25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/08/2012
SRI LANKA
Colombo: pace e stabilità al centro del Seminario internazionale sulla difesa
di Melani Manel Perera
La tre giorni in svolgimento nella capitale dall’8 al 10 agosto. È la seconda rassegna promossa dall’esercito ed è incentrata sulle “5 R”: ricostruzione, risistemazione, riabilitazione, reintegrazione e riconciliazione. Ministro della Difesa: sconfitti i ribelli Tamil, lo Sri Lanka nazione “fra le più stabili e pacifiche” al mondo.

Colombo (AsiaNews) - È in corso di svolgimento a Colombo, capitale dello Sri Lanka, la tre giorni dedicata all'annuale Seminario internazionale sulla difesa promosso dall'esercito. L'edizione 2012 dell'evento, in programma dall'8 al 10 agosto al Galadari hotel, è incentrato sulle "5 R": ricostruzione, risistemazione, riabilitazione, reintegrazione e riconciliazione. Il tema della manifestazione richiama gli anni della guerra contro i ribelli Tamil nel nord dell'isola, ed è anche un auspicio per il futuro del Paese: "Verso una pace duratura e la stabilità".

Oltre 250 fra figure istituzionali di alto profilo ed esperti, diplomatici e capi di difesa, ministri, politici e studiosi provenienti da oltre 40 nazioni hanno aderito all'iniziativa dei militari; durante la tre giorni sono in programma seminari, lezioni e incontri dedicati alla pace e alla stabilità, i due elementi chiave della rassegna 2012.

Nel suo intervento per l'apertura dei lavori, il ministro della Difesa e dello sviluppo urbano Gotabaya Rajapaksa (nella foto) ha sottolineato che oggi lo Sri Lanka "è una delle nazioni più stabili e pacifiche al mondo" e "nel mezzo di una ripresa" generale del Paese. Egli ha quindi enumerato i progressi compiuti sotto la guida dell'esecutivo, con un particolare riferimento all'opera di sminamento e alla ricostruzione di case ed edifici.

Per lo Sri Lanka è il secondo incontro internazionale promosso dall'esercito, dopo la fine della guerra contro i ribelli Tamil nel nord che ha causato vittime e sfollati, ancora oggi ospitati in centri di accoglienza governativi. I partecipanti all'evento hanno raccolto lo spunto dedicato alle "5 R", esplorando "azioni e progetti" che "superando gli approcci tradizionali" siano in grado di creare un ambiente prospero, pacifico e stabile. Il primo seminario, organizzato lo scorso anno, era invece dedicato al tema: "Lotta al terrorismo - L'esperienza dello Sri Lanka", il cui governo ha sempre considerato i ribelli del nord alla stregua di terroristi e le Tigri Tamil - sconfitte nel 2009 dopo una lotta trentennale - un movimento fuorilegge.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/11/2006 SRI LANKA
Sri Lanka: un futuro migliore all'estero per i disertori delle Tigri tamil
di Col Memara
21/06/2006 SRI LANKA
Dopo l'attacco alla chiesa di Pesalai, il vescovo scrive al nunzio in Sri Lanka
di Danielle Vella
23/08/2008 SRI LANKA
Cattolici dello Sri Lanka, da nord a sud un pellegrinaggio per la pace
di Melani Manel Perera
08/08/2008 SRI LANKA
Sri Lanka, per “motivi di sicurezza” cancellata la festa dell’Assunzione
di Melani Manel Perera
08/11/2007 SRI LANKA
Gravi scontri al nord, il governo annuncia budget record per la Difesa

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate