Skin ADV
11 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/08/2012, 00.00

    TAIWAN - CINA - VATICANO

    E' morto il card. Paul Shan, grande evangelizzatore e costruttore di unità per la Chiesa in Cina



    Era stato creato cardinale da Giovanni Paolo II. Ha sempre lavorato per la riconciliazione in Cina. Negli ultimi anni della sua vita, pur malato di cancro, non si è mai risparmiato per predicare la fede e l'evangelizzazione. Ricordo commosso del sacerdote continentale. Il ricordo di tutto il mondo cattolico cinese.

    Taipei (AsiaNews) - E' morto oggi pomeriggio il card. Paul Shan Kuo-Hsi, sj, vescovo emerito di Kaohsiung. Era stato ricoverato il 20 agosto  all'ospedale di Gengxin a Tapei per una polmonite, ma dal 2006 lottava con una forma di cancro.  Aveva 89 anni (ma secondo la tradizione cinese, che conta i mesi nel grembo materno, avrebbe 90 anni). Fonti dell'AsiaNews da Pechino,  Hong Kong e dalla sua amatissima diocesi di Kaohsiung, raccontano che tutto il mondo cattolico cinese piange questo cardinale molto amato, che ha  dedicato alla sua vita per la riconciliazione e l'unità della Chiesa in Cina, da cui proveniva.  Lo scorso giugno aveva tentato di rivedere la sua terra, ma le autorità cinesi gli hanno negato il visto. Un sacerdote della Repubblica popolare cinese ricorda il card. Shan con commozione: "L'ultima volta che l'ho visto era l'anno scorso. Mi aveva parlato solo dell'unità e riconciliazione della Chiesa in Cina sottolineando l'inutilità di ogni conflitto. Lui si preoccupava della formazione dei sacerdoti e dei seminaristi del continente. Con immensa dispiacere, ma con grande fede, mi ha parlato del suo visto negato per un rientro in patria, ma lui con grande saggezza ha messo tutto nella mani di Dio".

    Personalità molto attenta ai problemi della libertà religiosa in Cina e a Taiwan, il card. Shan ha sempre lavorato per ricucire i rapporti fra la Chiesa di Taiwan e quella della Cina; fra comunità ufficiali e sotterranee. Quando gli hanno scoperto il cancro, lui ha dato le dimissioni dalla diocesi di Kaohsiung, ma ha continuato a offrire ritiri, conferenze, promuovendo l'evangelizzazione sull'isola e in Cina. Il suo impegno di carità lo ha avvicinato anche al mondo buddista, Il prossimo ottobre, la Tzu Chi Foundation, la più grande organizzazione caritativa buddista a Taiwan, gli avrebbe conferito un premio.

    Il presidente Ma Ying-jeou ha inviato condoglianze ai vescovi di Taiwan.

    Secondo la biografia del Collegio Cardinalizio della Santa Sede, il card. Shan è nato il 3 dicembre 1923 a Puyang (oggi nell'Henan), in Cina (diocesi di Taming). Entra nella Compagnia di Gesù l'11 settembre 1946 a Pechino ed emette i primi voti il 12 settembre 1948 sempre a Pechino. Viene poi ordinato sacerdote il 18 marzo 1955 a Baguio, nelle Filippine, dal 1959 al 1961 compie il biennio del dottorato di teologia spirituale presso la Pontificia Università Gregoriana, a Roma. Dopo un periodo in Vietnam, nel 1976 è nominato vicario episcopale di Taipei. Il 15 novembre 1979 viene eletto vescovo di Hwalien. Il 14 febbraio 1980 riceve l'ordinazione episcopale e prende possesso della diocesi. Nel 1983 è incaricato per le celebrazioni del 400mo anniversario dell'arrivo in Cina di padre Matteo Ricci. Il 4 marzo 1991 viene nominato vescovo di Kaohsiung, e prende possesso della nuova diocesi il 17 giugno successivo. È stato relatore generale all'Assemblea speciale per l'Asia del Sinodo dei Vescovi, svoltasi a Roma dal 19 aprile al 14 maggio 1998. Si deve anche a lui il desiderio di invitare due vescovi della Cina al Sinodo, ai quali il governo cinese non ha dato il permesso di parteciparvi. Per tutto il tempo del Sinodo vi sono state due sedie vuote a ricordarli. Quello stesso anno, Giovanni Paolo II lo ha creato cardinale. Faceva parte della Commissione vaticana per la Chiesa in Cina.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/12/2009 TAIWAN
    L'ultimo regalo di Natale del card. Shan ai bambini di Taiwan
    Volume autobiografico del vescovo emerito di Kaohsiung, malato di cancro. Si intitola “Seminare per chi ama: storia di Shan Kuo-hsi”. Il ricavato della vendita verrà destinato alla costruzione di un orfanotrofio dedicato alla cura dei bambini delle popolazioni indigene delle contee di Kaohsiung e Pingtung.

    23/08/2012 INDIA – TAIWAN - VATICANO
    Card. Gracias: Preghiamo per il card. Paul Shan, servitore intenso e generoso della Chiesa
    L’arcivescovo di Mumbai ricorda il porporato, morto ieri a Taipei. L’impegno per riconciliare la Chiesa in Cina e la completa dedizione alla missione evangelizzatrice. Il card. Paul Shan Khu-Hsi, sj, era vescovo emerito di Kaohsiung.

    27/08/2012 TAIWAN-CINA-VATICANO
    Card. Zen: Un ricordo del card. Paul Shan, fratello, maestro e ora protettore dal Cielo
    Il vescovo emerito di Hong Kong ripercorre il grande contributo del defunto card. Shan per la canonizzazione dei martiri in Cina (1 Ottobre 2000); la diffusione della Lettera di Benedetto XVI; la testimonianza di fronte alla sua malattia; fino al suo ultimo sacrificio: accettare di non andare in Cina a ritrovare sua sorella e il vescovo Jin Luxian di Shanghai suo vecchio compagno di studi per non essere strumentalizzato dall'Associazione patriottica.

    03/09/2012 TAIWAN-CINA-VATICANO
    L'ultimo saluto al card. Paul Shan
    Presenti personalità vaticane, i cardinali di Hong Kong, politici e leader religiosi. Il dono del presidente Ma Ying-jeou. Fra i 5mila fedeli, molti aborigeni e giovani. Commozione davanti al video del suo saluto estremo: "le mani vuote, porto solo ciò che ho compiuto nella vita".

    16/01/2013 TAIWAN
    Vescovi di Taiwan a lezione di comunicazione
    Per tre giorni i prelati hanno imparato come sottoporsi a un'intervista, una conferenza stampa, facendo attenzione alla postura davanti alle telecamere e al modo di parlare. Il tutto è importante per comunicare l'opera della Chiesa nell'isola e il grande impegno di evangelizzazione verso i giovani.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Sergei Chapnin: La Chiesa russo-ortodossa nel 2016. L’incomprensione e la sfiducia del popolo. Terza parte

    Sergei Chapnin

    L’attento analista russo mostra alcune contraddizioni in cui vive il Patriarcato, incapace a suo dire di comprendere la situazione dei poveri e della società russa. Un altro problema: la tradizionale “sinodalità” ha lasciato il posto a una gestione verticistica.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®