17/01/2013, 00.00
SIRIA - LIBANO
Invia ad un amico

Caritas Libano: Aiutateci a salvare i profughi in fuga dalla Siria

Per p. Simon Faddoul la situazione dei profughi - oltre 400mila - è drammatica e dolorosa. La neve e le alluvioni hanno distrutto tende e baracche. Migliaia di persone non hanno nemmeno le scarpe per camminare nel fango. Caritas e altre organizzazioni non hanno più risorse per sostenere questa emergenza. L'appello del presidente Caritas: "Il vostro aiuto è necessario. Un piccolo contributo può alleviare le sofferenze di molti profughi".

Beirut (AsiaNews) -  Fuggiti dalla guerra, oltre 400mila profughi siriani rischiano ora di morire di freddo, fame e malattie. Le recenti nevicate e alluvioni hanno allagato tende e baracche, privandoli anche degli indumenti e dei pochi viveri messi a disposizione dalle organizzazioni umanitarie. Alcuni non hanno nemmeno le scarpe per poter camminare nella neve e nel fango. "La situazione dei rifugiati siriani in Libano è sempre più drammatica", afferma ad AsiaNews, p. Simon Faddoul presidente di Caritas Libano. "I media - continua - si limitano a fornire numeri, ma dietro le fredde cifre si nascondono storie di sofferenza indescrivibili, nomi e volti di persone che hanno lasciato in patria mariti e figli, che forse non rivedranno mai più".

Il sacerdote spiega che la guerra e la violenza di questi mesi hanno colpito ogni comunità religiosa, etnica, persone pro-regime e ribelli. Le agenzie umanitarie presenti al confine con la Siria non riescono a far fronte a questa emergenza. "Ogni giorno - spiega - si contano i viveri da dare a quelli già sistemati in tende o in rifugi di fortuna, ma non si ha nulla da dare ai nuovi arrivati, che hanno bisogno di tutto".

Da quando è iniziata l'emergenza profughi in Libano la Caritas ha aiutato oltre 50mila fra donne, anziani e bambini, questi ultimi sono oltre 16mila. "Ormai - afferma p. Faddoul- abbiamo smesso di contare quante persone attraversano il confine. Nella valle della Bekaa nessuno conosce il loro numero preciso, ma si parla di centinaia di migliaia. In tutta sincerità non sappiamo quanto potremo resistere".

Il responsabile Caritas dichiara che "ci sono giorni in cui il numero di persone è così alto che non troviamo il modo di soddisfare i loro bisogni, anche minimi. Con questo freddo servono coperte, pasti caldi, indumenti adeguati, ma purtroppo non abbiamo abbastanza risorse per trovarli e distribuirli fra la gente".

P. Faddoul lancia un appello a tutti i cattolici e invita ogni uomo, donna di questo mondo "a fare in fretta e dare il suo contributo ai fratelli e le sorelle di Siria fuggite in Libano. La situazione di miseria stringe il cuore". "Il vostro aiuto - afferma - è necessario. Un piccolo contributo può alleviare le sofferenze di molti profughi".  (S.C.)  

Su richiesta di P. Faddoul e di Caritas Libano, riportiamo di seguito le coordinate bancarie, per chi desidera inviare il proprio contributo ai profughi:

Caritas Liban Rue Dr Youssef Hajjar -Sin el Fil -Kalaa. PO.BOX:16-5274-Achrafieh-Beyrouth-Liban

Numero di conto corrente: 1141307132400 Bank of Beirut

Sin El-Fil, Horsch Tabet, Lebanon

Coordinate bancarie per bonifico:

IBAN: LB55007500000001141307132400

Numero di conto per chi paga in Euro: 4041307132400

Coordinate per altri Paesi :

IBAN: LB20007500000004041307132400

SWIFT Code: BABELBBE

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I Cavalieri di Malta aprono un nuovo campo per i rifugiati siriani a Kilis
09/10/2013
Ministro libanese: in due anni diminuiti i rifugiati siriani, oggi meno di un milione
04/01/2018 11:28
Profughi siriani, la battaglia della Cnewa nell’emergenza umanitaria
19/07/2013
Georgia, l’aiuto dei cattolici per far fronte all’emergenza umanitaria
18/08/2008
Caritas Libano: Pasqua di solidarietà per un Paese in crisi economica, politica e sociale
30/03/2016 14:53