24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/08/2016, 11.11

    BANGLADESH

    Dhaka, arrestato il mandante dell’omicidio di un editore liberale



    Moinul Islam Shamim è un esponente di spicco del gruppo islamico bandito Ansarullah Bangla Team. La sua cattura è avvenuta nella notte in un quartiere della capitale. Egli ha ordinato l’accoltellamento di Faisal Arefin Dipan, editore di idee progressiste. Una nuova lettera minatoria promette la morte a cinque personalità “colpevoli” di essere atee e apostate.

    Dhaka (AsiaNews) – La polizia di Dhaka ha arrestato nella notte Moinul Islam Shamim, considerato mandante e organizzatore dell’assassinio dell’editore liberale Faisal Arefin Dipan. Quest’ultimo era stato ucciso il 31 ottobre 2015 perché colpevole di aver espresso idee progressiste e aver pubblicato i testi di Avijit Roy, un blogger ucciso anch’esso per le sue posizioni critiche dell’islam radicale. Nel frattempo nuove minacce di morte hanno colpito cinque note personalità di Jessore, nel sud-ovest del Paese, accusate di essere “atee e apostate”.

    Dopo la strage di matrice islamica del primo luglio scorso all’Holey Artisan Bakery Cafè, il Bangladesh continua a essere terreno fertile per l’estremismo. Stanotte è stato arrestato il mandante dell’omicidio di Dipan, proprietario del Jagriti Prokashani, accoltellato il 31 ottobre 2015 intorno alle due del pomeriggio (ora locale) mentre si trovava nel suo ufficio vicino all’Aziz Cooperative Market di Shabagh, a Dhaka.

    L’arrestato è un esponente di spicco del gruppo islamico (bandito) Ansarullah Bangla Team, già noto alle cronache per aver augurato la “giusta morte” ad una lista di intellettuali laici. Sulla testa dell’uomo pendeva una taglia di 200mila taka bangladeshi (circa 2.300 euro). Masudur Rahman, vice commissario della polizia metropolitana di Dhaka, ha riferito che gli agenti hanno scovato il ricercato nel quartiere del Cherag Ali Market di Tongi a Gazipur, una periferia della capitale. Shamin è stato portato in carcere e verrà ascoltato dagli inquirenti.

    Intanto ieri nella città sud-occidentale di Jessore i militanti di un altro gruppo islamico illegale, Hizb ut-Tahrir, hanno inviato una lettere minatoria all’ufficio del commissario distrettuale. La missiva contiene minacce di morte contro cinque esponenti politici, attivisti e sindacali. Diretta contro coloro che chiamano “gentili atei”, gli estremisti promettono: “L’omicidio di atei e apostati è la via per il paradiso per i musulmani. È giunta l’ora della vostra sentenza di morte. L’esecuzione potrà avvenire in qualsiasi momento. Non osate molestare i fratelli militanti”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/08/2016 12:37:00 BANGLADESH
    Dhaka, ucciso il mandante della strage nel bar per stranieri

    Tamim Ahmed Chowdhury era arrivato dal Canada nel 2013 e da quel momento aveva fatto perdere le sue tracce. Nel blitz di questa mattina sono morti altri due terroristi, dall’identità ignota. Il pianificatore della strage al caffè della capitale aveva creato una nuova branca del gruppo islamico Jama’atul Mujahideen Bangladesh.



    03/04/2017 13:38:00 BANGLADESH
    Confessione di un adolescente militante: Cristiani uccisi per “esercitarsi” alla strage di Dhaka

    Taharem Kaderi racconta la sua guerra santa. Il ragazzo ha 14 anni ed era uno studente brillante dell’ottava classe. Nel 2014 i genitori sono andati in pellegrinaggio islamico e sono cambiati. Egli ha cambiato casa e vita, radicalizzandosi insieme ad altri militanti. Ha gioito alla notizia della strage di Dhaka in cui sono morti anche nove italiani. Per un periodo ha vissuto con gli attentatori del bar per stranieri.



    15/07/2016 12:38:00 BANGLADESH
    Bangladesh, decine di docenti incitavano al terrorismo islamico: fermati

    La polizia ha accertato il coinvolgimento del professor Hasnat Karim con gli attentatori di Dhaka. Gli inquirenti hanno sequestrato diversi libri che inneggiavano al jihad nella biblioteca dell’università dove egli ha insegnato nel 2012. Le idee estremiste venivano diffuse nelle accademie più prestigiose della capitale.



    21/05/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, estremisti islamici minacciano “giusta morte” a 10 intellettuali e blogger
    La lista delle “prossime vittime” è stata redatta dal gruppo fondamentalista “Al Kaida Ansarullah Bangla Team 13” e inviata ai “colpevoli”. Nel Paese è emergenza sicurezza: già tre critici dell’islam uccisi a colpi di machete. Blogger cattolico: “Non mi sento più al sicuro”.

    08/05/2017 15:11:00 BANGLADESH
    Bangladesh: un costante 'stillicidio' di conversioni all’islam

    Un rapporto della polizia evidenzia un nuovo fenomeno: indù convertiti all’islam violento. I fedeli indù sono da sempre bersaglio della maggioranza islamica. La pressione dei fondamentalisti ha più presa su persone deboli ed emarginate. Disaccordo su come gestire i fondi stanziati dall’Arabia saudita per madrasse e moschee. “Se non il terrorismo, i centri culturali islamici potrebbero incrementare l’integralismo”.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®