismo religioso".

Mumbai (AsiaNews) - L'annuncio della candidatura di Narendra Modi nel seggio di Varanasi "ha rilanciato ancora una volta l'idea secondo la quale Varanasi è la 'culla' dei fondamentalisti indù. Questo è un oltraggio al popolo di Varanasi e alla città stessa: la storia di questo luogo smentisce tale propaganda". Lo afferma ad AsiaNews Lenin Raghuvanshi, segretario generale del People's Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), commentando la decisione di Modi, chief minister del Gujarat e candidato Primo ministro del Bharatiya Janata Party (Bjp, ultranazionalisti indù), di competere nel seggio di Varanasi per partecipare alle elezioni generali 2014.

Di famiglia brahmina, l'attivista per i diritti umani si definisce agnostico e lavora proprio a Varanasi, in particolare con i dalit. "Varanasi è da sempre imbevuta di pluralismo e secolarismo - sottolinea -, e molte persone lavorano per porre fine al sistema delle caste e a ogni forma di fondamentalismo religioso".

In effetti, la storia della città  parla da sola. "Questo luogo - spiega Raghuvanshi - è noto come la città di Shiva, ma si è molto discusso se si tratti del dio brahminico originale, o se la divinità sia stata sfruttata per assicurarsi la diffusione del brahmanesimo. È sempre qui che Buddha ha pronunciato il suo primo sermone nel 528 a.C. È una delle città sacre del giainismo, e uno degli epicentri del movimento Bhakti (corrente induista di epoca medievale molto vicina all'islam sufi, ndr). Il guru Nanak Dev, fondatore del sikhismo, visitò Varanasi nel 1507 e restò ispirato dalla città".

"Il Pvchr non è un movimento politico - precisa il suo segretario generale - ma siamo contrari a quelle forze nazionaliste che si fanno strada con la violenza". Forze come la Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss), braccio paramilitare del Bjp, autore di numerosi attacchi contro le minoranze etniche, sociali e religiose dell'India. "M. S. Gowalkar, il fondatore della Rss - ricorda - non ha mai nascosto la sua stima nei confronti di Hitler e Mussolini. Egli descriveva l'India come un Paese 'puramente indù', e considerava i musulmani cittadini di seconda classe".

Narendra Modi si è fatto le ossa nella Rss, ed è considerato responsabile di non aver posto un freno alle violenze del 2002 in Gujarat, quando si consumarono mortali scontri tra indù e musulmani.

"Negli ultimi decenni - conclude Raghuvanshi - le minoranze religiose in India hanno subito ondate di violenza organizzata, che hanno messo in grave pericolo la nostra democrazia laica. Gli attacchi contro le comunità islamica e cristiana vengono usati sempre più come strumento politico dalle forze fondamentaliste  e nazionaliste indù". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Attivista indiano: Narendra Modi e Arwind Kejriwal, pericolosi come "Hitler e Mussolini"
29/03/2014
Pulitori delle fogne: le promesse non mantenute di Narendra Modi
08/04/2019 14:13
Lenin Raghuvanshi: L’ipocrisia di Modi, che lascia morire i dalit nelle fogne
04/03/2019 11:32
A Lenin Raghuvanshi, attivista per i dalit, il Premio per coloro che ‘fanno la differenza’
04/11/2019 13:31
‘Adotta uno slum’ per far sopravvivere madri e figli: il progetto di una Ong di Varanasi
03/07/2019 12:16