20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2017, 11.30

    INDIA

    Demolizione della moschea di Babri: Corte suprema incrimina tre leader del Bjp



    Lal Krishna Advani, Murali Manohar Joshi e Uma Bharti andranno a processo entro quattro settimane. La sentenza sarà emessa al massimo entro due anni. L’ex chef minister dell’Uttar Pradesh scampa al procedimento giudiziario grazie all’immunità da governatore. Ram Puniyani: “Speranze di giustizia dopo 25 anni”.

    New Delhi (AsiaNews) – La Corte suprema dell’India ha deciso che tre leader di spicco del partito nazionalista indù Bjp (Bharatiya Janata Party) andranno a processo per cospirazione nel caso della demolizione della moschea di Babri ad Ayodhya (in Uttar Pradesh). Secondo i giudici, il 6 dicembre 1992 Lal Krishna Advani (ex vice premier), Murali Manohar Joshi e Uma Bharti (attuale ministro dell’Unione) incitarono una folla di 150mila radicali indù a distruggere la Babri Masjid, perché la moschea sorgeva sui resti di un tempio dedicato al dio Ram. Ad AsiaNews Ram Puniyani, presidente del Centre for Study and Secularism di Mumbai, afferma: “Per 25 anni non è stata fatta giustizia. Dopo molto ritardo, ora c’è qualche speranza”.

    Secondo Puniyani, finora la questione “non è mai stata affrontata in maniera seria”. Inoltre la decisione del Tribunale supremo “decreta una situazione che era evidente fin dall’inizio: la cospirazione degli esponenti indù, armati di mezzi pesanti e corde”. Ciò emerge dal fatto che “i volontari erano stati formati prima della demolizione. E solo a coloro che erano stati formati venne dato il permesso di avvicinarsi alla moschea, mentre dal palco i leader continuavano a pronunciare slogan provocatori che incitavano alla distruzione della struttura”.

    I giudici del Tribunale supremo P C Ghose e R F Nariman hanno stabilito il trasferimento del processo da Rae Bareli a Lucknow. Ciò implica che i due casi – cospirazione a carico di leader del Sangh e demolizione della moschea ad opera dei cosiddetti “karsevaks” (volontari) – verranno svolti in maniera simultanea. La decisione porterà ad un’accelerazione del procedimento giudiziario, dato che la Corte ha ordinato l’inizio del dibattimento entro quattro settimane. I tre imputati, insieme ad altri esponenti indù e ai testimoni, dovranno presentarsi tutti i giorni nell’aula del tribunale e la sentenza verrà emessa al massimo tra due anni. L’unico ad aver scampato il procedimento, per ora, è Kalyan Singh, all’epoca dei fatti chief minister dell’Uttar Pradesh e attuale governatore del Rajasthan, che gode dell’immunità.

    La vicenda della Babri Masjid è emblematica della politica estremista dei nazionalisti indù. Costruita nel 1528 ad Ayodhya – che la tradizione indiana considera la città natale di Ram (incarnazione del dio Vishnu) – è da secoli al centro di contenziosi tra musulmani e indù. Questi ultimi affermavano che la moschea fosse costruita sulle rovine di un antico tempio induista e tentarono varie volte di abbatterla. Convocati ad Ayodhya per una cerimonia simbolica di inizio del cantiere del tempio indù, il 6 dicembre 1992 militanti del Sangh Parivar si scagliarono contro la moschea, abbattendo le tre cupole in meno di tre ore. Dall’assalto scaturirono violenti scontri in tutto il Paese tra indù e musulmani, che portarono alla morte di almeno 2mila persone.

    Alla notizia della decisione della Corte suprema, Salman Soz, portavoce del Congress, ha detto che Kalyan Singh e Uma Bharti dovrebbero dimettersi dai rispettivi incarichi parlamentari. Al contrario, i membri del Bjp stanno facendo quadrato attorno ai loro colleghi e lamentano che le accuse sarebbero senza fondamento.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/12/2009 INDIA
    Indù e musulmani marciano insieme a 17 anni dalla distruzione della moschea di Ayodhya
    La marcia interreligiosa è per “lanciare un messaggio di pace ed armonia”, ricordando la morte di oltre 2 mila persone. L’obiettivo degli organizzatori è anche spingere la popolazione ad affrontare problemi decisivi come lo sviluppo”.

    30/09/2010 INDIA
    Ayodhya: Non legittimare le azioni malvagie dei fondamentalisti indù
    Oggi la corte di Lucknow decide di chi è il lembo di terra della moschea Babri a Ayodhya. E’ un simbolo dello scontro tra minoranza islamica e maggioranza indù. Il gesuita padre Cedric Prakash spiega ad AsiaNews la complessa situazione del Gujarat.

    02/05/2017 13:34:00 INDIA
    Assam, “protettori delle vacche” linciano due musulmani. Attivista: odio verso l’islam

    I deceduti incolpati di voler rubare dei capi di bestiame. Due persone arrestate con l’accusa di omicidio. Gli episodi di intolleranza verso le minoranze sono aumentati con la salita al potere dei nazionalisti indù. Dal 2015 uccisi almeno 10 musulmani.



    11/03/2017 10:41:00 INDIA
    Modi verso la vittoria in Uttar Pradesh

    Lo spoglio dei voti è iniziato questa mattina. Gli ultimi aggiornamenti riportano la vittoria di 305 seggi su 403. La tornata elettorale rappresenta un referendum sulle politiche del premier, dopo il bando delle rupie. Leader cristiano esprime preoccupazione per le politiche aggressive dei nazionalisti indù.



    31/03/2017 11:31:00 INDIA
    Tamil Nadu, pastore pentecostale arrestato: criticava lo yoga obbligatorio nelle scuole

    Il pastore aveva anche lodato i benefici della pratica sul fisico e sulla mente. La sua chiesa accoglie dalit e poveri discriminati dal sistema delle caste. In Uttar Pradesh picchiato e arrestato un altro pastore pentecostale; detenuti e poi rilasciati il pastore e cinque fedeli della chiesa “Life Worship Centre”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®