24/12/2013, 00.00
INDONESIA - ISLAM
Invia ad un amico

Banda Aceh, estremisti islamici vietano le feste di Capodanno

di Mathias Hariyadi
Un rinomato hotel della provincia di Aceh ha annullato una serata speciale di danze e concerti a causa delle minacce fondamentaliste. Al governatore e alla polizia il compito di far applicare le norme, fra cui il divieto di consumare alcolici. Concerti e balli "in qualunque altro giorno dell'anno", ma non per una "festa cristiana".

Jakarta (AsiaNews) - A causa della massiccia campagna di protesta lanciata da gruppi estremisti islamici nei giorni scorsi, i vertici dell'Hermes Palace - hotel pluristellato a Banda Aceh - hanno cancellato il veglione in programma per la notte di Capodanno. Le celebrazioni per l'ultimo giorno dell'anno erano in programma da tempo; tuttavia, la pressione esercitata dai movimenti fondamentalisti di Aceh, la sola provincia indonesiana in cui vige la Sharia, la legge islamica, ha portato all'annullamento per motivi di sicurezza e ordine pubblico. Del resto già nei giorni scorsi il  Consiglio consultivo degli ulema di Banda Aceh (Mpu) ha intimato alla comunità musulmana di non "celebrare" Natale e Capodanno perché "non sono feste islamiche".

Octowandi, general manager della struttura, conferma la sospensione delle danze e del concerto prevista per la sera, nonostante l'evento - secondo il proposito degli organizzatori - fosse finalizzato alla valorizzazione di artisti locali. Una vetrina pensata per gruppi e band locali, perché potessero usufruire di una vetrina per mettersi in mostra e conquistare un pubblico più ampio e internazionale.

La decisione è giunta al termine di un incontro con i leader islamici, che si sono autoproclamati i "guardiani della Sharia ad Aceh". I responsabili della struttura sono stati costretti a diffondere un documento scritto, nel quale confermano la cancellazione di tutte le iniziative in programma per la serata, fra cui musica e danze. L'hotel, in ogni caso, potrà organizzare simili spettacoli in una qualsiasi serata del 2014, ma non la notte di Capodanno perché essa "non deriva dal calendario islamico, ma è figlia della tradizione cristiana".

I movimenti fondamentalisti promettono inoltre raid e azioni punitive contro chiunque organizzi feste o celebrazioni per l'ultima notte dell'anno. Al governatore di Aceh e al capo della polizia il compito di far applicare le norme islamiche, come il bando agli alcolici, l'esplosione di fuochi d'artificio e altre cose che non sono connaturate con la cultura musulmana

L'Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, è sempre più spesso teatro di attacchi o episodi di intolleranza contro le minoranze, siano essi cristiani, musulmani ahmadi o di altre fedi. Nella provincia di Aceh - unica nell'Arcipelago - vige la legge islamica (sharia), in seguito a un accordo di pace fra governo centrale e Movimento per la liberazione di Aceh (Gam), e in molte altre aree si fa sempre più radicale ed estrema la visione dell'islam fra i cittadini. Inoltre, alcune norme come il permesso di costruzione - il famigerato Imb - vengono sfruttate per impedire l'edificazione o mettere i sigilli a luoghi di culto, come è avvenuto nel West Java, contro la Yasmin Church.

I cattolici sono una piccola minoranza composta da circa sette milioni di persone, pari al 3% circa della popolazione. Nella sola arcidiocesi di Jakarta, i fedeli raggiungono il 3,6% della popolazione. Essi sono una parte attiva nella società e contribuiscono allo sviluppo della nazione o all'opera di aiuti durante le emergenze, come avvenuto per in occasione della devastante alluvione del gennaio scorso. La Costituzione sancisce la libertà religiosa, tuttavia la comunità è vittima di episodi di violenze e abusi. 

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ulema indonesiani: Natale e Capodanno sono “haram”, non vanno festeggiati
18/12/2013
Indonesia, massima allerta per il timore di attentati a Natale: nel mirino “spose” e “concerti”
21/12/2015
La Cina si prepara al Capodanno: 2,5 miliardi di spostamenti interni
04/02/2015
Inizia l’esodo di decine di milioni di migranti per il Capodanno cinese
12/01/2009
Influenza aviaria: rischio in aumento per le feste del nuovo anno lunare cinese
13/01/2006