18 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/01/2011
FILIPPINE
Cattolici filippini contro il ripristino della pena di morte
La pena capitale era stata abolita nel 2006. Per il segretario per la pastorale nelle carceri occorrono invece prevenzione dei crimini e rispetto della legge, spesso eluse a causa dell’alto tasso di corruzione e impunità.

Manila (AsiaNews/ Agenzie) – I cattolici filippini si oppongono alla reimposizione della pena di morte nel Paese, proposta da alcuni senatori.  Essa è contro l’uomo e colpirà soprattutto i più deboli, peggiorando la situazione del già disastrato sistema giudiziario filippino.

Ieri, Rodolfo Diamante, segretario per la pastorale nelle carceri per la Conferenza episcopale filippina, ha invitato le autorità a cercare una soluzione più profonda al problema, invece di cercarne una immediata. “Quelli che premono per il ritorno della pena di morte – ha affermato – devono per prima cosa fare rispettare la legge e concentrarsi sulla prevenzione dei crimini”.

Diamante ha sottolineato gli alti rischi di un tale provvedimento in un Paese con un tasso di corruzione fra i più alti al mondo. “Per far rispettare la legge – ha aggiunto – è necessario avere la certezza di chi si arresta e se questi sconta la pena. Senza di ciò avremo sempre di più persone che riescono a eludere la giustizia”. 

Abolita all’indomani della caduta del dittatore Marcos nel 1987, la pena di morte è stata cancellata e ripristinata più volte nelle Filippine. Il provvedimento più recente risale al giugno 2006, quando il presidente Gloria Arroyo, ha deciso di abolire la pena capitale pochi giorni prima del suo viaggio in Vaticano per incontrare Benedetto XVI.

In questi ultimi anni, la crescita continua di casi di omicidio, rapimenti e stragi, ha però spinto politici e membri della società a chiederne la reintroduzione, almeno per i crimini più efferati. In molti però stanno valutando la reale efficacia del provvedimento, che vede tra i suoi oppositori anche il presidente Beniño Aquino.  


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/12/2003 filippine
Vescovi filippini criticano la Arroyo sulla pena di morte
30/03/2011 FILIPPINE – CINA
Pechino esegue la condanna a morte di tre filippini. Inutili gli appelli della Chiesa
30/01/2004 filippine
Il giorno della morte diviene il giorno della speranza per i condannati
28/01/2004 filippine
Due condanne a morte sospese per 30 giorni
16/01/2004 filippine
Vescovi cattolici: "Pena capitale, governo assetato di morte"

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate