23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/09/2016, 10.55

    INDONESIA – FILIPPINE

    Duterte: Nessun problema se Jakarta decide di giustiziare Mary Jane Veloso

    Mathias Hariyadi

    Il presidente filippino, in visita diplomatica in Indonesia, ha avuto un colloquio privato con Widodo sulla possibile cancellazione della condanna della donna filippina. La Veloso è in carcere con l’accusa di spaccio di droga, ma la sua esecuzione è stata più volte rinviata grazie agli sforzi dell’ex presidente Aquino e alle critiche della Chiesa cattolica.

     

    Jakarta (AsiaNews) – Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha dato il via libera all’esecuzione di Mary Jane Veloso, sua connazionale tenuta nel braccio della morte in Indonesia con l’accusa di spaccio di droga. La notizia è arrivata tramite le dichiarazioni di Joko Widodo, presidente dell’Indonesia, che ha riportato una conversazione avuta con il leader di Manila.

    Duterte si trova in Indonesia per una visita di due giorni. Widodo ha parlato alla stampa dal suo soggiorno a Serang (Banten), durante il quale ha preso parte all’Hajj “Lebaran” Idul Adha, festività islamica che comprende un sacrificio, nella Grande moschea della città. “Ho parlato al presidente Duterte del caso di Mary Jane Veloso – ha detto Widodo – e del fatto che la donna ha portato 2,6 chili di eroina in Indonesia. Ho anche condiviso con lui i miei pensieri sulla possibile cancellazione della sua esecuzione”.

    “Durante la nostra discussione – ha aggiunto – il presidente Duterte mi ha detto che ‘è ok’ se le autorità indonesiane la giustiziano”.

    Mary Jane Fiesta Veloso, domestica di 31 anni, è tenuta nel braccio della morte in Indonesia dopo che nel 2010 è stata fermata in aeroporto con 2,6 chili di eroina. La donna si è sempre dichiarata innocente, affermando di essere diventata un corriere della droga a sua insaputa. Richieste di grazia per lei sono giunte dalla Chiesa filippina, da quella indonesiana, e da vari Paesi asiatici. Nelle ultime settimane, gli avvocati della difesa hanno prodotto “nuove prove” che scagionerebbero la donna. Joko Widodo ha affermato che l’Ufficio legale indonesiano non ha ancora divulgato la decisione su queste nuove prove.

    Finora la Veloso è stata risparmiata in diversi round di esecuzioni compiuti dalle autorità indonesiane, l’ultimo dei quali lo scorso luglio. La donna infatti dovrebbe comparire come testimone nel processo contro Maria Kristina Sergio, sospettata di aver “reclutato” con un raggiro la Veloso per renderla un corriere della droga.

    L’Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, ha una delle leggi anti-droga più severe al mondo, per combattere quella che il presidente Joko Widodo ha definito “un’emergenza nazionale”. Dal 1979 al 2015, sono state compiute 66 esecuzioni capitali.

    L’ex presidente filippino Benigno Aquino aveva cercato di fare pressioni sul governo indonesiano affinché sospendesse la condanna della Veloso. Diverso l’approccio di Rodrigo Duterte che, a partire dalla campagna elettorale, ha promesso la morte a tutti gli spacciatori presenti nelle Filippine ed è condannato dalla comunità internazionale per l’ondata di omicidi extragiudiziali (circa 3mila) di presunti trafficanti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/04/2015 INDONESIA - FILIPPINE - ONU
    Cristiani filippini e indonesiani in festa per Mary Jane. Sulle esecuzioni Onu contro Jakarta
    Gioia e soddisfazione nelle Filippine per la domestica condannata a morte e risparmiata all’ultimo minuto. I condannati hanno affrontato il patibolo cantando “Amazing Grace”. Parenti, attivisti e gruppi religiosi - anche cristiani - indonesiani hanno pregato in concomitanza con le esecuzioni. Dura nota di Ban Ki-moon: “nel 21mo secolo non vi è posto” per la pena di morte.

    29/04/2015 INDONESIA - FILIPPINE
    Jakarta ferma il boia per Mary Jane. La madre: “I miracoli si avverano”. Giustiziati gli altri otto condannati
    Felicità e commozione nelle parole di Celia Veloso, che aveva “perso la speranza”. Soddisfazione anche dall’arcivescovo di Jakarta e dal padre spirituale che ha accompagnato la donna negli ultimi istanti. La svolta determinata dal fatto che la persona sospettata di aver reclutato Mary Jane si è consegnata alle autorità filippine.

    30/04/2015 FILIPPINE – INDONESIA
    Vescovo filippino: Preghiamo e speriamo che Mary Jane venga liberata presto
    Il presidente della Commissione per la cura dei migranti ad AsiaNews: “E’ un ostaggio, vittima di un traffico di esseri umani più grande di lei. Pensiamo che sopra la sua reclutatrice vi sia una rete più estesa, faremo di tutto per fermarla”. In agosto mons. Santos sarà in Kuwait e nei Paesi del Golfo: “Una missione per i nostri lavoratori all’estero. A loro dico: non date retta a chi promette soldi facili, ricordate sempre la vostra dignità di esseri umani”.

    04/08/2015 FILIPPINE – INDONESIA
    Vescovo filippino: Mary Jane Veloso è innocente, venga punito chi l’ha sfruttata
    La donna filippina è in carcere in Indonesia, condannata per traffico di droga. Su di lei pende ancora la condanna a morte. Il presidente della Commissione episcopale per la cura dei migranti ad AsiaNews: “L’hanno usata e depredata della sua innocenza. Pregheremo per lei e accudiremo i suoi figli. Siamo fiduciosi che la condanna verrà sospesa”.

    31/05/2016 11:20:00 MALAYSIA – INDONESIA
    Malaysia, migrante indonesiana condannata a morte per traffico di droga

    La donna è stata arrestata nel 2013 all’aeroporto di Penang con 4 chili di amfetamine nella valigia. Secondo alcuni attivisti è l’ennesima vittima dei trafficanti che sfruttano la disperazione dei lavoratori all’estero. La donna ha ricevuto la borsa da persone che non conosceva e non era al corrente del contenuto. Sono almeno 158 i cittadini indonesiani nel braccio della morte in Malaysia.

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®