17 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
TAIWAN - CINA - VATICANO
E' morto il card. Paul Shan, grande evangelizzatore e costruttore di unità per la Chiesa in Cina
Era stato creato cardinale da Giovanni Paolo II. Ha sempre lavorato per la riconciliazione in Cina. Negli ultimi anni della sua vita, pur malato di cancro, non si è mai risparmiato per predicare la fede e l'evangelizzazione. Ricordo commosso del sacerdote continentale. Il ricordo di tutto il mondo cattolico cinese.

Taipei (AsiaNews) - E' morto oggi pomeriggio il card. Paul Shan Kuo-Hsi, sj, vescovo emerito di Kaohsiung. Era stato ricoverato il 20 agosto  all'ospedale di Gengxin a Tapei per una polmonite, ma dal 2006 lottava con una forma di cancro.  Aveva 89 anni (ma secondo la tradizione cinese, che conta i mesi nel grembo materno, avrebbe 90 anni). Fonti dell'AsiaNews da Pechino,  Hong Kong e dalla sua amatissima diocesi di Kaohsiung, raccontano che tutto il mondo cattolico cinese piange questo cardinale molto amato, che ha  dedicato alla sua vita per la riconciliazione e l'unità della Chiesa in Cina, da cui proveniva.  Lo scorso giugno aveva tentato di rivedere la sua terra, ma le autorità cinesi gli hanno negato il visto. Un sacerdote della Repubblica popolare cinese ricorda il card. Shan con commozione: "L'ultima volta che l'ho visto era l'anno scorso. Mi aveva parlato solo dell'unità e riconciliazione della Chiesa in Cina sottolineando l'inutilità di ogni conflitto. Lui si preoccupava della formazione dei sacerdoti e dei seminaristi del continente. Con immensa dispiacere, ma con grande fede, mi ha parlato del suo visto negato per un rientro in patria, ma lui con grande saggezza ha messo tutto nella mani di Dio".

Personalità molto attenta ai problemi della libertà religiosa in Cina e a Taiwan, il card. Shan ha sempre lavorato per ricucire i rapporti fra la Chiesa di Taiwan e quella della Cina; fra comunità ufficiali e sotterranee. Quando gli hanno scoperto il cancro, lui ha dato le dimissioni dalla diocesi di Kaohsiung, ma ha continuato a offrire ritiri, conferenze, promuovendo l'evangelizzazione sull'isola e in Cina. Il suo impegno di carità lo ha avvicinato anche al mondo buddista, Il prossimo ottobre, la Tzu Chi Foundation, la più grande organizzazione caritativa buddista a Taiwan, gli avrebbe conferito un premio.

Il presidente Ma Ying-jeou ha inviato condoglianze ai vescovi di Taiwan.

Secondo la biografia del Collegio Cardinalizio della Santa Sede, il card. Shan è nato il 3 dicembre 1923 a Puyang (oggi nell'Henan), in Cina (diocesi di Taming). Entra nella Compagnia di Gesù l'11 settembre 1946 a Pechino ed emette i primi voti il 12 settembre 1948 sempre a Pechino. Viene poi ordinato sacerdote il 18 marzo 1955 a Baguio, nelle Filippine, dal 1959 al 1961 compie il biennio del dottorato di teologia spirituale presso la Pontificia Università Gregoriana, a Roma. Dopo un periodo in Vietnam, nel 1976 è nominato vicario episcopale di Taipei. Il 15 novembre 1979 viene eletto vescovo di Hwalien. Il 14 febbraio 1980 riceve l'ordinazione episcopale e prende possesso della diocesi. Nel 1983 è incaricato per le celebrazioni del 400mo anniversario dell'arrivo in Cina di padre Matteo Ricci. Il 4 marzo 1991 viene nominato vescovo di Kaohsiung, e prende possesso della nuova diocesi il 17 giugno successivo. È stato relatore generale all'Assemblea speciale per l'Asia del Sinodo dei Vescovi, svoltasi a Roma dal 19 aprile al 14 maggio 1998. Si deve anche a lui il desiderio di invitare due vescovi della Cina al Sinodo, ai quali il governo cinese non ha dato il permesso di parteciparvi. Per tutto il tempo del Sinodo vi sono state due sedie vuote a ricordarli. Quello stesso anno, Giovanni Paolo II lo ha creato cardinale. Faceva parte della Commissione vaticana per la Chiesa in Cina.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/12/2009 TAIWAN
L'ultimo regalo di Natale del card. Shan ai bambini di Taiwan
di Annie Lam
23/08/2012 INDIA – TAIWAN - VATICANO
Card. Gracias: Preghiamo per il card. Paul Shan, servitore intenso e generoso della Chiesa
di Card. Oswald Gracias
27/08/2012 TAIWAN-CINA-VATICANO
Card. Zen: Un ricordo del card. Paul Shan, fratello, maestro e ora protettore dal Cielo
di Card. Joseph Zen Ze-kiun
03/09/2012 TAIWAN-CINA-VATICANO
L'ultimo saluto al card. Paul Shan
di Xin Yage
21/11/2009 TAIWAN - VATICANO
Il card. Tomko, inviato del papa alle celebrazioni dei 150 anni di evangelizzazione di Taiwan

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate